Al termine dell’ultima puntata di Raw, sul WWE Network, è andato in onda il podcast di Steve Austin con ospite Vince McMahon. Il confronto, molto diretto e “fuori dai personaggi”, è durato poco più di un’ora e ha consegnato diversi spunti interessanti che, noi di ZonaWrestling, abbiamo deciso di tradurre e trascrivere per voi. Di seguito le parole del Chairman a proposito dei cambiamenti avvenuti in WWE e del processo creativo:

Pubblicità

 

Nel backstage ho visto tante persone con un sacco di fogli (si riferisce al creative team ndr). Ai tempi era un lavoro svolto da te e Pat Paterson, ascoltavate tutti ma di base era uno show diretto da due persone. Come mai è diventato così complicato? Il mondo dello Sports Entertainment è diventato così complicato da quando me ne sono andato?

“Quando te ne sei andato, la compagnia stava crescendo. La WWE è entrata in borsa e, oggi, è una compagnia diversa. Le cose sono cambiate, bisogna stare al passo con i tempi. Avere così tanta gente al lavoro, è fondamentale perché un solo uomo non ha tutte le risposte. Francamente non è un show che è possibile far dirigere da una sola persona, è cresciuto fino a diventare questa straordinaria organizzazione con molte persone e molti talenti. Tutti i dirigenti e gli sceneggiatori, non potremmo tornare ai tempi in cui facevamo tutto io e Pat sul bordo di una piscina. Tornando a quei tempi, ci divertivamo a buttare la gente, come Dusty Rhodes, nella piscina era divertente vedere le loro facce mentre stavano per finire in acqua. […] Questo business si basa sul divertimento, ti devi divertire se vuoi far divertire gli altri ed è quello che facciamo ancora oggi.”

 

Traduzione e Trascrizione a cura di ZonaWrestling.net