Recentemente intervistato durante il podcast di Steve Austin, Hornswoggle ha parlato così della sua carriera in WWE:

“Onestamente, devo molto della mia carriera a Fit Finlay ed anche a Ken Anderson. Fit ha parlato spesso alla dirigenza al riguardo della mia gestione, dicendo che ero speciale e che potevo servire alla compagnia. Ha visto in me molte cose che non riuscivo neppure io a vedere. Diceva che il mio personaggio era amato dai bambini ed ai tempi il mio personaggio era vicino a questo target del pubblico e spesso e volentieri Finlay si faceva sentire con la dirigenza per questo motivo e lo apprezzerò sempre. Finlay è la persona più intelligente nel nostro business ed onestamente non sto esagerando. Se non riuscivi a pensare a qualcosa legato ad un match, o magari non ci riusciva lui, ti rispondeva “dammi 5 minuti” e poi se ne usciva sempre con un’ottima idea. Abbiamo lavorato insieme per 6 anni ed è stato incredibile. Nessuno ha mai avuto la stessa opportunità che ho avuto io di stare a stretto contatto con lui e poter impare da lui. E’ una cosa che significa molto per me”

FONTE411Mania & Zona Wrestling
Mauro Chosen One
Nato in un paesino sperduto fra la nebbia della bassa Bergamasca, scrive per Zona Wrestling da 4 anni. Reporter di Impact, co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno", editorialista a tempo perso. Tifoso sfegatato della Juventus e del Liverpool. Ha visto i suoi Dallas Mavs vincere le Finals. Si ritiene un gran fan di Edge,Scott Steiner, Drew Galloway Gail Kim, Emma, Bobby Roode, AJ Styles, Eli Drake, ECIII, Revival e tanti altri wrestler che non son tifati manco dai loro genitori. Sogna di diventare il nuovo Ron Burgundy.