Bruno Sammartino è stato raggiunto da Jason Freda di 2xzone.com per un'intervista telefonica, dopo il salto trovate il video integrale e gli estratti più interessanti

Pubblicità

Sull’esser stato molto critico nei confronti dell’Attitude Era e del perché ha inizialmente rifiutato la Hall Of Fame:

“Sono stato molto esplicito su alcune delle cose che mi davano fastidio.. non mi piaceva com’era gestita, non mi piaceva la nudità, la volgarità e l’uso delle parolacce come se non ci fosse un domani… Sentivo nel mio cuore che era tutto sbagliato, e sentivo che entrare a far parte della Hall Of Fame sarebbe stato ipocrita da parte mia e semplicemente  non l’ho voluto fare”

Su come Triple H lo abbia convinto ad accettare l’invito per la Hall Of Fame nel 2013:

"Dopo diversi anni, Triple H mi ha chiamato. Devo dire che è stato molto onesto e schietto. HHH mi ha spiegato che hanno un programma, diretto dal Dr. Maroon, di test anti-droga molto severi e scrupolosi. Triple H mi ha detto che mi voleva far vedere una puntata di Monday Night Raw per mostrarmi gli enormi cambiamenti circa nudità, volgarità e parolacce. Sono tornato perché mi è piaciuto quello che ho  sentito, sono contento per la pulizia che hanno effettuato sui contenuti… Tutto quello che ho visto è stato esattamente come lui (HHH) mi ha detto che sarebbe stato."

Sul wrestling di oggi:

"Oggi il wrestling lo seguo, penso che ragazzi come Cena lavorino molto duramente. Ragazzi come Brock Lesnar, Ziggler, Orton e Sandow lavorano duro, hanno alcune buone manovre, hanno un buon ritmo sul ring, sanno come si lavora in questo mondo e danno il meglio di quello che possono essere."

Sulla sua infanzia: 

“Quando vivevo in Europa ero solo un ragazzino… Gli inverni in montagna erano veramente duri. Siamo rimasti li per circa 14 mesi e mi sono ammalato gravemente… Stavo letteralmente morendo a causa di quella che poi si è rivelata essere una febbre reumatica. Ho fatto di tutto, persino farmi succhiare il veleno dal mio corpo con delle sanguisughe"

“Quando sono arrivato negli Stati Uniti, per via della febbre reumatica, pesavo meno di 40kg.. Ero diverso, per questo sono stato vittima di bullismo. Ho iniziato a fare esercizio, ad allenarmi e a mettere su massa.. In quel momento ho iniziato a pensare al wrestling."

Sulla sua autobiografia:

“Molte persone mi continuavano a dire, Bruno, hai avuto una vita così interessante, devi raccontarla! Ho pensato quindi di scrivere un libro, a chi l’ha scritto con me ho chiesto di essere onesto, sincero e di non esagerare”

Sui primi passi nel mondo del wrestling:

“Mi è stato promesso un ruolo da protagonista, per questo ho accettato di diventare un wrestler professionista”

“Penso che la gente abbia iniziato a credere in me quando, al Garden, ho sollevato Haystacks Calhoun”

Sull'approdo nella compagnia di Vince McMahon Sr:

“Mi ero appena preso una pausa quando mi arrivò la telefonata di Vince McMahon Sr. durante la quale mi disse che voleva riportarmi in scena. Io ho chiesto di darmi Buddy Rogers e una chance di diventare il nuovo campione… Io e Buddy Rogers, ad essere onesti, non ci siamo mai veramente piaciuti, credo però di non avergli portato via nulla”

Sulle future apparizioni in WWE:

“Mi hanno chiesto se sono disposto ad alcune apparizioni durante gli show registrati a Chicago, Philadelphia e in Connecticut. Con Hall Of Fame e WrestleMania alle porte, passero molto tempo in sessioni di autografi e di domanda&risposta.”

 

Questo è il video dell'intervista integrale


Bruno Sammartino Interview on 2xzone… di 2xzone

 

Fonte: 2xzone.com & ProWrestling.com | Traduzione a cura di ZonaWrestling.net