Brian Cage, attuale membro del roster della All Elite Wrestling, ha reso noto nel programma “AEW Unrestricted” alcuni dettagli della sua precedente esperienza in WWE. Ha raccontato un aneddoto del passato e spiegato come e perché non tornerebbe mai a lottare per la federazione di Stamford. Uno dei motivi è dovuto al discreto successo ottenuto tra le indy e Impact che oggi l’ha portato ad essere uno dei main eventer di Dynamite.

Mi feci male in un match per la WWE. Ne parlai con Jamie Noble e mi disse che ne avrebbe parlato presto con Johnny Ace. In realtà non lo fece e mi disse che ne avremmo riparlato dopo due settimane, quando sarebbero tornati da un tour in Australia. Pensai fosse stupido, avevo subìto una commozione cerebrale. Così andai a cercare Johnny e mi guardò disgustato quando gli dissi che mi ero infortunato perché avevo interrotto la sua discussione con un’altra persona. E se ne andò. Qualche giorno dopo mi ha ricercato, ha cercato di risolvere la situazione offrendomi un contratto. Dissi che andava bene, poi mi hanno tenuto tra alti e bassi, senza sapere che fare con me. Una volta che me ne sono andato la mia vita personale e professionale è migliorata. Sono diventato grande senza di loro e sono felice di questo. Tornarci? No, non ne ho bisogno“.

Simone Spada
Giornalista professionista ed esperto di comunicazione, dal dicembre del 2006 è redattore di Zona Wrestling. Negli anni è stato autore di rubriche di successo come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia, Coppa dei Campioni, Indy City Beatdown e tante altre. Il primo giornalista in Italia ad aver parlato diffusamente di TNA ed AEW su un sito italiano di wrestling.