Dopo i 5 motivi per amare Smackdown raccontati dal nostro Luca Grandi, ecco Sergedge che ve ne dice altrettanti per amare Raw , show che dal draft ha avuto una bella ricarica.

La qualità del roster
Quando questa settimana ho visto la battle royal di Smackdown per scegliere l’ultimo membro per il 6-pack challenge subito si è notato come a parte cinque nomi nello show blu di star power ce ne sia ben poco. Se invece pensiamo agli otto partecipanti ai due Fatal 4 way di Raw c’è un’altra percezione: Owens, Cesaro, Zayn, Balor, Jericho, Rusev, Reigns, Sheamus. A questi poi aggiungiamo una stella assoluta come Rollins, Lesnar (quando si farà vivo), il New Day (gli intrattenitori più della WWE) Enzo&Cass, Gallows&Anderson, il redivivo Neville non ci si può proprio lamentare del livello medio dei wrestler dello show rosso.

Si fa la storia
Dividendo il roster l’ipotesi più gettonata sembrava essere quella di una nuova scissione del titolo mondiale, tornando così ad avere un titolo WWE e uno dei pesi massimi. Per non distruggere un titolo unificato in tempi così recenti si è scelto invece di crearne uno nuovo di zecca e per dargli risalto si è scelto un nome altisonante che almeno nelle intenzioni vogliono elevare al livello massimo: il WWE Universal Championship. Qua ragazzi si fa la storia, solo nei prossimi anni sapremo se l’esperimento avrà dato i suoi frutti e l’importanza che avrà acquisito questo titolo, ma senza aspettare tutto questo tempo in qualche settimana sapremo chi sarà il primo campione universale della WWE. Non ci si può proprio lamentare dei contendenti: da una parte il wrestler meglio gestito dalla federazione da anni, quel Rollins che ha ripagato ampiamente tutto il tempo speso per elevarlo al rango di main eventer; dall’altro abbiamo il talento Finn Balor che dopo aver soggiornato a lungo a NXT ha ricevuto la chance della vita appena arrivato nello show principale. Chiunque si aggiudicherà il titolo ci sarà da divertirsi, vedremo di settimana in settimana se la nuova cintura acquisirà importanza rispetto al WWE World Championship.

Divas Revolution
Se amate le divas (mi riferisco a feud e match, non solo alle foto in bikini) dovete guardare Raw per vederle contendere per un titolo. Il neonato WWE Women’s Championship è appena passato dalla figlia d’arte Charlotte a The Boss Sasha Banks e vedremo come la neo campionessa gestirà la situazione ora che è passata ad essere da cacciatrice a preda. Non è ancora chiaro se verrà creato una cintura per le ragazze di Smackdown, ma al momento attuale il massimo alloro è nello show del lunedì sera, per cui c’è ragione di credere che il massimo impegno per creare rivalità degne di queste nome tra divas sarà riversato in quel di Raw.

US&Tag team Championship
Salvo quello Intercontinentale Raw ha fatto l’all-in riguardo i titoli da mettere in palio. Visto l’alto livello medio del roster è facile pensare che anche per un titolo minore come quello degli Stati Uniti ci saranno protagonisti di qualità assoluta. Attualmente la cintura è alla vita di Rusev, che anche se in calo rispetto ai tempi della rivalità con Cena è ancora garanzia di match interessanti. Vedremo chi sarà il prossimo suo avversario, ma c’è da essere ottimisti sul fatto che sarà di una caratura superiore ai precedenti O’Neil e Ryder. Così come sarà interessante vedere chi riuscirà nell’impresa di detronizzare il New Day, freschi del record di longevità come campioni. Smembrata la Wyatt Family chi proverà l’impresa? Personalmente vorrei vedere il trio contro Enzo&Cass, tra siparietti comici e match possono produrre qualcosa di interessante.

Il ridimensionamento di Reigns
Ok, calma. Non sto dicendo che l’ex membro dello Shield sia diventato un mid-carder, ma è evidente che dopo la recente violazione del Wellness program sia meno protetto di prima, come dimostrano i recenti schienamenti puliti subiti da Rollins, Ambrose e Balor (prima di allora faccio fatica a ricordare pin non sporchi subiti dal samoano). Non sono un estimatore di Reigns, ma credo che sia migliorato in diversi aspetti dai tempi del match di Wrestlemania contro Lesnar. Purtroppo paga il fatto che voglia essere imposto a tutti i costi e l’avergli affibbiato un personaggio vomitevole con una catchphrase odiosa. Attualmente sembra vogliano fargli pagare la violazione, cosa che lo rende enormemente più sopportabile, se poi decidessero addirittura di fargli effettuare un turn heel allora la sua parte dello show inizierebbe ad essere davvero interessante. Solo il futuro ci farà capire se questo sarà solo un passaggio verso una cosiddetta redemption per poi farlo tornare invincibile e insopportabile, ma al momento il suo ridimensionamento è certamente un motivo per amare Raw. Spero di essere riuscito a far capire il mio pensiero senza passare da hater.

Se avete voglia fatemi sapere quali sono i vostri 5 motivi per amare Raw o per lo meno i 5 wrestler dello show rosso che seguirete con più interesse.

Sergedge – EH4L

Sergedge
Rievocato durante una seduta spiritica è tornato a infestare il sito di Zona Wrestling con l'ardore di un tempo. Per la serie l'erba cattiva non muore mai.