Come detto QUI, in questi giorni, Hulk Hogan è stato e continuerà ad essere impegnato in una serie di apparizioni mediatiche, volte a pubblicizzare l'ormai prossimo Wrestlemania XXX. In particolare, questa mattina, il leader dell'Hulkamania ha rilasciato un'interessante intervista allo show radiofonico di Elvis Duran, nella quale, in breve, ha elogiato il lavoro di John Cena e delle altre Superstars, sia sul ring che nelle campagne sociali (come Make A Wish, ad esempio); per contro, Hogan ha aggiunto che, al giorno d'oggi,  le "mele marce" non hanno vita lunga in WWE (che sia un frecciatina, neanche tanto velata, a CM Punk?). Inoltre, l'Hulkster ha ammesso  quanto gli manchi combattere, senza però chiudere la porta ad un ipotetico "one more match" poiché, di fronte alla domanda se tornerà mai sul ring,  egli ha risposto un incerto "mai dire mai". A margine, vi segnalo che, in un'ulteriore apparizione di questa mattina ad un altro show (insieme a Jimmy Hart), Hulk Hogan ha confermato la propria presenza per la puntata di Raw successiva a Wrestlemania e che ci sono progetti per un suo maggiore coinvolgimente in WWE nei prossimi mesi. Qualora voleste ascoltare l'intervista per intero, la trovate dopo il leggi tutto.

Pubblicità

 

 

 

ChristiaNexus
Cercatore di notizie nonché, occasionalmente, editorialista, reporter e co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno". Appassionato di wrestling di lunga data che odia l'ipocrisia e l'apriorismo sterile. Il suo compito è portare avanti l'opera di salvezza intellettuale avviata da Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, a costo di passare per grammar nazi. Segue, in un'ottica dialettico-inclusiva, tante federazioni, dalla WWE alla PWG, passando per TNA, ROH, NJPW, NOAH e Lucha Underground. Il Nexus, Christian, CM Punk, Daniel Bryan, Seth Rollins, Bray Wyatt, Undertaker, The Brian Kendrick e, ovviamente, Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, sono tra i suoi lottatori preferiti, senza dimenticare AJ Styles, Chris Hero, "Broken" Matt Hardy, il Bullet Club, i War Machine, Pentagon Jr, Minoru Suzuki, Satoshi Kojima, Tomohiro Ishii e Togi Makabe.