Sporting News ha pubblicato un’intervista con Kevin Eck, ex writer della WWE, riguardo alcuni Mony in the Bank Match e su alcuni vincitori.

Pubblicità

Come ha portato la vittoria della valigetta di Daniel Bryan alla storyline con AJ Lee:

“Ho iniziato a lavorare per la WWE nell’agosto 2011, sei settimane dopo che Bryan ha vinto la valigetta di SmackDown. Ero stato informato da un collega che Vince McMahon avesse qualche rimorso riguardo le vendite per aver fatto diventare Daniel Bryan Mr. Money in the Bank. La domanda non era quando fargli incassare la sua chance, ma se dovesse diventare la prima persona a perdere la sua opportunità al titolo. Non sapevo se Bryan sarebbe mai diventato un campione, ma ho capito che una storyline, anche una minore, l’avrebbe aiutato. Ho pensato di mettere insieme Daniel Bryan con un’altra wrestler nerd, minuta e sottovalutata, AJ Lee, e farne una coppia. Quando gliel’ho detto AJ era molto emozionata all’idea di avere un’opportunità, ma Bryan no. Ha detto che l’ultima volta che è stato parte di una storia del genere (con le Bellas), l’ha affossato invece di aiutarlo. Nonostante ciò, è stato un vero pro”. 

La vittoria di Dolph Ziggler nell’edizione del 2012:

“Quando Ziggler ha vinto la valigetta non c’era alcun piano su quando farlo incassare e vincere il titolo. Ziggler provò molte volte, ma venne sempre bloccato prima di ufficializzare il match. Iniziava a diventare una barzelletta. Un po’ come Bryan, più a lungo aveva con sé la valigetta, più sembrava possibile che il suo incasso non sarebbe andato a buon fine. Vince McMahon stava perdendo fiducia in Ziggler, anche se aveva ottime reazioni del pubblico, McMahon era critico verso la sua abilità nel ring e nei promo. Nemmeno Triple H non era un suo grande fan, e pensava che Ziggler fosse troppo concentrato nel doventare il prossimo Shawn Michaels. Ma aveva un’importante sostenitore: Pat Patterson. Grazie alla sua posizione lo ha aiutato a vincere, ma anche prima che diventasse Mr. Money in the Bank pregava Vince di dargli un forte push”.