10. ATTENZIONE AI GRADONI

Nella sfida tra il Davide messicano e il Golia bulgaro, la scelta è ricaduta sull’headscissors di Kalisto che ha proiettato Rusev sui gradoni. Una piccola menzione per l’inusuale Accolade definitiva con cui lo sfidante ha sconfitto il campione statunitense

9. AZIONE A DUE

Il Tornado Tag Team Match è stato caratterizzato da un azione frenetica e da molteplici spot grazie alla buona alchimia dimostrata dalle due coppie. Il momento più estremo della contesa viene assegnato alla Boot Of Doom di Gallows & Anderson effettuata al di fuori del ring con il malcapitato di turno che termina con la testa sulla barricata.

8. STYLES CLASH

La Styles Clash sulla sedia l’avevamo potuta ammirare nel Raw antecedente al ppv, ma la finisher move eseguita ad Extreme Rules ha ugualmente mantenuto il suo perchè in quanto il pin successivo poteva rivelarsi quello definitivo.

7. DOPPIO SUPLEX

Il fatal four way per la corona intercontinentale è stato uno dei migliori incontri della serata, se non il migliore in assoluto. Numerose moves spettacolari, spot estremi tra cui il doppio suplex con protagonisti The Miz, Cesaro e Sami Zayn.

6. ALTO RISCHIO

La Spear di Big E attraverso la seconda corda è da sempre considerata una manovra pericolosa ed estrema in quanto la caduta del colosso del New Day è 9 volte su 10 rovinosa, proprio come accaduto anche ad Extreme Rules. Un azione che non può rimanere fuori dalla top 10.

5. SENZA LIMITI

Sin dall’esordio in WWE, Dean Ambrose si è sempre contraddistinto per la sua propensione ad uno stile votato per il no fear e anche in occasione dell’Asylum Match è tranquillamente saltato dalla cima della gabbia per effettuare un elbow drop.

4. IL VOLO DI AJ

AJ Styles è rimbalzato, volato e atterrato violentemente come un pupazzo della playmobil. Due tavoli andati in frantumi e per la quarta posizione il premio va al back body drop con cui Roman Reigns ha proiettato nell’aria AJ.

3. CHAIR FESTIVAL

Una bella serie di sediate è una delle tante e belle immagini per definire il termine extreme, proprio come la sfuriata di AJ Styles contro Reigns e i fratelli Uso

2. POWERBOMB TIME

Secondo posto per la powerbomb con cui Reigns ha lanciato AJ attraverso il tavolo. Un azione dove la potenza l’ha fatta da padrone con Styles che è stato violentemente sbattuto a destra e a sinistra prima di terminare il proprio giro sulle giostre.

1. CHRIS JERICHO INCONTRA LE PUNTINE

Fin troppo semplice scegliere il momento Extreme #1 del ppv.
Dopo il salto suicida dal tetto della gabbia infernale di Shane McMahon, la WWE e Chris Jericho ci hanno regalato un ulteriore spot in stile TV-14. Durante la fase finale del match c’è stata seriamente una concreta possibilità che nessuno dei due wrestler sarebbe finito sulle puntine da disegno ma per fortuna il pericolo è stato scongiurato. Immagine davvero ad effetto quella di Jericho con la schiena e il gomito ricoperti di puntine. Una lode al canadese per essersi concesso nel farsi “infilzare” per la delizia dei nostri occhi.