Alberto Del Rio ha firmato con la WWE un contratto che gli garantirà un corrispettivo di 1.400.000 dollari all'anno, peraltro con un programma ridotto rispetto alla media di presenze delle Superstar della federazione dei McMahon. I termini dell'accordo sono la risultanza dell'esigenza della dirigenza di Stamford di avere una star di nazionalità messicana. Del Rio ha iniziato a trattare con la WWE da diverse settimane che, per alcune fonti, sarebbero cinque mentre, secondo altre fonti di diversa provenienza, sarebbero bastate tre settimane alle parti per raggiungere un accordo. Quel che è certo, in ogni caso, è che il ritorno a sorpresa del lottatore di San Luis Potosì in occasione dell'Open Challenge di John Cena, con annessa vittoria dello United States Championship, è stato programmato fin dalla conclusione delle negoziazioni fra i contraenti e, quindi, da qualche settimana. A un certo punto, tra l'altro, fin da quando è scaduto il contratto per apparire a Lucha Undergound, Del Rio è stato in contatto con John Gaburick, dirigente della TNA, che aveva messo sul piatto il ruolo di volto e nome principale della federazione di Nashville.

Pubblicità

 

E' opportuno precisare che Alberto Del Rio è ancora pubblicizzato per diversi eventi della AAA che si svolgeranno nei mesi di novembre e dicembre; ora, alcuni suggeriscono che Del Rio potrebbe non prendere parte al tour europeo della WWE in modo tale da adempiere le ultime obbligazioni contrattuali con la compagnia messicana. La AAA, infine, aveva proposto un contratto in esclusiva a colui che è ancora il proprio Mega Champion; tuttavia, essa non ha potuto competere con la lauta offerta che Del Rio ha ricevuto dalla WWE. Ciononostante, pare che la AAA e il lottatore messicano non siano ai ferri corti e che, piuttosto, si stiano lasciano in buoni rapporti.

 

Fonte: WrestlingNewsPost.com & ZonaWrestling.net

ChristiaNexus
Cercatore di notizie nonché, occasionalmente, editorialista, reporter e co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno". Appassionato di wrestling di lunga data che odia l'ipocrisia e l'apriorismo sterile. Il suo compito è portare avanti l'opera di salvezza intellettuale avviata da Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, a costo di passare per grammar nazi. Segue, in un'ottica dialettico-inclusiva, tante federazioni, dalla WWE alla PWG, passando per TNA, ROH, NJPW, NOAH e Lucha Underground. Il Nexus, Christian, CM Punk, Daniel Bryan, Seth Rollins, Bray Wyatt, Undertaker, The Brian Kendrick e, ovviamente, Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, sono tra i suoi lottatori preferiti, senza dimenticare AJ Styles, Chris Hero, "Broken" Matt Hardy, il Bullet Club, i War Machine, Pentagon Jr, Minoru Suzuki, Satoshi Kojima, Tomohiro Ishii e Togi Makabe.