Tutta la redazione di Zona Wrestling si stringe intorno alle popolazioni colpite dal terremoto di magnitudo 6.0 che la notte fra il 23 e il 24 Agosto alle ore 03:36 si è portato via un pezzo di Italia e tante vite. Le nostre più sentite condoglianze alle persone che hanno perso i loro cari, un augurio di pronta guarigione a tutti i feriti e un abbraccio fortissimo a chi da quella notte, dovrà fare degli sforzi incredibili per andare avanti.

Pubblicità

La speranza comunque non deve mai scomparire, per questo non vogliamo perderci troppo in chiacchiere e frasi fatte, e dare anche qui, nel nostro piccolo, un aiuto. Qua sotto troverete tutte le informazioni utili per poter dare una mano, chi volesse, alle popolazioni ed ai paesi colpiti.

 

45500 SMS Solidale – Questo è il numero con il quale potrete donare due euro, è attivo con ogni operatore, Tim, Vodafone, Tre, Fastweb, Coopvoce, Wind e Infostrada.

La raccolta fondi – Per sostenere le popolazioni, la Protezione civile ha attivato un numero sia per sms sia per le telefonate (45500). Sul sito della Croce Rossa, www.cri.it nella sezione dedicata, in home page, sono invece presenti le modalità di donazione. E’ possibile donare attraverso l’IBAN: IT40F0623003204000030631681 utilizzando la causale “Terremoto Centro Italia”. La CRI, ha inoltre, ha attivato il numero telefonico 06 5510 dedicato al servizio donazioni e l’indirizzo email aiuti@cri.it.

Donare sangue – Si può donare sangue di tutti i gruppi sanguigni per aiutare i feriti vittime del terremoto, ha fatto sapere già nella giornata di mercoledì l’Avis Provinciale di Rieti sul suo profilo Facebook. Tuttavia, il presidente dell’associazione nazionale, Vincenzo Saturni, ha voluto ricordare che è possibile, anzi forse meglio, farlo anche nei prossimi giorni per evitare che le donazioni scadano nel momento in cui servono di più. “Se volete donare il sangue – ha detto – non fatelo tutti oggi”.

Evitare il volontariato spontaneo – E’ l’invito di Carlo Rosa, responsabile Protezione Civile del Lazio. “Ci sono migliaia di volontari che fanno capo alle tante organizzazioni sul territorio. E in questo momento tutte sono coordinate dalla Protezione civile. Quello che bisogna evitare è di mettersi in moto da soli, spontaneamente” ha spiegato.

 

Un grazie alla pagina tg24.Sky.it per le informazioni.

GiovY2JPitz
Appassionato di vecchia data, una vita a rincorrere il Pro Wrestling, dal lontano 1990. Studioso della disciplina e della sua storia. Scrive su Zona Wrestling dal 2009, con articoli di ogni genere, storia, Preview, Review, Radio Show, attualità e all'occasione Report e News, dei quali ha fatto incetta nei primi anni su queste pagine. Segue da molti anni Major ed Indy americane e non. Jerichoholic nel profondo!
  • girl ambrose

    quando succedono disgrazie di questa portata ,l’Italia c’e dal nord al sud . un abbraccio a tutte le persone che stanno lottando per salvare piu’ vite possibili,il mio pensiero va ai familiari delle vittime,ai professionisti volontari che trovino la forza di aiutare tutti.??????????

  • Adriano84

    Massima solidarietà per le persone che hanno perso familiari e la casa in questa tragedia , cercherò nel mio piccolo di dare un contributo per aiutare a far rinascere le città colpite dal terremoto , anche se sono consapevole che per la gente che l’ ha vissuto di persona sarà difficile riprendersi da uno shock del genere .

  • Rowdy

    Io sabato mattina contribuirò andando a donà il sangue. Visto che non c’ho na lira in tasca :/

  • BigMan

    un pò in ritardo,ma bravi lo stesso.

  • EC3

    Donati 2 euro anche se è un piccolo gesto, e domani mattina vado a donare il sangue.

  • AlbartIdespressione

    Ho sentito che a Norcia i danni sono stati limitati perché grazie all’esperienza avuta nel 79 durante un altro terremoto che colpì la città, si posero i rimedi necessari alle strutture per contenere eventuali danni.
    Non è per fare sempre polemica ma se i nostri governanti cominciassero a stanziare le cifre necessarie per prevenire i danni dovuti a calamità imperanti e risapute, forse, si eviterebbero almeno i morti.
    Nel 1982 quando ero ancora un ragazzino, scegliemmo come campeggio, la zona dell’Umbria colpita dal terremoto e condividemmo con i terremotati il cibo e la compagnia, dando un contributo sostanzioso alle famiglie di quel luogo. Fu un’esperienza toccante, ancora più emozionante se vista con gli occhi di un ragazzino che usciva per la prima volta di casa senza i suoi genitori. Quanto ho pianto quei giorni perché ero lontano da casa. Sono esperienze che ti fanno crescere e t’insegnano i valori fondamentali della vita.
    Chiudo dando tutto il mio supporto affettivo e nel limite delle possibilità, concreto, alle vittime del terremoto.

  • Eddie Guerrero

    Un abbraccio a tutte le persone che stavano in quel paese al momento del terremoto, quindi anche a feriti sperando che non ci siano altri morti o feriti che è brutto sentire tutto questo, cari politici invece di mangiarvi i soldi nostri che noi vi diamo in schifezze e quant’altro pensate a migliorare l’italia e a rinforzali se dovessero venire altri terremoti cosi non muore o viene ferito qualcuno, e poi aumentate gli stipendi ai poveri cittadini che guadagno poco e eliminare le tasse, e poi ripeto rafforzare le città che sono zona sismica e che hanno i vulcani attivi come l’Etna, e ancora un abbraccio di vero cuore a tutti feriti o chiunque a vissuto la brutta esperienza del terremoto che è una cosa triste e dolorosa sopratutto per i pianti, le urla ecc.

  • Alessandro_91

    Ieri ho portato alcuni beni di prima necessità ad un punto di raccolta della mia città.Nel mio piccolo ho contribuito anch’io

  • wakko

    L’Italia si scopre grande in 3 occasioni:
    1)quando ci somo i mondiali di calcio e c’è da tifare la nazionale
    2)alle olimpiadi per lo stesso motivo
    3)in tragedie come alluvioni e terremoti
    Il terzo punto in questi gg è di grandissima ispirazione ed io il mio piccolo contributo xol 45500 l’ho dato così come lo hanno fatto in tantissimi
    Concludo scrivendo non per fare polemiche ma per spronare i nostri amministratori che fino ad ora poco hanno fatto:pensare che l’Italia è il terzo paese a più alto rischio sismico/vulcanico al mondo e che ha solo il 30% delle scuole in regola fa sentire veramente male;pensare che a 14 km di distanza da Amatrice Norcia ha resistito in maniera egregia al terremoto grazie al fatto che una gran parte dei suoi edifici era costruita in maniera SERIA seguendo SERIAMENTE le norme antisismiche fa sentire male:vedere uma scuola ricostruita 4 anni or sono seguendo le sopradette norme ridotta in macerie fa sentire male !
    Ma basta sentirsi male ora bisogna guardare al futuro e quello che ha detto pochi minuti fa il sindaco di Amatrice(i tre punti sopra sono il fulcro del suo discorso)risponde a SACROSANTA verità !!

  • 3:16

    stavo seguendo il live di smackdown , eravamo arrivati al main event Zieggler vs Aj e all improvviso quella scossa tremenda preceduta da un rumore assurdo. Solidarietà alle popolazioni colpite dal terremoto.

  • Contro Nessuno

    Un abbraccio per i familiari delle vittime.
    Non potendo donare il sangue (perché ho paura e quasi svengo ogni volta) e donare soldi perché ce ne ho pochissimi e non lavoro…spero una preghiera basti.
    Un abbraccio forte a tutti i miei quasi vicini…