Ciao a tutti, amici e amiche di Zona Wrestling, e bentornati, finalmente, ad un nuovo appuntamento con la Major League Wrestling dopo sei lunghi mesi di pausa! Io sono Mauro Cambus e vi illustrerò cosa è accaduto durante l’episodio #110 di Fusion in occasione di quello che è stato chiamato #TheRestart da Agosto a questa parte. Vediamo cosa ha avuto la MLW in serbo per noi, dopo questa lunga pausa. Cominciamo!

La nuova puntata di Fusion si apre con un video che riepiloga un po’ quella che è la storia della MLW, a partire dal 2002 con video tratti da MLW Underground e con la storia dei vari titoli della federazione negli ultimi due anni. Vengono anche mostrate immagini dell’hackeraggio fatto dalla CONTRA Unit, poi andato in fallimento per l’intervento del roster della MLW. È ora del nuovo inizio, #TheRestart is complete.

Vediamo subito arrivare sul ring il nostro campione National Openweight Alexander Hammerstone, e notiamo subito come il luogo non presenti nessun fan, ma solo qualche operatore per le riprese. Veniamo introdotti allo show da parte del commentatore play-by-play della MLW, Rich Bocchini, accompagnato da una nuova personalità al commento, l’analista della lotta Jared St. Laurent.

Commento: Viene, dunque, presentato il main event della serata, il match valevole per l’MLW World Heavyweight Title tra il campione in carica Jacob Fatu e il membro della Hart Foundation, Davey Boy Smith Jr., il quale, durante le Super Series in Messico, era stato attaccato dalla stessa CONTRA Unit. Un altro importante match della serata che viene annunciato è quello valevole per l’MLW Middleweight Title tra il campione Myron Reed e Brian Pillman Jr. Viene poi rivelato, in esclusiva, che verrà tenuta, come promesso l’anno scorso, una nuova edizione della Opera Cup ed un torneo del quale verrà mostrata la griglia dei match in serata.

Dopo la sigla, vediamo sul ring l’avversario di Hammerstone, Jason Dugan, ed il match non valevole per il titolo ha inizio!

Singles Match: Alexander Hammerstone vs. Jason Dugan [s.v.]

Match estremamente rapido (20 secondi, come indicato nel nuovo timer posto in cima allo schermo) ed indolore, perlomeno per il campione in carica. Dugan viene steso, poco dopo il suono della campana, con un violentissimo lariat e poi messo al tappeto con la devastante Nightmare Pendulum per un conto di 3 fatto alla Chris Jericho in WCW, con Hammerstone in piedi, col piede sul corpo del povero Dugan.

Vincitore: Alexander Hammerstone (via pinfall)

Con i festeggiamenti post-match, Hammerstone prende anche parola per dire che non capisce quanto debba aspettare perché l’opportunità per il titolo massimo arrivi. Dice di aver passato l’intero 2020 al primo posto nella top 10 e quindi non vede perché debba ancora aspettare Jacob Fatu e la chance titolata. Il campione massimo è avvisato!

Vediamo poi, in un video recap, la rivalità tra Myron Reed e Brian Pillman Jr. che va avanti sin da Marzo/Aprile e che si è protratta, con dei video aggiuntivi, durante i mesi di pausa. Myron Reed dice che Brian è semplicemente l’ennesimo ostacolo all’avanzata di Injustice, e Brian ha risposto con un gran ritorno ed un assalto a sorpresa ai danni dei due membri di Injustice. Brian è pronto per l’opportunità titolata tanto bramata, ed il match, dopo una breve presentazione dei commentatori, ha inizio.

L’entrata di Brian Pillman Jr. viene mandata più volte perché lo sfidante non sembra presentarsi sul ring. I commentatori insinuano che Pillman non voglia presentarsi sul ring, e intanto si va in pausa con un video che mette hype sull’arrivo di Lio Rush ed un altro sui podcast targati MLW. Dopo la breve pausa, vediamo dunque arrivare Pillman sul ring, seguito dal campione Myron Reed accompagnato dal suo fido alleato Jordan Oliver. Cominciamo!

MLW Middleweight Championship Match: Myron Reed (c) vs. Brian Pillman Jr. 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)

Il match per il titolo della categoria Middleweight risulta molto equilibrato tra le due parti, sebbene a tratti piuttosto lento. Le prime parti del match vengono dominate su tutti i fronti da parte dello sfidante, ma il campione recupera poi con delle bellissime mosse verso l’esterno del ring e attraverso le corde verso l’interno che sono caratteristiche del suo repertorio. Dopo una slingshot stunner ed un reverse suplex Pillman non è ancora giù con un conto di 2 e cerca di combattere con tutte le sue forze. Dopo 11:17 minuti di incontro, però, Brian commette un errore picchiando il ginocchio sull’angolo e sulla giubba rimossa precedentemente da Reed, cosicché il campione possa mettere a segno la sua Captain Crunch per il conto di 3. Buon match, che però pecca di dinamismo e vitalità (comprensibile dati i mesi di pausa, si avrà tempo di scaldarsi e rimettersi in forma nel corso delle settimane).

Vincitore e ancora campione: Myron Reed (via pinfall)

Injustice festeggia sul ring e poi abbiamo un promo dal backstage. Reed consiglia a tutti di smetterla di sottovalutare il giovane migliore di tutti (il nostro piccolo GOAT) e poi fa subito menzione dell’arrivo di Lio Rush, dichiarando che vuole lui come prossimo sfidante al suo titolo.

Dal Messico: attraverso una clip direttamente da Monterrey, vediamo i Los Parks, i quali ci dicono che non appena avranno sistemato la CONTRA Unit, andranno a caccia delle cinture e dei titoli.

Backstage: vediamo poi un fenomenale promo da parte di Josef Samael e, poi, da parte del campione Jacob Fatu, i quali si prendono gioco del Restart e dello sfidante dello show Davey Boy Smith Jr., proclamando che loro non si sono mai fermati, che la CONTRA Unit continuerà ad agire nel silenzio e nell’ombra e che nel main event sarà Jacob a trionfare, mettendo al cielo la loro bandiera. Gloria a CONTRA!

Commento: un breve messaggio da parte dei commentatori ci rivela poi, sotto informazione da parte di Konnan, che nientemeno che Salina de la Renta stava dietro all’hackeraggio da parte della CONTRA Unit che pagava la manager per antonomasia della MLW per ricevere delle insight sui sistemi della federazione.

Backstage: Konnan, con un breve promo dal backstage, prende parola contro Salina de la Renta e Josef Samael, dicendo che probabilmente il portavoce della CONTRA Unit avrebbe potuto mandare in tilt la federazione e gli HQ della MLW a New York anche da solo, ma naturalmente è da lui procurarsi più personale, in questo caso qualcuno di fidato e di inserito nei sistemi come Salina, per mandare tutto sotto scacco. Viene poi annunciato che Salina è quindi, sostanzialmente, diventata un pericolo per la stabilità e la messa in onda delle trasmissioni, con tanto di denuncia a suo carico, ma sarà presente la prossima settimana per dire la sua.

In seguito, viene affrontato il discorso Opera Cup, con un breve riepilogo della sua storia nel corso degli anni. Viene poi, finalmente, mostrata la griglia dei match per decidere chi sarà il vincitore della coppa nell’edizione 2020 del torneo. Otto partecipanti, quattro match: Tom Lawlor vs Ricky Romero, Laredo Kid vs ACH, Low Ki vs Davey Boy Smith Jr. ed infine Richard Holliday vs TJP. Vengono anche annunciate le superstar che faranno da alternative per gli otto menzionati sopra: Gino Medina, Jordan Oliver, Hijo de la Park, King Mo, Dominic Garrini e Daga (talento della AAA).

Backstage: ALICIA! Ecco la nostra cara intervistatrice della MLW nel backstage insieme a Davey Boy Smith Jr. Alicia chiede allo sfidante al titolo del main event come è andato l’allenamento per l’importante incontro. Davey dice che è andato alla grande ma è stato parecchio tosto. Dopo essersi allenato a Los Angeles e anche in Giappone, si è fatto in modo di essere pronti al 100% sia fisicamente che mentalmente per il match titolato contro Jacob Fatu. Alicia poi chiede se questo sia il match più importante nella carriera di Davey Boy Smith Jr. e lui conferma. Sin da 16 anni fa, nel suo debutto nella MLW, Davey dice di aver sempre dedicato se stesso per questa disciplina e per questa federazione, e dopo 16 anni, dopo tanto sangue, lacrime e sudore versati, si è arrivati alla fatidica notte. Il messaggio per Fatu è chiaro: entrerà nel ring contro Mr. Destino in carne ed ossa!

Vediamo, prima del nostro main event, Richard Holliday pubblicizzare la sua fantastica, strabiliante tazza col marchio “Dynastic Coffee”.

Dalle Caraibi: dopo un breve filmato che anticipa l’arrivo nella MLW di Calvin Tankman per la prossima settimana, ritroviamo nuovamente Holliday in una spiaggia caraibica. Il campione Caribbean dice di essere, paradossalmente, rimasto bloccato alle Caraibi, per poi dare la colpa ad Alicia Atout che l’ha minacciato e gli ha portato iella. Richard dice che non può essere a The Restart e nell’edificio, e questo non può essere permesso!

Dalle Hawaii: vediamo, poi, la famiglia Von Erich nella loro terra d’origine, con Marshall e Ross che si allenano e parlano col padre Kevin dei vecchi rapporti con Court Bauer, Gary Hart e la MLW. Ross, poi, ci riporta al presente, a loro, e così ricomincia l’allenamento.

Come da annuncio, settimana prossima avremo un nuovo show di Fusion durante il Thanksgiving, importante festività americana, con i primi due round di match del torneo per la Opera Cup edizione 2020.

Dopo un breve filmato che riepiloga la storia dell’MLW World Heavyweight Title, è arrivato il momento fatidico: it’s main event time! Vediamo arrivar sul ring lo sfidante, Davey Boy Smith Jr., seguito poi dal campione Jacob Fatu, il quale arriva senza nessun rinforzo. Dopo i consueti convenevoli di introduzione al match titolato, il nostro main event ha inizio!

MLW World Heavyweight Championship Match: Jacob Fatu (c) vs. Davey Boy Smith 3 out of 5 stars (3 / 5)

Il match comincia subito con delle dure prove di forza ed una gara a chi è più forte e più violento tra il campione e lo sfidante, con tanto di provocazioni verbali da parte di entrambi, un inizio che fa da ottima dimostrazione a ciò che rappresenta il match nella sua interezza: un equilibrio ed un’armonia di due diverse potenze e due diversi stili. I due si scambiano spesso il controllo del match nelle parti intermedie dello scontro, in cui specialmente Fatu dimostra la sua spesso inaspettata agilità ai danni dello sfidante al titolo. Smith cerca di contrattaccare con un’ottima offensiva, ma la sua schiena sembrerebbe non essere al massimo della forma, cedendo in un momento propizio. Il campione prende, dunque, il sopravvento, mettendo al tappeto Smith e mettendo a segno il suo devastante Moonsault per la vittoria finale dopo 10:22 minuti di incontro. Jacob Fatu rimane, ancora una volta, il campione massimo della MLW!

Vincitore e ancora campione: Jacob Fatu (via pinfall)

Dopo il match, Jacob Fatu urla, con forza, contro tutto il roster della MLW, intimando a chiunque di farsi avanti contro di lui e contro la CONTRA Unit. Vediamo, dunque, arrivare sul ring, come anticipato in puntata, Alexander Hammerstone, il quale minaccia il campione da bordo ring e finisce per essere attaccato prima da un uomo della Sentai Squad che viene messo al tappeto e, poi, alle spalle, da un energumeno mascherato che lo mette al tappeto con due colpi di sedia. Con Jacob Fatu e questo misterioso uomo e presunto nuovo alleato della CONTRA Unit in piedi di fronte al corpo inerme di Hammerstone, lo show #110 di Fusion giunge alla sua conclusione.

La prossima settimana, come già annunciato, vedremo ben due quarti del torneo per la Opera Cup edizione 2020, con Tom Lawlor vs Rocky Romero e Richard Holliday vs TJP, il discorso di Salina de la Renta, l’arrivo di Lio Rush e Calvin Tankman, e tanto altro ancora. Per ora, però, è tutto, cari lettori di Zona Wrestling, ma io sarò qui con voi per un nuovo appuntamento con Fusion la prossima settimana. See ya next time!

Mauro Cambus


PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dei match
5,5
Evoluzione delle storyline
8,5
Qualità dei promo
8
FONTEMLW; Zona Wrestling
Avatar
Anno: 1994. Passioni: wrestling, videogames (w i Pokémon, dolci e prorompenti), mondo asiatico. Segni particolari: pioniere della Women's Revolution, the Goddess of ZW. LET ME IN!