Abbiamo ancora tutti negli occhi l'edizione 2015 della Royal Rumble e come poteva mancare la review del nostro KingHunter7? Ecco a voi i commenti ed i voti agli incontri di quanto successo al Wells Fargo Center di Philadelphia, Pennsylvania.

Pubblicità

New Age Outlaws Vs. The Ascension: 5,5
Niente di entusiasmante, ma lo ci si poteva aspettare. I NAO hanno fatto il loro tempo con lo stint dell'anno scorso: piacevole all'inizio come tutti i momenti in cui wrestler del passato (con cui sei oggettivamente cresciuto) tornano a farci visita prima di diventare agonia, trascinando lo zoppicare. Primo banco di prova per gli Ascension e primi dubbi: la coppia ha fatto vedere di che pasta è fatta a NXT ma il paradosso della WWE attuale passa anche per la gestione del grande salto da un roster ricco di talento come quello del territorio di sviluppo (dove emergono Neville, Devitte, Steen e El Generico) a quello meno naturalmente dotato dei main roster. A parità di condizioni qui è più difficile fare un incontro di livello, stante un midcarding zeppo di invertebrati del ring. Il look degli Ascension è stato reso più accattivante e suadente per il vasto pubblico ma ora dovranno dare risposte diverse quando avranno l'occasione di affrontare altre coppie vere, Usos in primis.
Winner: The Ascension

WWE Tag Team Championship – The Usos (C) Vs. The Miz & Mizdow: 6
Per la prima volta in PPV ho trovato davvero convincente la gestione del personaggio di Mizdow e la coabitazione con The Miz: nel rapsodico match di SS il livello di lottato era stato buono (ma non per merito loro), a TLC il finale aveva deturpato il resto, in questa occasione invece tutto è stato al proprio ordine. Miz ha saputo tenere il ring da assoluto protagonista e senza sfigurare: Sandow è andato stra-over per non aver ricevuto il tag dal compagno e gli Usos sono stati onesti sparring partner prima di uscire alla grande alla distanza e vincere. Il turn è pronto per Sandow: se il suo momentum di notorietà con il pubblico durerà lo potrà dire solo il tempo. Io sono scettico. Kidd/Cesaro sulla strada dei campioni per un feud transitivo?
Winner and STILL WWE Tag Team Champions: The Usos

The Bellas Vs. Paige & Natalya: 5,5
L'incoerenza di far durare questo incontro il doppio del primo match di coppia: è sessista, vero. Ma è ovvio che l'endurance di un uomo sia superiore a quella femminile. Ogni tipo di costruzione è fallata dalla mancata risposta alla domanda chiave: come mai le due sorelle si sono riunite dopo il tradimento, la rivalità e le angherie? Manca ogni tipo di filo logico e questo compromette il resto.
Winner: The Bellas

WWE World Heavyweight Championship – John Cena Vs. Seth Rollins Vs. Brock Lesnar: 7,5
Incontro solido, spettacolare, intenso. Unica pecca: come Brock Lesnar, apparentemente devastato dopo essere stato steso da Seth "io credo in te" Rollins, si sia rialzato come una lepre al momento del volo del MITB per buttare fuori ring Cena e infine schienare il mio pupillo Tyler. Non riuscire (o non volere) vendere il dolore rischia di far diventare un incontro ancora meno credibile. Per il resto tutto in sincro: Brock, solita macchina da guerra; Cena, solito supereroe senza macchia e senza paura (come Rudy ne "La carica dei 101", citazione dotta); Rollins con la bava alla bocca per la fame di dimostrare che il futuro è adesso. Ne è venuto fuori un bel mix: la ferocia di Brock e dei suoi German, la resistenza di Johnny Boy, l'imprevedibilità artistica dell'ex campione del mondo della ROH (voi, villani, ricordatevi che il meglio viene sempre da lì). Molto gradevole ed interessante proprio la fase con Lesnar "a riposo" sul tavolo distrutto: Seth e Johnny non si sono risparmiato con grande ritmo ed energia. I due sapevano che sarebbe stato più facile vincere schierano uno dei due sfidanti che il campione: un momento che – in chiave di costruzione al feud tra Brock e Roman – rende The Beast ancora più credibile.
Winner and STILL WWE World Heavyweight Champion: Brock Lesnar

Royal Rumble Match: 5
Ed ecco. Li sento già. I commenti sull'ipernegatività del giudizio. La Rumble è la Rumble. È da sempre il mio PPV preferito perchè è quello con cui sono cresciuto: il mio primo assaggio del wrestling è arrivato con la famosa Rumble del 1992, la più bella. E forse per questo ho uno standard fottutamente alto. Questa non è stata una Rumble: "This is not wrestling". Zero emozioni, zero sorprese (solo l'ingresso di Bubba Ray ha reso interessante una prima parte orripilante), zero interesse. Ricordate la Rumble dove rimasero Taker e Hbk? Quella sì che fu formidabile. Con un finale emotivamente da tenere il proprio sedere incollato alla poltrone e guai a "chissemove". Questa è stata sterco di cane putrefatto al sole: i Fab Four Rusev, Big Show, Kane e Reigns. Due che non hanno vinto una Rumble quando erano qualcuno, figurati quando sono diventati jobber, e che la perdono in maniera demenziale, autoeliminandosi prima di buttare fuori il loro acerrimo rivale; uno che ha esordito esattamente un anno fa; e il nuovo protetto di Vince McMahon, padre padrone ormai ampiamente scollegato dalla realtà. Vince Reigns: lo sapevano anche i morti. E il pubblico si incaxxa. Fischia e contesta. Sembra di essere a San Siro quando gioca il Milan e Galliani è in tribuna. La pillola dolce di Rocky che interviene e salva il cugino (o quel che è) non cambia la sensazione di presa abbondante per le natiche. I face fatti fuori subito per evitare un simpatico conflitto di interesse nel tifo: a Danielson viene fatta fare la figura del pollo, a Ziggler quella del menomato (è durato sul ring meno di un ragazzo vergine nella passera solitaria di una Milf), Ambrose spaccatoammerda e buttato fuori come una carcassa. Se l'MVP dell'incontro è Bray Wyatt vedo un problema di fondo bello grave. Ho rimpianto Santino Marella e Del Rio, il finale più imbarazzante di sempre. Fino a ora.
Winner: Roman Reigns

PPV: 5,5
Un grande match non salva il resto. È demoralizzante. Sfregiata la Rumble, ora si rischia di andare incontro a morte certa a WrestleMania. Come sarà possibile presentare Reigns Vs. Lesnar e non pensare ad una platea tutta schierata apertamente con The Beast (che al 99% la sera dopo sarà un ricco disoccupato, pronto a firmare per qualsiasi federazione di MMA). Qualcuno ha detto Batista e WM 30? La WWE ci è ricascata. Ha deciso di forzare la mano con i fans e ha rimediato un altro buco nell'acqua. Non lo decreto io, lo dichiara il pubblico. "People Power", bei tempi. Fortuna che la neve ha cancellato ogni live show perchè per Reigns non prevedo due mesi facili. Non è colpa sua: non è pronto, come non era pronto Kozlov, non lo era Khali e mille altri. Ma Vince è fatto così: vede due muscoli e un look per far bagnare la gnagna alle ragazzine e perde la testa. Non ha capito che il 1990 è passato da un pezzo e ora si cerca altro nei propri beniamini. Non servirà mettere Rocky al suo angolo e sottolineare che non solo non ha mai battuto Lesnar, ma nemmeno ha chiesto la rivincita dopo quel match di SummerSlam 2002: Reigns Vs. Lesnar è impresentabile come lo era Batista/Orton 12 mesi fa. Allora fu Danielson a salvare capra e cavoli, oggi chi sarà? Taker?
E a questo punto chiedo la vostra opinione: come salvare il ME di WrestleMania?

 

KingHunter7

MarcoManiac83
Il più "storico" di Zona Wrestling, grandissimo appassionato di basket NBA e fan UFC, ancora oggi in cerca dell'Eldorado. Festeggia quest'anno i 10 anni di collaborazione con ZW...oh my brother, testifyyyyy!