Come tutti ormai saprete, Bill DeMott, ha lasciato, recentemente, il posto da head trainer di NXT a causa delle numerose accuse che lo hanno colpito, nuovamente, negli ultimi mesi. DeMott, ormai libero da ogni vincolo con la WWE, ha iniziato, tramite il proprio account Twitter, a rispondere alle accuse. Vediamo alcuni degli scambi più interessanti:

Pubblicità

 

“Non dimenticherò mai quanto hai lavorato duro per me. Sarò sempre il tuo fan numero uno. Testa alta, fratello. Hai tanto di cui essere orgoglioso.”

“Grazie V, spero che tutto si risolverà per il meglio.”

 

“Non so se lo sai ma ho visto che Colt Cabana sta parlando male di te in questo momento.”

“Non ne sono sorpreso.”

“’Non ne sono sorpreso.’ Eh già, come osa Colt Cabana lamentarsi di essere stato chiamato KIKE.. (nomignolo, dispregiativo, dato agli ebrei ndt). Sacco di merda!”

Capisco che chiunque possa dire la propria sui social media, però, se mi conosci, o conosci come sono fatto, sai che non avrei mai detto una cosa del genere.

 

“Quindi non hai mai obbligato un ragazzo a fare una Stinkface nudo a Zack Ryder?”

“NO! Quella fu una decisione presa da 30 talenti nel tentativo di NON allenarsi quel venerdì del 2006”

 

“Nessun commento razzista o omofobo?”

“Non sono né razzista né omofobo.”

 

Fonte: LordsOfPain.net & ZonaWrestling.net