Come abbiamo riportato pochi minuti fa, Alberto Del Rio è stato licenziato della WWE per condotta poco professionale nei confronti di un impiegato della federazione dei McMahon. Ora, occorre notare che la notizia del licenziamento del messicano sia collocata tra quelle della homepage del sito ufficiale della WWE e che, a differenza di altri casi di licenziamento (accaduti abbastanza spesso negli ultimi tempi, ndr), non è stato utilizzato il vero nome del lottatore di San Luis Potosì, ovvero Alberto Rodriguez. Ora, se al licenziamento non dovesse conseguire un repentino cambio di idea della dirigenza della WWE, l'ultimo match disputato da Alberto Del Rio nella compagnia di Stamford è destinato a restare la sconfitta contro Jack Swagger patita nell'ultima puntata di Main Event, poiché il messicano non ha preso parte ai tapings di Smackdown e neanche al Live Event svoltosi nella giornata di ieri in Australia. In ogni caso, il contratto dell'ex WWE e World Heavyweight Champion sarebbe scaduto a breve.

Pubblicità

 

 

Fonte: LordsOfPain.net & ZonaWrestling.net

ChristiaNexus
Cercatore di notizie nonché, occasionalmente, editorialista, reporter e co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno". Appassionato di wrestling di lunga data che odia l'ipocrisia e l'apriorismo sterile. Il suo compito è portare avanti l'opera di salvezza intellettuale avviata da Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, a costo di passare per grammar nazi. Segue, in un'ottica dialettico-inclusiva, tante federazioni, dalla WWE alla PWG, passando per TNA, ROH, NJPW, NOAH e Lucha Underground. Il Nexus, Christian, CM Punk, Daniel Bryan, Seth Rollins, Bray Wyatt, Undertaker, The Brian Kendrick e, ovviamente, Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, sono tra i suoi lottatori preferiti, senza dimenticare AJ Styles, Chris Hero, "Broken" Matt Hardy, il Bullet Club, i War Machine, Pentagon Jr, Minoru Suzuki, Satoshi Kojima, Tomohiro Ishii e Togi Makabe.