Qualche giorno fa abbiamo anticipato che, nel corso del prossimo episodio del podcast di Jim Ross, Shawn Michaels avrebbe rivelato nuovi dettagli sulla fine della Streak di Undertaker a Wrestlemania. Ebbene, lo Showstopper ha rivelato che la decisione di mettere fine all'imbattibilità del Phenom nel Grandest Stage of Them All sia maturata soltanto quattro ore prima che l'evento andasse in onda. JR ha poi afffermato di avere visto Undertaker durante la cerimonia della Hall Of Fame, di averlo abbracciato e di avergli chiesto quanti altri match avesse ancora intenzione di combattere, domanda alla quale il Deadman ha risposto: "Non lo so, ti farò sapere tra qualche ora". HBK ha poi confermato le voci sulle pessime condizioni fisiche di Undertaker negando, però, che esse abbiano influito sull'esito finale del match fra Taker e Brock Lesnar. Shawn Michaels ha poi ammesso che avrebbe voluto che il Deadman si ritirasse da imbattuto. Di fronte alla domanda di Jim Ross se questo sia stato o meno l'ultimo match di Undertaker, HBK non ha saputo dare una risposta certa, pur ribadendo che le condizioni fisiche del Deadman siano tutt'altro che eccezionali; egli ha inoltre affermato che sarà contattato dallo stesso Undertaker tra qualche settimanana.

Pubblicità

 

Fonte: EWrestlingnews.com & ZonaWrestling.net

 

ChristiaNexus
Cercatore di notizie nonché, occasionalmente, editorialista, reporter e co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno". Appassionato di wrestling di lunga data che odia l'ipocrisia e l'apriorismo sterile. Il suo compito è portare avanti l'opera di salvezza intellettuale avviata da Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, a costo di passare per grammar nazi. Segue, in un'ottica dialettico-inclusiva, tante federazioni, dalla WWE alla PWG, passando per TNA, ROH, NJPW, NOAH e Lucha Underground. Il Nexus, Christian, CM Punk, Daniel Bryan, Seth Rollins, Bray Wyatt, Undertaker, The Brian Kendrick e, ovviamente, Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, sono tra i suoi lottatori preferiti, senza dimenticare AJ Styles, Chris Hero, "Broken" Matt Hardy, il Bullet Club, i War Machine, Pentagon Jr, Minoru Suzuki, Satoshi Kojima, Tomohiro Ishii e Togi Makabe.