Pubblicità

Al termine dell’ultima puntata di Raw, sul WWE Network, è andato in onda il podcast di Steve Austin con ospite Vince McMahon. Il confronto, molto diretto e “fuori dai personaggi”, è durato poco più di un’ora e ha consegnato diversi spunti interessanti che, noi di ZonaWrestling, abbiamo deciso di tradurre e trascrivere per voi. Di seguito le parole del Chairman che racconta come è entrato nel business e spiega quello che voleva per i suoi figli:

 

Hai voluto far entrare i tuoi figli nel business perché tuo padre non voleva far entrare te?

“No, non voleva (ride ndr). Ho voluto Shane e Stephanie e, ovviamente, anche Paul (Triple H ndr) che ora lavora con noi… Volevo che Stephanie e Shane facessero quello che volevano fare, non li ho spinti ad entrare nel business. Lavoravano con me durante l’estate, ad esempio Shane si è occupato del magazzino e del merchandise. Un giorno è venuto a chiedermi un aumento e io gli ho risposto che se lo voleva, doveva lavorare di più e meglio o che, in alternativa, poteva trovarsi un altro lavoro. […] Probabilmente poi lo ha fatto visto che, alla fine, se n’è andato.”

 

Tu sei entrato nel business quando il commentatore, ai tempi tuo padre, se n’è andato a causa di un aumento non concesso.

“Seguivo sempre mio padre, adoravo partecipare alle riunioni, gli facevo un sacco di domande. Ero un buon ascoltatore e ascoltavo le sue conversazioni con i talenti dell’epoca. Eravamo in Pennsylvania e, a pochi minuti dall’entrata in scena, il commentatore ha chiesto un aumento a mio padre minacciando di andarsene. Mio padre non glielo concesse e lui se ne andò. Io ero nascosto che li ascoltavo e pensai ‘Wow, è stato magnifico. ’.  Ero fiero di mio padre ma, dopo qualche minuto, gli chiesi ‘Come faremo ora?’ e lui rispose ‘Prenderai tu il suo posto’ […]"

 

Traduzione e Trascrizione a cura di ZonaWrestling.net