La WWE ha registrato ieri notte alla Full Sail University la seconda sessione di tapings riguardanti il Mae Young Classic 2018. Di seguito trovate tutti i risultati:

Pubblicità

Episode One:

* Toni Storm batte Hiroyo Matsumoto
* Rhea Ripley batte Kacy Catanzaro
* Lacey Lane batte Taynara Conti
* Meiko Satomura batte Mercedes Martinez in un match definito come straordinario

Episode Two:

* Io Shirai batte Zeuxis
* Deonna Purrazzo batte Xia Li
* Tegan Nox batte Nicole Matthews
* Mia Yim batte Kaitlyn. Pop incredibile del pubblico a favore della Yim

Episode Three:

* Meiko Satomura batte Lacey Lane
* Io Shirai batte Deonna Purrazzo
* Toni Storm batte Mia Yim in un gran match. Il pubblico chiede a gran voce la firma di Mia Yim a fine incontro.
* Rhea Ripley batte Tegan Nox per infortunio della Nox, l’arbitro è stato costretto a chiamare la X per avvisare i medici. Standing ovation a favore della Nox da parte del pubblico.
* Triple H arriva sul ring e ringrazia il pubblico del calore, rispondendo ai cori “Please sign Mia” con un semplice “Okay”. Promo in cui assicura che l’infortunio della Knox non è grave e che presto tornerà a scaldare i cuori dei tifosi. Dopo di che chiede se il pubblico è pronto per le semifinali.
* Semifinals match: Toni Storm batte Meiko Satomura. Pubblico in visibilio per la Storm che riceve un mazzo di fiori da parte di Kairi Sane e i complimenti di Triple H. La ragazza afferma di essere felice nell’aver sconfitto una leggenda e che sta vivendo un sogno.
* Semifinals match: Io Shirai batte Rhea Ripley. Pubblico completamente a favore della Shirai. Anche per lei arrivano i fiori e un abbraccio da parte di Sara Amato. Giunge sul ring anche Toni Storm, faccia a faccia tra le due.

VIAWrestlingObserver & ZonaWrestling.net
FONTEwrestlinginc & zonawrestling.net
Corey
Dal 2006 redattore di Zona Wrestling e autore di rubriche come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia, Coppa dei Campioni, Indy City Beatdown e tante altre. Studioso del wrestling in tutte le sue sfaccettature, col tempo ha voluto perdere la definizione di "Marco Travaglio del wrestling web".