Mick Foley, WWE Hall Of Famer, ha postato su Facebook un lungo messaggio avente ad oggetto il match tra John Cena e Bray Wyatt tenutosi due giorni fa a Payback; ecco quanto scritto dall'Hardcore Legend:

Pubblicità

 

"IL VERO VINCITORE

 

Non appena ho finito di guardare #Payback ho pensato che si sia trattato di uno show fantastico – una grande atmosfera, uno schiaffo che hanno sentito in tutto il mondo e match che sono andati ben oltre quelle che erano le aspettative della vigilia. Mi avete inviato più di 1000 commenti sullo show, e so che molti di voi siate delusi dal fatto che Bray Wyatt non sia riuscito a sconfiggere John Cena.

 

E se, in realtà, ce l'avesse fatta?

 

Nel wrestling, le vittorie sono qualcosa di relativo e, agli occhi di questo appassionato di wrestling, Bray Wyatt è certamente uscito vincitore da Payback. Vero è che non sia stato in grado di tornare in piedi prima che l'arbitro contasse fino a 10; tuttavia, Bray Wyatt, nei propri match e promo, mi ha dimostrato di essere più che capace di guidare quella che sarà una nuova generazione di Superstar WWE.

 

Sfortunatamente, non esistono formule matematica pe creare una nuova star, nel mondo del wrestling. Ma, se dovessi unificare tutti le componenti necessarie nell'ambito del processo di crescita di un giovane lottatore in una sola parola, credo che il termine adatto sia "faida". Gli appassionati si ricordano delle faide, e la presonalità e i promo di Bray Wyatt gli permettono sicuramente di dar vita a faide memorabili contro qualunque top name della federazione. Tra l'altro, credo che ci sia ancora benzina nel carro armato della rivalità Cena/Wyatt."

 

Fonte: Lordsofpain.net & ZonaWrestling.net

ChristiaNexus
Cercatore di notizie nonché, occasionalmente, editorialista, reporter e co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno". Appassionato di wrestling di lunga data che odia l'ipocrisia e l'apriorismo sterile. Il suo compito è portare avanti l'opera di salvezza intellettuale avviata da Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, a costo di passare per grammar nazi. Segue, in un'ottica dialettico-inclusiva, tante federazioni, dalla WWE alla PWG, passando per TNA, ROH, NJPW, NOAH e Lucha Underground. Il Nexus, Christian, CM Punk, Daniel Bryan, Seth Rollins, Bray Wyatt, Undertaker, The Brian Kendrick e, ovviamente, Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, sono tra i suoi lottatori preferiti, senza dimenticare AJ Styles, Chris Hero, "Broken" Matt Hardy, il Bullet Club, i War Machine, Pentagon Jr, Minoru Suzuki, Satoshi Kojima, Tomohiro Ishii e Togi Makabe.