Carissimi lettori di Zona Wrestling, eccoci ad una nuova ed inutilissima puntata di AEW Dark. Perché inutilissima? Perché sostanzialmente succederà poco anche in questa occasione, esattamente come nelle altre. Ormai questo prodotto è utile solo per quei pochi wrestler che hanno bisogno di tanto in tanto di testare il proprio rapporto col pubblico. Funziona? Mah… Corey alla tastiera per voi, andiamo a vedere cosa è accaduto a Denver.

JURASSIC EXPRESS (Luchasaurus & Jungle Boy) battono PETER AVALON & KIP SABIAN 2.8 out of 5 stars (2,8 / 5)

Discreto incontro d’apertura che consente ai Jurassic Express di prendersi una vittoria in parte scontata. Riesce a dare maggiore competizione l’overbooking concesso da una giusta Penelope Ford e da una incomprensibile Leva Bates (cioè è incomprensibile sia ancora lì, vista l’assenza di particolari qualità). Bravi Jungle Boy e Kip Sabian a dare dinamismo, bravo Peter Avalon a recitare il suo personaggio e Luchasaurus a fare le sue poche cose ma bene.

JIMMY HAVOC batte SEVERINO CORRENTE 2 out of 5 stars (2 / 5)

Dura anche troppo questo confronto tra Havoc ed un emulo di Colt Cabana ma col nome scemo. Il britannico mette in cascina un nuovo +1, giusto per consentire i risvolti del post match. Il finale per arrivare al pin è stata semplicemente ginnastica: non ha bisogno Havoc di mettere in sequenza tutte le sue mosse finali.

Nel post match Luther arriva e attacca Jimmy Havoc portandolo fuori dal ring. La leggenda giapponese del deathmatch connette una DDT ai danni del britannico sulla rampa.

HIKARU SHIDA batte ABADON 1.7 out of 5 stars (1,7 / 5)

Non adoro i personaggi gotici perché in qualche modo esulano dalla realtà, diventando una macchietta. Abadon è un misto tra Su Yung, The Fiend e Rosemary. Non fa paura, non è capace sul ring e Hikaru Shida di settimana in settimana sembra stia perdendo coscienza con le sue qualità. A furia di fare questi match si sta perdendo. Vince, ma anche chissenefrega a questo punto.

PRIVATE PARTY battono BRANDON CUTLER & SONNY KISS 2.7 out of 5 stars (2,7 / 5)

L’incontro in sé non è malvagio, ma dura tanto per quelle che sono le capacità di alcuni atleti e questo fa uscire fuori i grossi difetti. Cutler e Kiss infatti non sanno incassare i colpi e faticano a gestire il loro corpo quando devono darli. Sono ultrasafe in modo goffo, e questa cosa non li aiuta e non aiuta i loro avversari. I Private Party, esattamente come la Shida, stanno vivacchiando di match che nemmeno a loro interessano più di tanto. Vincono sì, ma anche in questo caso: chissenefrega.

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dello show
5
Simone Spada
Giornalista professionista ed esperto di comunicazione, dal dicembre del 2006 è redattore di Zona Wrestling. Negli anni è stato autore di rubriche di successo come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia, Coppa dei Campioni, Indy City Beatdown e tante altre. Il primo giornalista in Italia ad aver parlato diffusamente di TNA ed AEW su un sito italiano di wrestling.