Le Series possono ufficialmente essere riposte nel penultimo cassetto della nostra memoria, assieme ai calzini di spugna della robe di kappa ed alle saponette chimiche che tanto piacevano alle nostre mamme. Lo show è annoverabile come positivo oppure no? Più sobrio di un violinista balcanico, ecco a voi la consueta review di Zona Wrestling. Prepare yourself to disagree. Or not.

Pubblicità

 

5-ON-5 TRADITIONAL ELIMINATION MATCH – Team RAW (RAW Women’s Champion Charlotte, Bayley, Nia Jax, Alicia Fox, Sasha Banks) vs. Team SmackDown (Natalya, Naomi, SmackDown Women’s Champion Becky Lynch, Carmella, Alexa Bliss)

Queste Series sono state caratterizzate da scelte di booking quanto mai curiose, e non mi riferisco di certo solo al main event. Questo match ha messo in chiaro ciò che era già ben noto a tutti: la divisione femminile di RAW da 10 giri di campo a quella di Smackdown, senza se e senza ma. Le eliminazioni sono avvenute a cadenza di circa due minuti dopo il minuto 6, iniziando da Carmella abbattuta dallo spostamento d’aria causato dal sempre pessimo scissor kick di Alicia Fox. Charlotte ha avuto un ruolo molto dominante, alla luce delle due eliminazioni effettuate tramite big boot, mentre la Banks ha fatto la figura della brocca, venendo schienata con uno schoolgirl da Natalya. Nia Jax ne esce un po’ indebolita, a causa della visuale del suo “tap” dopo l’armbar di Becky Lynch, mentre Bailey ne esce tutto sommato a testa alta, essendo tra le due sopravvissute finali nonché autrice dell’ultimo, decisivo pin. Becky, assieme a tutta la divisione di Smackdown, esce invece molto molto danneggiata, sia in termini di percezione che in termini di credibilità…ma bisognava anche aspettarselo. Il livello del lottato è stato piuttosto frettoloso ed a tratti svogliato, eccezion fatta per le solite note (Charlotte, Natalya, Becky e Bayley) ma un plauso va ad Alexa Bliss, di gran lunga l’atleta maggiormente migliorata sia sul quadrato che come sviluppo di character. Un incontro ad eliminazione che offre poco in termini di sorpresa, e che ha l’unico scopo di dare il la per la prossima faida titolata per la Regina Charlotte. Two steps back.

Winner: Team RAW (Charlotte & Bayley) in 17’52” Voto: (5,5 / 10)

 

The Miz (c) vs Sami Zayn – WWE Intercontinental Championship Match

Alla luce del cambio di Titolo avvenuto a Smackdown, sarebbe stato lecito aspettarsi qualche piano particolare per questa bistrattata cintura. Così non è stato, e Miz vince non solo dopo un match di gran lunga al di sotto delle possibilità sue e della sua generalmente ottima controparte, ma condisce il tutto con un finale #ammerda dove Maryse suona la campana, costituendo distrazione sia per Sami che per l’arbitro e costando di fatto il titolo al canadese. L’incontro di per se non è stato nemmeno insufficiente, ma il finale avvenuto in modo così membrodisegugico mi lascia perplesso non poco: a distanza di decenni c’è ancora bisogno di avere riferimenti al maledetto screwjob ogni cacchio di volta che si combatte in Canada (lo so che erano le Series, ma il discorso non cambia)? Fateci e fatevi una cortesia, WWE guys: lasciate la storia li dov’è e non disturbatela più. Maryscrewjob.

Winner: Bayley  in 14’5                ” Voto: (5,5 / 10)

 

5-ON-5 TRADITIONAL ELIMINATION TAG TEAM MATCH – Team RAW (RAW Tag Team Champions The New Day, Sheamus & Cesaro, Enzo Amore & Big Cass, Luke Gallows & Karl Anderson, Primo & Epico) vs. Team SmackDown (SmackDown Tag Team Champions Heath Slater & Rhyno, Zack Ryder & Mojo Rawley, Chad Gable & Jason Jordan, Jimmy Uso & Jey Uso, Tyler Breeze & Fandango)

Per limitare i danni derivante da questo tradizionalissimo “caciara match”, la fashion police ed i New Day sono eliminati dopo meno di un minuto…e mentre per i primi lo stupore è ben poco, per i secondi sarebbe stato lecito aspettarsi un minimo di riguardo in più, essendo Campioni di Coppia prossimi al superamento del record di tutti i tempi. Così non è stato, ed il New Day viene sbattuto fuori da questo match con un colossale superkick da parte degli Usos. Durante questo match, mi è sorta spontanea una considerazione. La WWE è una società multimiliardaria, quotata in borsa, che opera nel settore da generazioni con un livello di successo pressochè ineguagliabile. Possibile che, a distanza di anni, durante questi match interpromozionali non si riesca a creare niente di meglio di quelle squallide maglie monocromo blu ed azzurre? E soprattutto, in un contesto in cui ci si rompe l’anima per differenziarsi e rendere le superstars uniche sempre e comunque, è veramente il caso di fargli indossare queste orribili maglie monocromo del “cut so” facendoli sembrare operai dell’ILVA di diversi livelli? Giuro, questa maglia è una delle scelte più illogiche e stupide mai messe su dalla WWE, in quanto a) è generica b) non si vende c) fa cagare d) rende tutti uguali. Detto ciò, ma tenendo il discorso delle maglie bene a mente, l’incontro è stato gestito discretamente, per poi impennare verso la fine. I sopravvissuti, non a caso, sono i migliori worker babyface di RAW (Cesaro e Sheamus) ed i migliori worker heel di Smackdown (Usos), che negli ultimi 5 minuti di match cambiano completamente marcia, mettendo su uno spettacolo veramente degno di nota. A trionfare sono i due face, grazie al primo vero atto come squadra, ma in questo caso la divisione di SD non ne esce eccessivamente indebolita o ridimensionata. Dal punto di vista di booking, il match ad eliminazione meglio gestito dei tre. T-Shirt Rulez.

Winner: Team RAW (Cesaro & Sheamus) in 18’55” Voto: (6,5 / 10)

 

Brian Kendrick (c) Vs Kalisto – WWE Cruiserweight Championship Match

La divisione Cruiser va a Smackdown! Daje! Finalmente si avrà l’occasione di ridare interesse a questi poveri scristi di cui non frega assolutamente niente a nessuno…nope brah. Nope. Non solo questo incontro è stato accolto con una freddezza glaciale da parte di un pubblico tutto sommato abbastanza attivo nel corso della serata, non solo la scelta di booking è stata, a mio avviso, quella errata, non solo il match è stato globalmente mal lottato ma il tutto è stato anche condito da una squalifica causata da Baron Corbin, uno dei performer maggiormente sopravvalutati e noiosi attualmente in circolazione. Il match in se, dicevo, è stato gestito male come la maggior parte dei match in cui è stato coinvolto Kendrick dal post CWC in poi, con un’eccessiva volontà di annullare il gioco aereo avversario ed uno spezzettamento degli spot poco funzionale ad una storia già assente di per se. Kalisto sul ring perde colpi, ha messo su peso (le cose potrebbero avere un legame visto lo stile di lotta basato su una velocità fulminea) ed è perennemente accolto da reazioni nella migliore delle ipotesi tiepide. Ora una sola priorità: terminare la faida tra Corbin e Kalisto. Anzi, terminare Corbin e Kalisto. NOW!

Winner: Brian Kendrick by DQ in 12’15” Voto: (4,5 / 10)

 

5-ON-5 TRADITIONAL ELIMINATION MATCH – Team RAW (WWE United States Champion Roman Reigns, WWE Universal Champion Kevin Owens, Chris Jericho, Braun Strowman, Seth Rollins) vs. Team SmackDown (Shane McMahon, Randy Orton, Bray Wyatt, Dean Ambrose, WWE World Champion AJ Styles)

Dopo aver bypassato la visuale di un intero roster di main eventer (o quasi) vestiti come coffee shopper, mi godo questo match. Devo essere sincero: al di la delle scelte di booking discutibili, soprattutto per quanto riguarda la fase finale, devo dire che mi sono abbastanza divertito nel complesso. I pop della serata li hanno avuti senza dubbio AJ Styles, Owens e Jericho, mentre una cosa è parsa lapalissiana: Totonto ODIA roman Reigns. Anzi, anche Toronto ODIA Roman Reigns. Al tavolo di commento ci bombardano gli zebedei con la frase “fantasy warfare just got real” ed il match inizia leggermente in sordina, con tanti tanto boo per RR. La prima eliminazione avviene a causa di uno screzio con AJ Styles, e chi paga dazio è ovviamente Ambrose, che viene opportunamente schienato da Strauman. Lo stesso mastodonte viene eliminato, dopo un’ampia fase di dominio, per count out dopo uno spettacolare volo di Shane sul tavolo di commento, grazie all’intervento di James Ellsworth, sua improbabile nemesi come ricordatoci in una vignetta molto sagace avvenuta prima del match. Owens viene eliminato per squalifica usando la lista di Jericho come arma contundente, mentre lo stesso Y2J viene asfaltato da una RKO pochi secondi dopo: i semi per la faida tra questi due sono ormai stati gettati e stanno prendendo piede, ora tocca solo mietere il raccolto. Altri momenti rilevanti ci sono stati con una mini-reunion dello shield, che effettua una devastante powerbomb su AJ causandone l’eliminazione per schienamento, e soprattutto una orribile spear di Roman che asfalta Shane McMahon causando un brutto contraccolpo alla nuca. Il finale vede contrapposti Rollins e Reigns a due dei più improbabili sopravvissuti: Orton e Wyatt. Nel finale interviene anche Harper creando di fatto un handicap match, dove Seth Soccombe dopo un’ardua lotta ad un RKO volante. Il finale penalizza di molto un match tutto sommato ben strutturato: Roman Reigns, per l’ennesima volta, viene lasciato in uno spot da babyface underdog, ma la WWE dovrebbe farsi entrare nel cranio che un samoano di 150 kg di muscoli con gli occhi azzurri non può e non potrà MAI essere visto o percepito come un underdog. Alla fine, tra il giubilo collettivo canadese, Bray schiena RR, dopo che Orton si immola beccandosi una spear e salvando il suo attuale mentore. Incontro divertente, con buone fasi di lottato, dove a vincere è stata la squadra giusta. Ma il finale proprio non mi è piaciuto. DELETE.

Winner: Team Smackdown (Bray Wyatt e Randy Orton) in 10’31”  Voto: (7 / 10)

 

Brock Lesnar Vs Goldberg

Pranzo di Natale. Mangio come un porco, ma lascio un posticino per il roccocò, di cui vado ghiotto. Si sa, il roccocò è un dolce poco apprezzato ma in casa mia, cribbio, decido io cosa mangiare per dolce. Mia madre si avvicina con una teglia argentata, coperta da un elegante coperchio cesellato. “Ecco arrivare il mio roccocò!”, penso ingenuamente tra me e me. Scoperchio la teglia, mi preparo a rompermi i molari pur di mangiare il dolcetto…e vedo un quadratino di tofu a forma di scroto bovino. Sono sorpreso, senza dubbio. Amareggiato, perfino. E penso che si, se mia madre voleva sorprendermi ci è riuscita senza meno, ma poteva anche rendere la cosa meno traumatica ed illogica.

Capisco chi mi dice che così si apre la possibilità per un rematch tra i due, magari a Wrestlemania. Capisco che Goldberg ha avuto una reazione allucinante, tanto da giustificare un suo utilizzo prolungato. Capisco che attualmente il top face di RAW è Jericho, un non verdissimo wrestler con altri impegni che lo attendono di qui a breve. Capisco che lo stato di forma di Goldberg possa suggerire almeno un anno o due di faide decenti ad intermittenza. Non sono stupido, capisco tutto. Ma non lo accetto ne tantomeno lo condivido.

Lesnar ha perso al suo match di ritorno contro Cena, e questa macchia lo ha seguito per almeno un anno o più. Lesnar ha perso una battaglia con HHH, ma ha sicuramente vinto la guerra. Stesso dicasi con Taker, ed anzi in quel caso la vittoria arrivò anche in modo sporco con un low blow. Lesnar ha squashato Cena. Ha squashato Orton. Ha conquistato la streak, dannazione! Eppure…la WWE ha avuto il coraggio folle di farlo perdere in un minuto e ventisette fottuti secondi contro Goldberg.

L’idea malsana della WWE è quella di riproporre immediatamente Golberg come era un tempo, una macchina inarrestabile e senza pietà. E per proporlo in modo immediato così, ha versato tutte le chips trasmesse a Lesnar in modo dissoluto, decidendo di far incassare un cinquantenne anziché una nuova leva. Va bene tutto, ma ci sono cose di cui purtroppo non riesco proprio ad afferrare la logica intima. Forse ci sono altre motivazioni dietro questa scelta, forse la UFC, in procinto di perdere le sue due più grandi star (Conor Mc Gregor fino a Maggio per paternità e Ronda Rousey al crepuscolo della sua carriera) ha promesso questo mondo e quell’altro al terzo moneydrawer di sempre, e la WWE ne è venuta a conoscenza. Forse il tutto è una punizione per la squalifica ottenuta a UFC 200. Forse Vince era ubriaco di sesso e marijuana, non lo so. In ogni caso, vedremo di qui a qualche mese se questa decisione sarà stata pagante o meno: se devo esser sincero, ho forti, anzi fortissimi dubbi in merito. OBSOLETE MULE.

Winner: Golberg in 1’27 fucking “.Voto: [S.V.]

 

Voto complessivo Allo Special Event: (6 / 10)

Show nel complesso abbastanza godibile, ma che non va oltre la sufficienza a causa di una forte debolezza nell’undercard e di scelte di booking così così. La cosa positiva è stata comunque l’evolversi delle varie faide presenti nei match, così come il ritmo tutto sommato elevato nel match di punta, match che a mio avviso ha “fatto” lo show, finale a parte. Finale che, come scritto, mi ha lasciato basito e che ancora non riesco a processare in modo totalmente lucido…sono curioso di leggere la vostra.

Dateje sotto regà.

Danilo

Danilo
Atarassico, eclettico, nuotatore tendenzialmente pigro, amante dei fagioli con le cipolle, delle serie tv, dei manga e delle botte di Natale. Lavora anche, ma solo nel tempo libero.
  • Danilo questo Lesnar, e per “questo” intendo quello che abbiamo visto nell’intero anno solare che è stato eliminato da Strowman e la Family nella Rumble non è lo stesso di quando ha rotto la streak. Quanto è successo in PPV è stato un momento importante che ci fará riportare il Lesnar spietato di due anni fa. In questo 2016 è stato stantio e sca**ato per vari motivi ed in questo angle ha fatto lo spaccone, lo ha sottovalutato e gli ha dato le spalle, cosa peggiore che uno può fare sul ring. Ed ecco il risultato. In chiave mark ci sta, se i fan non sopportano il minutaggio del match è un problema loro, perchè ci sta contando la storia che ha raccontato e soprattutto contando che in chiave smart è stato Lesnar a voler proseguire e si è optato per questa soluzione. Se pensate che Lesnar è stato rovinato e bla bla bla io penso che così hanno solo fatto un favore al personaggio che quest’anno è stato probabilmente il peggior Lesnar di sempre, ed alla Rumble fará eliminare Goldberg (si, come nel 2004 ma magari lo massacrerá anche fuori dal ring, davanti a moglie e figlio) e si proseguirá. Da questa situazione penso che veramente certi fan non si accontentano mai, mi dispiace per voi/coloro che non si sono esaltati come ho fatto io e quelli all’Air Canada Center.

    • DeanAyane

      Occhio che nei giorni scorsi c’é chi ha definito il pubblico dell’arena “idioti” (e anche qualcos’altro, ho riportato il termine più gentile).

      Non la pensano come me = coxlioni!
      La pensano come me = vedi che anche il pubblico mi dà ragione?

      😉

      • Fabrizio 3D

        La “democrazia” dei finti umili.

        • MizThunder

          sinceramente no, è stato meglio così: a livello di logica l’unica occasione che goldberg aveva di battere lesnar era dare il 100% subito e massacrarlo istantaneamente, sfruttando l’effetto sorpresa e un brock palesemente spaccone; più passava il tempo più sarebbe stato poco credibile a mio avviso una sua vittoria (anche perch* se dopo 5 minuti boccheggi senza fiato come posso pensare che tu abbia ancora le forze per vincere?). Se danno seguito alla storyline con un lesnar vendicativo e inca**ato è stata una bella idea questa, altrimenti no.

          • Fabrizio 3D

            Sono rimasto stupito e colpito. Creare una piacevole controversia. Credo sia a questo che mirava la WWE e questo è stato, a giudicare dalla reazione dei fans, quello che ha ottenuto.

      • Eh pazienza, non nascondo che mi hanno dato fastidio ad un certo punto quando facevano “10” in continuazione ma cavolo, Goldberg è fottutamente Goldberg.

        • DeanAyane

          il mio era un discorso in generale, il pubblico canadese non l’ho visto perché ho letto soltanto i report…

          Cmq ho visto di sfuggita su SKY il momento in cui Rollins viene fregato da Jeri-Cara 🙂 e c’era uno tra il pubblico che era ad un centimetro da Seth e se lo guardava dallo schermino dello smartphone… bah…

  • andrea

    tolto il 5vs5 tra maschioni, gli altri match hanno una valutazione che va dal “ma che l’hanno fatto a fare” al “è una cagata pazzesca!”. ppv molto ma molto male, con nxt la sera prima poi, di male in peggio.

  • -Women’s Traditional 5 vs 5 Elimination match: 6.
    -Intercontinental Championship Match: The Miz (C) vs Sami Zayn: 6.
    -Tag Teams’ Traditional 10 vs 10 Elimination match: 7.
    -Cruiserweight Championship match: If Kalisto becomes Champion the entire Cruiserweight Division will go to Smackdown: Brian Kendrick (C) vs Kalisto: 6,5.
    -Men’s Traditional 5 vs 5 Elimination match: 8.
    -Brock Lesnar vs Goldberg: 1.

    Media aritmetica: 6-

  • King Cuzzy

    -5 vs 5 women: 6
    -Miz vs Zayn: 6.5
    -Kalisto vs Kendrick: 6
    -5 vs 5 teams: 6.5
    -5 vs 5 men: 7.5
    -Goldberg vs Lesnar: sv
    -PPV: 6.5
    Nonostante alcune decisioni di booking balorde (Sasha eliminata come una deficiente, Carmella come una jobber -e a me non piace, ma cribbio è in feud con Nikki-, Ambrose devastato da Strowman -me ne fotto che è la montagna umana, Ambrose è il n.1 contender dammit, New Day che continuano a prendercele senza titolo in palio, i Demolition gli ridono in faccia) tutto sommato mi sono goduto il PPV anche se il lottato è stato abbastanza fiacco soprattutto da parte delle ragazze, però sicuramente il 5 vs 5 finale è tra i migliori che abbia mai visto, all’altezza di team Cena vs team Authority anche se senza la stessa costruzione ed importanza.
    Il main event non conta nulla, la vedo come una cosa esterna alla WWE fatta per compiacere i nostalgici.

  • _Romanov_

    Non credo che l’evento arrivi alla sufficienza, per nulla direi. Troppi errori, troppe scelte di booking pessime. Ogni match ha i suoi: Per il match femminile, Nikki Bella, dopo aver sbandierato per settimane di essere il capitano del team, non partecipa. Tag Team, New Day eliminato con una signature move degli usos, un superkick. Cioè dopo decine di match in cui non li hanno mai battuti, basta un superkick? Miz-Zayn, tutto questo casino, scambio di brand ecc… e alla fine un bel nulla? CW title: Corbin , ma davvero? Tutto per un dispetto a Bryan? Quale c*zzo è il senso? Poteva intervenire nel ME e far fuori Shane. 5vs5: è possibile che debbano sempre metterci 1000 interferenze e l’arbitro deve stare li come un deficiente che vede tutto e non fa nulla. Harper è costato il match a Rollins e Reigns cosa aspetti a buttarlo fuori? Ellsworth a Strowman stessa cosa. Possibile non si riesca ad avere un match normale? Main event: l’assurdità per eccellenza, rematch o meno , soldi o meno, non ha senso. 2 minuti di match non hanno senso. Mai vista una pagliacciata simile in WWE. Per farvi un esempio , che credibilità avrebbe Owens con Goldberg, oppure Orton con Goldberg? Evento che non supera il 5 per me, davvero molto deluso.

    • MizThunder

      un piccolo appunto: Corbin non l’ha fatto come dispetto a Bryan, ma come ripicca verso Kalisto e la sua divisione di nanetti salterini che lui ha già detto a pià riprese che odia. Il motivo del suo intervento è stato più che lecito a livello di storyline.

  • It Factor

    Mi sembra una situazione analoga a Summerslam, con un PPV nel complesso sufficiente grazie a singole prestazioni, ma rovinato da un Main Event del cucu. Per me quindi il PPV è insufficiente, ma se avessero costruito degnamente il match tra Lesnar e Goldberg magari avrei vambiato valutazione. Voto: 5

  • Il Fu

    Quando ho visto Bray schienare Roman pensavo di essere in un bellissimo sogno. Poi ci ha pensato il Main Event (se così possiamo chiamarlo) a svegliarmi.

  • Michele Giovagnoni

    Secondo me hai dato voti troppo bassi. Posso capire le scelte di booking sbagliate ma il ppv è stato molto divertente; io avrei dato un voto in più a tutti i match e al ppv in generale.

  • G.S.B

    lesnar ha battuto triple h quando è tornato.

  • MizThunder

    non sono d’accordo sinceramente su alcune cose: il match cruiser non merita il 4,5 mai, così come abbassare sotto la sufficienza il voto al match di Zayn e Miz solo per una ottima interferenza di maryse (che tra i richiami fatti negli anni da tutte le compagnie americane allo screwjob è stato quello meno fastidioso e forzato, al punto che neanche l’avevo ricollegato subito a quello).
    Per il main event mi riservo sempre di aspettare prima di giudicarlo completamente: la giustificazione di una sconfitta lampo c’è (Lesnar PALESEMENTE spaccone che sottovalutava goldberg, al punto da ridergli in faccia sul ring come per dirigli che non lo considerava all’altezza) a cui va ovviamente fatto seguito: se mi ridanno un Lesnar davvero bestia e non la pantomima scazzata di quest’anno ne sarà valsa la pena, altrimenti sarà una mer*ata colossale.

  • LANSE ARCIAAAAA !!!

    Voto: 5,5

  • wakko

    Ppv che dal punto di vista del lottato puro e duro si lascia guardare ma dei COSI minano altamente la sua buona riuscita;
    –5 vs 5 femminile;lavoro di routine e null’altro(6)
    –Miz vs Sami;fino a Marysa 7 poi………….boh……….
    –5 vs 5 tag team match;non male anche se forse(forse)vedere i campioni eliminati così non è gran cosa(6,5)
    –Kendrick vs Kalisto;a me fino a Corbin è piaciuto(non molto ma è stato decoroso)poi quando è intervenuto quel “coso” beh allora le cose sono precipitate a non finire(7 e poi 5)
    –5 vs 5 maschile;gran bel match anche se macchiato da alcune cose che fanno venire il latte a……censored……(Owens eliminato per una “fogliata”…..Strowman eliminato da un “coso”…..)comunque sia 7,5 e MOTN
    –ME……………………main event ????2……………………….e sono pure buono !!Cioè no se Bill non “reggeva” un match lungo si sarebbe(turandosi il naso con l’Everest)anche potuto giustificare un simile “coso” ma solo ed esclusivamente per proseguire la faida e renderlo over si partorisce un orrore così ??Bih…………..(no ragazzi non ho sbagliato lettera e non volevo dire boh nè bah)
    Facendo 2 + 2 difficile che si arrivi al 5,5

  • PaulHeymanGuy

    Premetto che non me ne frega assolutamente nulla dello STATUS DISTRUTTO di Lesnar o del collegamento con la Streak, ma è il Main Event secondo me è stato uno scempio.
    Far finire in questo modo l’incontro conclusivo di un PPV, un incontro tanto pubblicizzato, è puro e semplice surrealismo.
    Ho rivisto nella mia mente Wrestlemania 9 e quella mandria di idioti che osannò Hogan a quei tempi.
    E in questo momento ho paura. Ho paura di vedere Goldberg nel Main Event di Wrestlemania, di vedere per L’ENNESIMA FOTTUTA VOLTA un Main Event con dentro un partimer e/o una merda.

    Per il resto, evento godibile, ma tutto sommato inutile.
    Non è emerso un vero e proprio roster superiore, come immaginavo. Ma meglio così.

  • Che io sappia anche Cena ha battuto Lesnar e che io sappia nessun lottatore nella storia si è mai liberato dallo schienamento dopo la combo Spear – Jackhammer. Lesnar sofferente dopo 2 Spear rappresenta quanto possa essere grande Goldberg più di qualsiasi membro del roster, perchè è così. Anche The Rock soffrì come un dannato dopo la Spear al debutto di Goldberg, eppure la sera prima battè Austin. Il fatto che Lesnar l’aveva sottovalutato da il lá al tutto, basta vedere come si è comportato in quei 86 secondi. La logica c’è, basta solo accettarla.

    • m4p0

      Non sto dicendo che Lesnar è imbattibile, ma Cena l’ha battuto versando lacrime sangue e sudore com’è giusto che sia, se davvero Lesnar deve essere presentato come una forza inarrestabile. Se conti i secondi tra una mossa e l’altra ce ne sono circa 15 prima di ogni spear, e una trentina prima che il jackhammer connetta (di cui 5-6 in cui Lesnar è fermo in posizione). Mi rendo conto che contare i secondi sia assurdo (e infatti non lo faccio di solito), però trovo altrettanto assurdo che in quei lassi di tempo Lesnar non sia stato in grado di abbozzare quantomeno una timida offensiva, anche giusto per cercare di uscire dalla finisher.
      Ripeto, gli 86 secondi mi sarebbero stati benone se Goldberg fosse partito in quarta e non avesse dato un momento di respiro a Lesnar; così la logica non la vedo da nessuna parte, questi match di solito si fanno contro i jobber, non contro uno che è riuscito ad avere la meglio contro chiunque.

      • E’ evidente che non noti il body language di Lesnar in questo angle/match, quando lo farai vedrai che la logica c’è, contando anche quello che ha detto nei promo pre-registrati ed il suo modo di fare ed agire quest’anno.

        • m4p0

          Ok, è evidente che tu hai ragione e io no, d’altronde ormai le opinioni personali su internet valgono meno di zero, c’è sempre qualcuno che ha la verità in tasca. Mi limiterò a leggere le news e fare solo commenti ironici, e mi riguarderò meglio il match (tanto 86 secondi sono poca roba).

          • Non è questione di avere ragione, ma di cercare di vedere il match sotto un punto di vista che non venga condizionato da fattori che in questo caso non c’entrano (minutaggio ecc.)
            E poi chiaramente questo avrà ulteriormente un senso se Lesnar massacrerà Goldberg alla Rumble per chiedere la rivincita, se faranno finta di niente allora si che la giudicherò diversamente.

    • Matt16

      Qualcuno comunque continua a dimenticarsi che Goldberg non è stato freezato nel 2004 ma siamo nel 2016 e ha 50 anni. Un uomo cala di condizione fisica col passare dell’età ,è inevitabile, figurati se stai fermo 12 anni.
      La credibilità di tutto ciò per me rasenta lo zero.
      Non è che se ora torna Hogan, eroe di mille battaglie, mi bevo la storia che può ancora battere Lesnar o anche un Rusev per dire, non scherziamo.

      • Quello che non si vuole capire è che in questo contesto non ha importanza la carta d’identità, ma il nome; solo Goldberg poteva fare una cosa del genere. E poi dal fisico che ha mostrato non mi sembra sia stato proprio fermo 12 anni, ovviamente capisco che parli del wrestling ma comunque questi aspetti sono irrilevanti se contiamo ciò che ha fatto e con quanta credibilità lo ha fatto. Se poi non lo si vuole accettare pazienza, ma è stato tutto fuorché “una cagata pazzesca” sotto il mio punto di vista, capisco che possa storcere il naso ma quello che è stato pianificato per questo angle/match è stato fatto bene, per questo certe critiche le trovo veramente esagerate se non fuori luogo.

        • Matt16

          Ma no e poi no. Perdi così la credibilità nel wrestling( che è già stata messa in discussione più di una volta).
          Sei stato un grande nome del passato? Ok, ma in passato, non ora.
          Uno arrivato ad una certa età comincia ad essere in difficoltà, è evidente. Non puoi non contare questo fattore.
          Continuo e continuerò a pensare che quanto architettato sia stato completamente fuori luogo e poco credibile.
          Queste cose vanno oltre il tifo del singolo wrestler.

          • Quando Goldberg farà il match più brutto della storia del wrestling contro Brock Lesnar a Wrestlemania ne parleremo.

          • Matt16

            Ci son quasi riusciti nel 2004 tranquillo

          • Il match sul ring era sufficiente, il problema era l’atmosfera. C’è stato di peggio nella storia.

          • Matt16

            Quell’aborto sufficiente? Hanno abbassato il livello di una grandissima WM. Un match orrendo con un’atmosfera pesante (e grazie al cavolo).

  • Gesù Cristo Nostro Salvatore

    il match a squadre è durato 10 minuti ?

    • Gesù Cristo Nostro Salvatore

      Winner: Team Smackdown (Bray Wyatt e Randy Orton) in 10’31” Voto:

    • Danilo Corvietto

      Perdonami O Nazareno, è durato 57 minuti e dispari

      • Gesù Cristo Nostro Salvatore

        Io ti perdono

  • LaRazza

    Mi è piaciuto tutto , mi son divertito, magari qualche scelta di booking errata, ma non ho visto cose inguardabili, le Series dovevano raccontare rivalità dei due brand e lo ha fatto.
    Vediamo dove porta Goldberg, sinceramente mi aspettavo che perdesse, ma probabilmente hanno cambiato le cose visto come è stato accolto dall’ universe e dai ratings…
    Sia chiaro che sono felice del suo ritorno, sono un suo fan mark smart smark come vi pare..

    Nota negativissima il pubblico, ha appesantito di molto lo show, e addirittura addormentato nella fase Owens – Rollins, dove lo stesso Seth gli ha dato la sveglia con un C’on che ancora risuona nell’ arena. Se vi sfiancate con i cori “Ten” e per i “Boo” a Roman, quando c’è da farsi sentire siete muti… #StupidIdiots.

  • Matt16

    Partiamo con i voti di questo abominio, mi focalizzerò unicamente sul main event.
    – Team Divas Raw vs Team Divas Smackdown: 5, scialbo, eliminazioni senza pathos, manco un sussulto dall’inizio alla fine.
    – The Miz vs Sami Zayn: 6, peccato per il finale che ha rovinato un match abbastanza buono.
    – Tag Team Raw vs Tag Team Smackdown: 7, cavolo, questo è stato un buon match! Mi aspettavo la solita solfa e invece son riusciti a dar un tocco di imprevedibilità al tutto, non ha annoiato e lo scontro finale fra Sheamus&Cesaro e gli Usos è stato davvero gradevole.
    – The Brian Kendrick vs Kalisto: 5, match senza grandi acuti ed un finale osceno.
    – Team Raw vs Team Smackdown: 7, troppo caos in certe situazioni e scelte davvero inspiegabili. Qualcuno mandi Ambrose al manicomio, non si può più vedere.

    – Brock Lesnar vs Goldberg: 2, eccoci al main event della serata. Io un 2 nella mia vita l’ho dato ad un solo match: Sting vs Jeff Hardy a Victory Road 2011. Seguo il wrestling da quasi 15 anni e a fatica ricordo una mer*ata simile. Da un lato hai Brock Lesnar, il distruttore, colui che ha conquistato la streak, battuto, anzi, squashato John Cena, fatto a pezzi Rollins, vinto un incontro UFC solo qualche mese fa. Dall’altro hai un 50enne che non combatte da 12 anni, con una condizione fisica poco raccomandabile per qualunque wrestler.

    Io mi chiedo: con quale ca**o di credibilità Goldberg va a battere Lesnar? Cioè ti basta prende un Sin Cara in cocaina (Sin Cazza per gli amici) e vedi che di Goldberg non ne rimane nulla.
    Lesnar ridotto così non è accettabile, mai e poi mai. Hanno buttato nel cesso 2 anni e più di costruzione, di imbattibilità, di starpower per Goldberg? Non uno in rampa di lancio, ma Goldberg? Ma la usate la testa? Ora, poco mi importa di un altro rematch (probabilmente a WM), perchè vai incontro ad un unica soluzione: Lesnar disintegra Goldberg e lo fa ritirare per sempre. Qualsiasi risultato al di fuori di questo risulterebbe una caga*a colossale.
    Penso di essere davanti alla peggior scelta di booking degli ultimi 10 anni.

    Voto generale PPV: 4,5
    Si, è poco, ma visto Live devo dire che la noia, salvo in due match, l’ha fatta da padrona e il main event ovviamente abbassa il voto di un PPV già abbastanza inutile.
    Potremmo riassumere il tutto con un “Potrei cambiare, ma non voglio”.

  • d’accordo quasi su tutto
    per me il 5 vs. 5, quello importante, l’ultimo insomma, è pieno di buchi logici ed è stato scritto con i piedi, sia le eliminazioni che le modalità con cui esse sono arrivate…e i vincitori poi…
    e Brock vs. Goldberg è una porcata, punto, io mi sento solo insultato

  • Stex14

    Women team Elimination: a sorpresa le Series vengono aperte dal primo scontro fra i 2 roster e la scelta è “ri-caduta” sul match a squadre femminile. Come incontro si è rivelata una contesa da 6 politico dove però, come accade spesso nei match a eliminazione tra ragazze, ci sono state diverse scelte molto discutibili: punto 1, la mancata partecipazione di Nikki sembra quasi l’ennesima trovata della federazione per “salvare” la fidanzata di John da una sconfitta in uno dei big four da quando è tornata; secondo “errore” l’eliminazione del tutto anonima di Sasha tramite un roll up da Natalya, trattata quasi come una jobber, molto discutibile come eliminazione; immancabili come ogni anno le odiosi eliminazioni tramite semplici “big boot” in questo caso di Charlotte quando quest’ultima possiede ben 2 finisher personalmente le ho trovate assurde soprattutto quella della Bliss; ultimo “errore”, potevano “salvare” in qualche modo lo status della Lynch, finale troppo veloce e gestito un po’ così. Voto: 6 politico

    Zayn-Miz: secondo match della serata si rivela esser lo scontro valido per il titolo IC tra il canadese e il “nuovo” campione The Miz; la contesa mi ha particolarmente deluso visto che mi aspettavo decisamente uno spettacolo migliore. Finale abbastanza discutibile che lascia porte aperte per una faida futura tra i 2, soprattutto se nelle prossime settimane l’ex campione di NXT si trasferità nello show blu, cosa da non sottovalutare. Curiosa l’assenza di Dolph, pensavo che in qualche modo “partecipasse” invece niente. Voto: 5/6

    Tag team Elimination: terzo scontro dell’evento si rivela esser il secondo match a eliminazione quello riguardante le divisioni tag team; la contesa è stata più piacevole dell’altro incontro a eliminazione soprattutto nella parte finale e anche in questo caso c’è qualcosa da segnalare sulle varie eliminazioni: prima di tutto ho trovato clamorosa e allo stesso tempo assurda l’eliminazione del New Day dopo neanche 1 minuto, gettando quasi nel cesso un lavoro enorme fatto in questi anni su di loro e vederlo trattato quasi come il peggior team jobber di RAW non è stata una gran cosa; discorso differente invece per il Club che da questo match ne esce ulteriormente rafforzato e soprattutto si conferma una credibile minaccia per i campioni; anonima l’eliminazione degli American Alpha e c’è da chiedersi quando realmente vedremo questo team sfondare nel main roster; il finale è stata la parte più godibile dell’intera contesa e logicamente la vittoria è andata ai favoriti cioè al team RAW e soprattutto ai 2 europei ormai lanciatissimi verso il top. Voto: 6+

    Kalisto-Kendrick: quarto match dello show si rivela la sfida per il titolo Cruiserweight tra il campione e l’ex membro dei Lucha Dragons. Riguardo l’incontro c’è da dire che forse sono io che mi aspetto sempre del gran spettacolo quando leggo cruiserweight ma anche questa volta la delusione è totale: ok ci sono stati qua e là i soliti spot di Kalisto ma mi aspettavo uno spettacolo decisamente migliore. Il risultato in parte mi sorprende visto che ero sicuro che la divisione rimaneva a RAW ma mai pensavo a un interferenza di Baron Corbin così dal nulla attaccando l’atleta mascherato, confermando che la loro faida che dura da oltre 4 mesi non è ancora finita. Voto: 5

    Traditional Elimination: il co-main event delle Series, come da pronostico, si rivela esser il più “importante” match a eliminazione tra il team RAW e il team SmackDown nel traditional 5 contro 5. La contesa si rivela a mani basse il miglior incontro dell’intero evento con al suo interno godibili spot tra cui la scontata reunion dello Shield e le 2 RKO su Strowman e quella sempre godibile al volo su Rollins. A vincere abbastanza a sorpresa, anche se vedendo chi aveva vinto i match prima si poteva pensare a questo risultato, è il team blu grazie alla “nuova family” che esce dalle Series con una credibilità importante e da tener d’occhio nelle prossime settimane. Voto: 7

    Goldberg-Lesnar: il mega match era stato chiamato e quello visto bè si può riassumere così: 86 secondi per distruggere e ridimensionare totalmente lo status di Lesnar; 86 secondi per far bestemmiare alla grandissima i mark di Lesnar e non solo loro; 86 secondi per umiliare indirettamente la streak conquistata dell’Undertaker e tutti i wrestler che hanno jobbato con la cavolata di suplex city dal 2014 a oggi; 86 secondi che hanno per l’ennesima volta dimostrato che ai piani alti hanno completamente buttato nel cesso tutto. Roba da non credere, ok che io ero in dubbio per la questione Godlberg-Contratto e non ero così certo di una sua netta sconfitta come molti ma santo cielo pensare che andava sul 2-0 contro Lesnar dopo 12 anni vincendo in meno di 2 minuti l’incontro, assurdo! Voto: S.V.