In una recente intervista per “E & C’s Pod of Awesomeness”, l’ex campione dei pesi massimi Dolph Ziggler si è tolto qualche sassolino dalla scarpa, nei confronti della WWE.

Pubblicità

Ha fatto notare, senza mezzi termini, quanto perdere in continuazione mini la credibilità, e quindi la carriera, di un wrestler. Infatti, come ogni altro lottatore, lui crede ancora nella possibilità di diventare campione e di essere presente nel main event di WrestleMania. Tuttavia, perdere di continuo, sia contro lottatori maggiori, che contro nuove stars di NXT, non aiuta a rimanere nel cuore dei fan. Soprattutto, quello che più fa male, ha aggiunto, è cercare di distinguersi dalla massa, aggiungendo sempre novità al personaggio, senza copiare altri lottatori, e non venire comunque considerato.

Infine, ha concluso analizzando languidamente il suo ruolo da “gatekeeper”: continuare a perdere contro tutti nuoce sia alla sua immagine e, in più, non aiuta il lottatore emergente che lo sconfigge. Infatti il personaggio emergente non guadagna e non perde nulla, vincendo contro un combattente poco considerato.