Sasha Banks batte Charlotte nel main event di Raw e ritorna campionessa della categoria femminile per la seconda volta. Il pubblico esplode, si sente partecipe e la WWE ci mostra un video che dichiara questa come una delle più grandi rivalità di tutti i tempi. Queste due ragazze sono negli annali del wrestling, hanno raccontato una storia che sarà da esempio per il futuro.

Pubblicità

Eppure anche questo feud è figlio di una direzione di Raw poco appassionante e monotona. Molti han pensato che l’aggiunta del titolo Cruiserweight avrebbe dato maggior spettacolo, che le donne nel main event avrebbero cambiato le carte in tavola, che Kevin Owens sarebbe stato il draw che aspettavamo da tempo. Smackdown, con uno stile molto semplice, sta dando lezioni ogni settimana. Non uno Smackdown trascendentale, sia chiaro, ma pur sempre uno spettacolo che scivola mia con tranquillità e che si lascia ben vedere. Cosa cambia? Certamente il lato emotivo mostrato davanti alle telecamere, la capacità di suscitare un sussulto di settimana in settimana con una rosa di wrestler decisamente adatta al ruolo.

Sasha e Charlotte sono figlie di un Raw monotono, legato al tappeto, che fatica ad uscire dal proprio recinto. Di un Raw dove non esiste un piano a lungo termine, una idea diversa dal solito e gli atleti sono disegnati tutti allo stesso modo. Charlotte è la heel irritante e snob; Sasha la buona brava ed egoista; Bayley la buona brava e che deve attendere il suo turno. Il problema principale è che non esiste altro dietro, non ci sono storie che possano accompagnare o interessare quella principale. Nia Jax, ad esempio, non è andata oltre dei semplici squash dal suo debutto. Dana Brooke è il paggetto di Charlotte che viene bullizzato da Sasha. Emma non esiste ancora. Insomma: sei donne, ma dalla scorsa estate stiamo assistendo sempre alle solite sfide tra le solite due atlete.

Fino a che punto Sasha e Charlotte dovranno passarsi il titolo? Sicuramente l’Hell in a Cell sarà spettacolare, magari darà un altro modo per vivere la sfida, ma sarà anche il finale di questa rivalità? Fino a che punto sarà utile porre una nuova sfidante? In caso di vittoria di Sasha, sul suo cammino ci sarebbe una Nia Jax che non ha ancora mostrato nulla e che potrebbe venire affossata senza appelli. E Charlotte? Sì, c’è Bayley ma fino a che punto? Stiamo parlando del top della categoria, di colei che ha dominato il panorama femminile per dieci mesi e che difficilmente si riuscirà a riconvertire.

Ciò che rende debole il futuro è l’aver visto le due ragazze sfidarsi in vari modi per tutto l’anno. La WWE deve capire che non siamo negli anni ’80 quando le faide venivano replicate all’infinito negli house show, con gli sporadici picchi televisivi. Sasha e Charlotte hanno messo in piedi tanti buoni match ma non dei classici. Non dei must come i Triple Threat comprendenti l’inclusione di Becky. Bisogna dunque cambiare, dare una scossa, liberare le ragazze dai paletti e dare a ciascuna la propria forza: così qualunque ragazza sarà meritevole di un salto verso la gloria e scapperà dalla monotonia di vedere sempre gli stessi match

Corey
Dal 2007 redattore di Zona Wrestling e autore di rubriche come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia e Coppa dei Campioni. Attualmente coordinatore ad interim del sito.
  • Mich Catinari

    Concordo in tutto ma aggiungo anche che la divisione femminile di Smackdown non è che sia messa tanto meglio. Personalmente a me piacciono tutte e due le divisioni e mi piacciono le loro diversità. Sicuramente da quest’anno in poi si può effettivamente parlare di wrestling femminile e di questo ne sono contento.

    Aggiungo inoltre un’altra considerazione: basta con questa storia che Smackdown è cento volte meglio di Raw. Non è vero affatto e lo si è visto benissimo con No Mercy, ma poi come si può dire che a Raw non si hanno imminenti piani per il futuro? Perché invece a Smackdown sì? E voi che scrivete nei Blog come fate a saperlo? Lavorate di nascosto a Stamford?

    • The Irish Tommy

      SmackDown risulta essere migliore per quanto riguarda le storylines, contando il materiale ed il tempo a loro disposizione.
      Raw si permette di tenere Zayn a fare nulla, Sd riesce a valorizzare persino Slater, proprio grazie alla scrittura.
      Ecco perchè viene visto come migliore, che poi sulla carta raw faccia più gola visto il roster che ha non lo si mette in dubbio.

      • Mich Catinari

        Ancora con questa storia che Sami Zayn non ha possibilità a Raw? Ma basta. Il wrestler canadese è nella stessa condizione in cui era Dean Ambrose fino all’anno scorso, ossia in attesa che ci fosse spazio pure per lui nel giro del titolo mondiale (non me le scordo mica le milioni di domande sul Chiedilo a Zona Wrestling su cosa pensa la WWE di Dean Ambrose).

        Smackdown riesce a valorizzare (quasi) tutti per la carenza di roster rispetto a Raw (e perché non ci sono squash match ma questo è un altro discorso). Il fatto che riesca a valorizzare Heath Slater può essere quindi vista come una cosa positiva come come anche una cosa negativa: si rischia di dare importanza anche a gente che non la merita

        • The Irish Tommy

          Non ho detto che sia uno scandalo che Zayn non abbia il titolo e non ho neppure escluso che non lo vincerà mai. Ci sarà una via di mezzo tra lottare contro Jinder Mahal e farsi tutti i ppv con il titolo, no?

          Hai scoperto l’acqua calda su SmackDown, si sa fin dall’inizio del draft che si sarebbe andati a dare importanza a gente che non la merita, com’era 10 anni fa.
          Il punto del discorso era che, se con una storia, riescono a far rendere Slater possono farlo con chiunque.

          • Mich Catinari

            Il problema di Sami Zayn purtroppo è che tutti sanno che lui il titolo Universale prima o poi lo vincerà, tutti, però purtroppo ora come ora non si sa dove collocarlo visto che il titolo US è occupato da un’accesissima rivalità tra Roman Reigns e Rusev (che ti dirò, non mi dispiace più di tanto). Il titolo Universale invece, sua dimensione perfetta, è occupato da Owens e Rollins che devono costruire questa mega storyline che porterà alla redemption di Seth che andrà a affrontare Triple H a Wrestlemania 33 (credo, visto che non lavoro a Stamford).
            Ah già, voi tutti volevate che l’Underdog from the Undeground fosse stato collocato così totalmente a caso nel giro del titolo USA no? Così almeno potevate dire “beh, anche lui lotta per qualcosa di importante”. Ma ciò non sarebbe risultato troppo casuale e fatto “ad mentula canis”?

            Non è che io ho scoperto l’acqua calda, è una cosa che chiunque con un minimo di cervello riesce a intuire (qui in questo forum purtroppo lo riescono a notare in pochi e la cosa mi preoccupa), però cavoli paragonare questa situazione a quella di dieci anni fa è quasi un insulto. Ora come ora il roster è anni luce avanti rispetto a quello di dieci anni fa. Non ci sono più i vari Mordecai, Kenzo Suzuki, Rodney Mack, Paul Burchill, Luther Reigns e così via. Certo, ci sono wrestler anonimi o senza carisma però non si è più nella situazione imbarazzante di quel periodo.
            Quello che voglio far capire è: come si fa a dire che Smackdown valorizza tutti se, ad esempio, gente come i Vaudevillains, Apollo Crews o Kalisto non se li caga nessuno?

  • It Factor

    Concordo in tutto, ma penso che la divisione femminile di smack sia allo stesso livello, solo che in 2 ore di show viene equilibrata con il resto. Se fossi la WWE, manderei Emma a Smack

    • Edoardo

      No, nella divisione di smackdown non c’è una differenza abissale tra chi sta al main event femminile e chi non ne fa parte, c’è una mid card ma non una low card, invece a Raw a parte quelle 3 sono tutte praticamente low card e jobber. Questo fa molta differenza perchè come butti Nia Jax od Emma nell’uppercard hai la sensazione che queste non vinceranno MAI nulla di importante. A SD invece sono più o meno tutte allo stesso livello da Natalya a Nikki a Alexa Bliss.

      • It Factor

        Concordo in pieno

  • Edoardo

    Sottolineo tutto due volte, ed aggiungo, sapete qual’è il “kiss of death” per un atleta in WWE? Essere un talento brillante e giovane, perchè i writer non sanno che farsi di te.

  • wwp

    Sul serio, quelle due hanno abbondantemente rotto.
    Le loro scaramucce per il titolo sono iniziate alla Royal Rumble, e tranne brevi periodo stanno andando avanti da allora. Match ad Hell in a Cell e poi basta, perchè davvero inizia ad essere noiosa come situazione.

  • Il tutto parte dall’aver diviso la categoria femminile, a SD con poco stanno facendo cose discrete come in generale nello show, mentre RAW, bookato demmerda, ha poco anche esso e allora ecco che si arriva alla monotonia d due che si sfidano da anni se contiamo anche NXT.
    L’unica speranza è che rendano Emma qualcosa di serio e che turnino Sasha heel per rinverdire il feud con Bayley.

  • LNightP

    Heyyy ci sarà anche Paige….in futuro…

    • The Irish Tommy

      Mamma mia che gufata.. 🙂

      • LNightP

        Santa Madonna, ed ho scritto santa perché voglio essere rispettoso!

  • Mr. 619

    Aspettavo da Wrestlemania che Charlotte perdesse il Titolo in favore della Banks eppure sono riusciti a togliermi molto entusiasmo. Si è messa in mezzo la sfortuna e a Summerslam è servito il piano B. Non è colpa loro ma così questo 2 Regno titolato della Boss mi sembra già visto e quasi stufato. Bisogna assolutamente togliere Charlotte dal giro titolato, grande atleta ma i suoi feud tutti uguali… Dopo HIAC vedremo cosa succederà ma le avversarie sono poche e Raw non sta mostrando molto creatività

  • BelieveInTheShield

    Magari la monotonia fosse sempre questa. Non metto in dubbio però che qualcosa debba cambiare e che non si possa andare avanti così fino a Mania.