Ciao a tutti, amici e amiche di Zona Wrestling e bentornati ad un nuovo appuntamento con la Major League Wrestling. Qui il vostro Mauro, di nuovo qui per illustrarvi cosa è accaduto, questa settimana, in occasione dell’episodio #131 di Fusion, nonché ultimo appuntamento e season finale prima della pausa che ci terrà senza programmazioni fino al 10 luglio. Let’s begin!

Lo show ha inizio con un video che ci mostra gli ultimi interventi da parte di Lio Rush e Myron Reed prima del fatidico main event che li vedrà contrapposti in un match con in palio l’MLW World Middleweight Title.

Commento: Dopo la sigla, il team di commento composto da Ray Flores e Saint Laurent ci presenta i programmi per lo show. Viene messo hype per il main event, già menzionato, viene ricordato che Richard Holliday sarà in azione e ci viene anticipato un discorso che riguarda la CONTRA Unit e una presunta “manipolazione dei contratti” da loro perpetrata.

Ora arriviamo sul ring per le prime azioni dello show. Vediamo arrivare Gringo Loco sul quadrato, seguito dal campione della AAA Laredo Kid, che è riuscito, come ci viene descritto dal team di commento, a riottenere la cintura nonostante la sconfitta contro Lio Rush nel match a doppio titolo a seguito di un reclamo da lui fatto alla MLW e sui social. Il match tra i due ha quindi inizio.

Singles Match: Laredo Kid vs. Gringo Loco 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)

Inizio esplosivo, con Laredo Kid e Gringo Loco che ci danno dentro con dei salti energici e delle mosse veloci. Il mood è rimasto, in modo costante ed uniforme, lo stesso per tutta la durata del match, in una gara al più agile e veloce. Laredo Kid mette a frutto i suoi 13 anni di esperienza nel ring ed il suo essere uno dei migliori luchadores in Messico anche in questo scontro con Gringo Loco, dominando gran parte del match nonostante la buona offensiva dell’avversario e finendo per avere la sua vittoria, dopo 9:19 minuti di incontro, con una devastante Spanish fly. Buon opener per lo show.

Vincitore: Laredo Kid (per schienamento)

Commento: Dopo i festeggiamenti di Laredo Kid in cima alla rampa, ci vengono mostrate alcune immagini degli ultimi accadimenti riguardanti la Azteca Underground, con Salina de la Renta furiosa per le continue sconfitte dei membri dell’organizzazione per cui ha lavorato e il suo rapimento filmato la scorsa settimana nei parcheggi. I commentatori, dunque, si chiedono cosa sia successo a Salina e dove sia stata portata.

Backstage: Dopo un break, alcuni annunci pubblicitari della MLW ed altre immagini in vista del main event dello show, ritroviamo Alexander Hammerstone nel backstage. Il campione National Openweight prende in causa Josef Samael per avergli negato, la scorsa settimana, la sua richiesta ad un match titolato. Questo lo ha davvero fatto imbufalire, tanto da aver quasi strappato, per la rabbia, il paraurti dalla sua macchina, ma questa è esattamente la reazione che Samael desidera. Lui vuole Hammerstone così incazzato da non pensare con chiarezza. Ora, tuttavia, Hammerstone sta pensando chiaramente, perché non ci sono dubbi sul fatto che Samael sia un giocatore di scacchi di alto livello, o il fatto che Fatu detenga il titolo dei pesi massimi lo renda l’uomo più cattivo della MLW. Ora, però, c’è una domanda da fare: perché Samael sta proteggendo Fatu? Hammerstone era solito pensare che Fatu fosse spaventato, ma Fatu non dovrebbe evitare nessuno perché pensa davvero di essere imbattibile. Quello a non pensarlo realmente è Samael. Considerando tutti i corpi rimasti sulla scia di Fatu, Samael sa benissimo che Hammerstone è l’unico capace di mettere fine al regno di terrore imposto dal campione in carica. In definitiva, dunque, una volta che Samael smetterà di proteggere Fatu, forse i fan avranno finalmente la lotta che tanto desiderano. Ottimo promo da parte del nostro Hammer Boy di fiducia, probabilmente uno dei suoi migliori e uno dei più credibili.

Commento: Il team di commento ci presenta, ora, i programmi per la settimana ed i prossimi mesi. Questo sabato ci sarò il debutto della MLW su VICE TV con la messa in onda, con tutta probabilità, di vecchi episodi di Fusion col pubblico presente. Il 10 Luglio la MLW tornerà con la nuova stagione di Fusion, in tempo reale e con i fan, in quel di Philadelphia. Le seguenti mete di destinazione saranno, poi, Dallas per l’11 settembre e Chicago per il 6 novembre.

Backstage: Dal backstage, abbiamo ora un intervento della nostra regina delle interviste, Alicia Atout. Alicia ci conferma che Josef Samael può tenere in gabbia il titolo di Jacob Fatu quanto vuole, fatta eccezione della Battle Riot, dato che al vincitore di quel match a 40 uomini sarà garantita, a priori, una chance titolata. In aggiunta, Alicia ci rivela che, data la necessità di un roster più ampio, la MLW terrà, dalla prossima settimana, un open draft online, sul sito e su YouTube, che fornirà da sistema di collegamento e contatto con star e free agent provenienti da tutto il mondo. Avremo degli aggiornamenti in merito nelle prossime settimane. Chi si aggiungerà alle file della Major League Wrestling?

Da Kauai (Hawaii): Dopo vari segmenti pubblicitari e promozionali, abbiamo un collegamento con i Von Erichs da Kauai, nelle Hawaii. Ross parla a Marshall della sua esperienza con Keiji Mutoh e Marshall si scusa per aver perso il suo match contro Tom Lawlor. Marshall non troverà delle giustificazioni per la sua sconfitta, ma promette che una resa dei conti arriverà il 10 luglio e lui e Lawlor metteranno le cose in chiaro una volta per tutte. Insomma, la rivalità tra i due ex migliori amici non è affatto conclusa.

Tornando sul ring, siamo pronti a vedere di nuovo in azione Richard Holliday, il quale entra sul ring con il suo titolo Caribbean sulla vita. Il suo avversario si trova già sul ring ed è Ariel Dominguez, atleta visto spesso a Fusion e che ha avuto delle apparizioni nella AEW, ad NXT e nella EVOLVE. Il match ha inizio…

Singles Match: Richard Holliday vs. Ariel Dominguez [s.v.]

…e trova la sua fine dopo un misero minuto e 36 secondi di squash da parte del nostro campione dei Caraibi e membro di Dynasty, che resiste agli scarsi tentativi di offensiva da parte di Dominguez effettuando una flap jack e la sua 2008 per il 3 della vittoria.

Vincitore: Richard Holliday (per schienamento)

In cima alla rampa del ring: Dopo i festeggiamenti, Holliday raggiunge Alicia che si trova nei pressi del ring. Alicia chiede al campione Caribbean come si senta ad avere questa serie di vittorie nella casacca, ma il tutto viene subito interrotto dall’intromissione di Gino Medina. I due ex colleghi di Dynasty hanno una brevissima lite verbale, in cui Holliday ribadisce di averlo licenziato. Medina fa per andarsene, ma soltanto per attaccare alle spalle Holliday. Medina, nonostante gli inviti da parte di Alicia di desistere dall’attacco (Alicia che difende Richard…eheh), continua con l’attacco, ribadisce ad Alicia che lui si è dimesso dal suo ruolo nella stable usando un epiteto poco carino nei confronti della stessa Alicia (o di Holliday, vallo a capire…) per poi effettuare una DDT ai danni di Holliday sul parquet. L’attacco viene poi interrotto dagli arbitri e dalla guarda medica che si accerta che le condizioni di Holliday non siano gravi. A quanto pare, i due non hanno ancora finito di farsi la guerra…meh.

Dopo un altro break pubblicitario ed un video che mette hype per il main event, ci viene presentata la nuova Top 10 stilata da Pro Wrestling Illustrated con i papabili sfidanti per il titolo massimo detenuto da Jacob Fatu. Ecco la classifica:
10° Rocky Romero
Ross Von Erich
Calvin Tankman
Myron Reed
Mil Muertes
Richard Holliday
Mads Krugger
Lio Rush
Tom Lawlor
Alexander Hammerstone

Siamo, dunque, finalmente pronti ad assistere al tanto atteso main event: Rush-Reed 2. Vediamo arrivare per primo sul ring lo sfidante, Myron Reed, il quale non ha nessuno a bordo ring per lui, la sfida è personale. A seguirlo è il campione, Lio Rush, il quale arriva sul quadrato bello pimpante, un po’ come Reed. Il match titolato può, dunque, cominciare.

MLW World Middleweight Championship Match: Lio Rush (c) vs. Myron Reed 4 out of 5 stars (4 / 5)

Uno splendido spettacolo da parte di entrambi, ma cosa mai potevamo aspettarci? Questo secondo scontro e capitolo nella rivalità tra Rush e Reed non delude affatto, con i due che hanno una sintonia strabiliante e mantengono l’azione attiva, rapida, dinamica e fluida per quasi tutta la durata del match (che, tra l’altro, ha un ottimo minutaggio, 15:56 minuti, data l’importanza datagli e le grandi aspettative ed hype a riguardo). Ciò che ha distinto questo scontro da un normale match tra cruiserweight/middleweight e che lo ha reso speciale, in particolare, è la psicologia, i giochi mentali e le provocazioni venutesi a creare per l’occasione: Rush ha costantemente pensato di essere il più furbo, il più scaltro, spesso a ragione, data la sua estrema maestria nel ring, ma Reed ha continuato, imperterrito ed in più momenti, a provargli il contrario. Sono numerosi i belli spot durante il match, specie nelle parti finali, con una serie di finisher che ha lasciato col cuore in gola fino alla fine. Nonostante un paio di piccole imprecisioni, lo scontro si chiude in bellezza con Reed che riesce a resistere ad una frog splash di Rush, il quale, poi, commette un errore di arroganza nel non voler effettuare una seconda frog splash e volersi prendere gioco dell’avversario imitando la sua mossa che non va a buon fine, e con ancora Reed che riesce a terminare il match in suo favore con una air raid crash e uno splendido springboard 450 per il 3 finale. Myron Reed è, nuovamente, il campione dei pesi medi e primo in assoluto, nella storia della MLW, ad aver vinto per la seconda volta un titolo. Che main event!

Vincitore e nuovo campione: Myron Reed (per schienamento)

Myron Reed festeggia l’epica vittoria e riconquista del titolo sul ring insieme a Jordan Oliver e Calvin Tankman, i quali lo abbracciano e sono estasiati dal raggiungimento dell’amico, mentre Lio Rush, amareggiato e deluso dalla sconfitta, si ritira nelle retrovie. Tuttavia, lo show non si chiude qui…

Da una location sconosciuta a Boyle Heights: Vediamo Salina de la Renta venir trascinata in un ufficio a Boyle Heights, col capo coperto da un sacco, da parte di un energumeno mascherato, probabilmente lo stesso visto nei filmati la scorsa settimana. Sulla scrivania si trova El Jefe, un uomo, un viso molto conosciuto, una leggenda, “I’m kind of a big deal”…è lui o non è lui, certo che è lui: DARIO CUETO! Cueto dice di essere un uomo generoso, dato che se avesse deluso solo lui, l’avrebbe perdonata. Il problema sta nel fatto che non ha deluso solo lui, bensì tutti i credenti. Quando l’ha salvata dalla fogna le ha dato accesso ai migliori luchadores sulla Terra, e tutto ciò che ha chiesto in cambio erano oro e violenza. Tutto è ok, però, perché sta costruendo un nuovo tempio e Salina, tra tutti, dovrebbe essere la prima a sapere che sono richiesti dei sacrifici, e viene dunque portata via di forza (dovremmo dunque dire addio a Salina, immolata per una “giusta” causa?), al che il telefono di Cueto squilla. Dario risponde ad un certo suo amico, dicendo che lo incontrerà il 10 luglio a Philadelphia, vedendo quali piani ci saranno in quella data. Lo show #131 di Fusion si chiude con il logo fiammeggiante della Azteca Underground e con un WOW grande quanto una casa! Dario Cueto, personalità illustre nonché principale fondatore e promotore della Lucha Underground, è risorto di nuovo, ora come capo e direttore della Azteca Underground!

Un finale di stagione senza precedenti e che ci lascia con un cliffhanger da mozzare il fiato! Cosa succederà a Fusion una volta che torneremo, col pubblico, a Philadelphia il 10 luglio? Non ci resta che attendere, con trepidazione, quella fatidica data, intrattenendoci intanto, nelle prossime settimane, col ritorno di MLW Underground. Per stavolta, però, è tutto, cari lettori di Zona Wrestling, ma vi aspetto per i blog mensili e le edizioni settimanali di Underground e ci rivedremo con Fusion il 10 luglio. Segnatevi la data sui calendari!

Mauro Cambus

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dei match
7
Evoluzione delle storyline
9,5
Qualità dei promo
8
FONTEMLW YouTube; Zona Wrestling
Avatar
Anno: 1994. Passioni: wrestling, videogames (w i Pokémon, dolci e prorompenti), mondo asiatico. Segni particolari: pioniere della Women's Revolution, the Goddess of ZW. LET ME IN!