Benvenuti amici di ZW e siamo qui pronti per l’episodio settimanale di Dynamite e siamo a Chicago città natale delgrande sconfitto di settimana scorsa CM Punk, in una puntata che si prospetta molto interessante date le molte cose proposte. Infatti l’Undisputed AEW World Champion Jon Moxley ha qualcosa da dire dopo la sua schiacciante vittoria ai danni Punk, inoltre fra le tante cose che ci offrirà lo show ci sarà anche il match per un posto nella finale per il torneo dedicato ai titoli Trios in un match che potenzialmente potrebbe essere un vero e proprio show-stealer. Ma non perdiamo altro tempo e immergiamoci subito nello show.

PROMO: La puntata si apre con l’ingresso dell’Undisputed AEW World Champion Jon Moxley che prende subito la parole e visto che siamo a Chicago non si lascia di certo sfuggire qualche frecciatina a CM Punk e parla della sua vittoria di settimana scorsa proprio ai danni di quest’ultimo non andandoci piano, sottolineando che l’eroe di casa ha miseramente fallito. Mx tira fuori dalla tasca un contratto valido per un match titolato ad All Out e lo lascia lì sul ring, chiunque può prenderlo e firmarlo, ma non prima di essere stato avvertito che affrontare Mox non è una passeggiata ma anzi è un’esperienza tutt’altro che felice. Il campione lascia il ring, ma Ace Steel arriva e prende il contratto tornando velocemente nel backstage.

BACKSTAGE: Chris Jericho viene intervistato riguardo il match che avrà contro Bryan Danielson ad All Out, Jericho dice che vedere il Lionheart e l’American Dragon affrontarsi è un vero e proprio dream match, ma per uno dei due sarà un incubo. Ad interromperlo arriva Daniel Garcia che si scusa per quanto accaduto settimana scorsa ma jericho non sembra apprezzare appieno le scuse e avverte Garcia di guardarsi le spalle.

Bryan Danielson vs Jake Hager 3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)

La presenza di Jericho al commento è decisamente un punto a favore dell’incontro, con Chris che ad un certo punto fa anche riferimento alla vittori di “un titolo mondiale” di Hager proprio ai suoi danni (2010 in WWE). Un match per lunghi tratti dominato da Jake Hager che approfitta della sua maggior fisicità per mettere in grande difficoltà Danielson. Hager va a segno con diverse manovre di potenza andando anche per ben due volte a schiantare il malcapitato Danielson contro le barriere fuori ring. Nelle fasi finali bella la sequenza fra Lebelle Lock di Danielson e Anckle Lock di Hager, vinta dal primo che al secondo tentativo riesce ad intrappolare Hager. Il match si conclude però grazie al Busaiku Knee Kick dell’American Dragon che gli regala la vittoria.

Vincitore: Bryan Danielson

Neanche il tempo di rialzarsi che Danielson viene subito attaccato dalla JAS ma i compagni del BCC corrono in suo soccorso, ad approfittarne però sembra Jericho che armato di sedia vuole infierire sull’American dragon che viene salvato da Daniel Garcia che sfila la sedia dalle mani del Lionheart distraendolo e permettendo a Danielson di andare a segno con la sua ginocchiata patentata.

I Wingmen sono sul ring con tanto di cartelli, ma lo strazio finisce subito perchè arriva W. Morrisey che in tempo zero fa piazza pulita e distrugge chiunque si trovi davanti a lui. Lo fa però sotto lo sguardo attento di Stockely Hathaway con i due che sembrano allearsi e con poco voglia di parlare dato che mandano al diavolo il povero Tony Schiavone.

BACKSTAGE: Lo United Empire si sta preparando per il grande match e vengono intervistati nemmeno il tempo di finire la frase che Ospreay viene interrotto da Don Callis che prima fa i complimenti ad Ospreay e poi dice che vederlo affrontare Kenny Omega sarà fantastico e va via.

Dr. Britt Baker & Jamie Hayter (w/Rebel) vs Toni Storm & Hikaru Shida 3 out of 5 stars (3 / 5)

Iniziano bene Hikaru Shida e Toni Storm ma con l’ingresso di Britt Baker la musica cambia e anche grazie a diverse scorrettezze il team della Baker riesce a prendere il controllo con la Baker e la Hayter che si scambiano una serie di veloci tag in successione. Ma Toni reagisce con una DDT dal paletto e riesce a dare il cambio a Hikaru che ha l’energia al massimo e anche grazie a Toni Storm fa piazza pulita delle avversarie mettendo fuori gioco anche Rebel e Jamie Hayter. Sul ring restano quindi Hikaru e Britt, con quest’ultima che si becca un calcio rotante dalla sua avversaria e tanto basta per aggiuducarsi il match.

Vincitrici: Toni Storm & Hikaru Shida

Ci vengono mostrati ben due video promo, nel primo vediamo Excalibur che ci rivela che Kip Sabian affronterà ad All Out Pac per l’All Atlantic Championship con il campione che accetta la sfida. Nel secondo invece Miro parla della House Of Black e viene raggiunto da Darby Allin e Sting, saranno infatti loro tre ad affrontare la House Of Black ad All Out.

PROMO: Ed ecco che fa il suo ingresso CM Punk che viene accolto ovviamente alla grande dal suo pubblico. Punk ripercorre quanto successo dal 1 giugno, giorno del suo infortunio, a settimana scorsa. CM Punk si domanda anche se essere al 100% possa bastare per battere Jon Moxley e chiede al pubblico se effettivamente si sentono delusi da lui, con la risposta che sembra più che chiara e i fan vogliono vedere CM Punk riprendersi il titolo. Ma arriva Ace Steel che precedentemente aveva raccolto il contratto lasciato sul ring da Moxley. Ace prende la parola e parla del suo amico CM Punk e cerca di incoraggiarlo il più possibile e cerca anche di convincerlo a firmare il contratto. La carica di Steel sembra colpire CM Punk che spinto anche dal pubblico firma il contratto. E quindi ad All Out CM Punk andrà in cerca della sua vendetta ai danni di Jon Moxley, i due si affronteranno per l’AEW World Championship, con Punk che conclude il tutto fra il pubblico con un sonoro WE ARE CHICAGO.

Ci viene mostrato il confronto fra Jungle Boy e Christian Cage con il primo che dice che voleva veramente bene a Christian e con quest’ultimo che risponde che in realtà lui è qui per vincere i titoli e per la gloria e proprio mentre la conversazione sta per prendere la via delle classiche frecciatine alla famiglie di Jungle Boy, quest’ultimo interrompe prontamente l’avversario. Ad All Out i due si affronteranno e ognuno di loro ha le proprie ragioni per vincere.

FTR & Wardlow vs Vic Capri, Ren Jones e Silas Young sv

Uno squash in piena regola con gli FTR e Wardlow che non fanno la benchè minima fatica e concludono la pratica in pochissimo tempo. Big Rig e Powerbomb Sympony e tutti felici e contenti. I Motor City Machine Gun e Jay Lethal sono avvisati.

Vincitori: FTR & Wardlow

Jon Moxley torna sul ring e parla di CM Punk e del match di domenica promettendo brutalità e violenza come CM Punk non ha mai visto e dice a quest’ultimo di non pensare minimamente alla possibilità di un miracolo per lui distruggerà Punk.

Dante Martin vs Rush vs Rey Fenix vs Wheeler Yuta 4 out of 5 stars (4 / 5)

Un match veloce e dinamico con diverse azioni spettacolari e nessun momento di pausa. I 4 danno il meglio e chissà cosa potranno fare nel casino Ladder Match ad All Out. Tutti si mettono in mostra con mosse spettacolari con nessuno dei 4 che prende il controllo dell’incontro. Al termine del match a portarsi a casa la vittoria è Wheeler Yuta, il ROH Pure Champion inchioda con un più che creativo roll-up Dante Martin.

Vincitore: Wheeler Yuta

BACKSTAGE: Il Dark Order si ritrova a corto di un membro per il match valido per la qualificazione alla finale del torneo per i titoli Trios. Venerdì a Rampage ci sarà il match con i Best Friend ma serve trovare il terzo, che si rivela essere non altri che Hangman Adam Page che vuole rendere All Out un evento spettacolare per loro.

La settimana prossima Wheeler Yuta affronterà Daniel Garcia con in palio il Pure Championship.

The United Empire (Will Ospreay & Aussie Open) vs The Elite (Kenny Omega e Young Bucks) 4.3 out of 5 stars (4,3 / 5)

Ed eccoci al main event che non poteva essere migliore di così, United Empire e Elite pronti a dare tutto per qualificarsi alla finalissima del torneo per i titoli Trios. Da notare che durante l’ingresso di Omega viene presentato con tutto ciò che fa riferimento alle sue vittorie e vicende contro Will Ospreay. Un match veramente coinvolgente con Ospreay e Omega che non nascondono la loro ossessione nei confronti l’uno dell’altro. ma non sono da meno nemmeno Young Bucks e Aussie Open che si esibiscono in mosse di coppia molto ben eseguite. Entrambi i team danno veramente tutto per vincere ma alla fine a spuntarla è l’Elite grazie a Kenny Omega che connette con la One Winged Angel su Kyle Fletcher. Lo United Empire ha dato tutto ma l’Elite si è dimostrato migliore e si è portato a casa una vittoria più che prestigiosa.

Vincitori: The Elite (Kenny Omega & Young Bucks)

Uno sconsolato Will Ospreay osserva un Kenny Omega festante ma stanco, Ospreay osserva seduto sulla rampa andando a ricordare veramente tantissimo il finale di WrestleMania 28 fra The Rock e John Cena, con quest’ultimo che osservò nella stessa maniera un The Rock festante. Ospreay sicuramente è molto deluso ma la sua guerra contro Kenny Omega sicuramente non è finita qui.

E questo è tutto e a noi non resta che darvi appuntamento fra 7 giorni per il prossimo episodio di Dynamite che sarà il successivo ad All Out che presenta una card ricchissima di incontri. Noi vi salutiamo e vi invitiamo a continuare a seguirci, come sempre, sul nostro sito.

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dei match
7.5
Qualità dei promo
7
Evoluzione delle storyline
7