Cosa accade se si uniscono due delle più grandi stelle della WWF degli anni ’80 in un tag team? Si creano i Megapowers. Randy Savage e Hulk Hogan si uniscono per una sorta di coincidenza astrale, Honky Tonk Man inferisce su un Savage battuto, che ha si vinto un match contro il campione intercontinentale, ma non ha vinto la cintura dal suo avversario, dato che l’Hart Foundation si presenta sul ring e fa decretare una sconfitta del campione per squalifica. In tutto ciò Miss Elizabeth, eterna compagnia di Savage, cerca di bloccare gli assalitori, di mandarli via, ma vedendo che da sola non poteva riuscirci va a cercare aiuto nel backstage, trovando aiuto in una vera e propria forza della natura: Hulk Hogan. Non appena gli heel vedono l’Hulkamania fuggono in preda al panico, lasciando sul ring solo Hogan e Savage, che inizialmente non capisce perché Hogan sia venuto in suo aiuto, fino a poco tempo prima i due hanno combattuto in ogni stato con in palio il WWF Championship, ma in questo momento Savage riconosce il gesto del suo giustiziere, e gli porge una mano in segno di riconoscimento. Hogan è riluttante, è pronto a non accettare la stretta di mano, ma cede, ed accetta gli omaggi.

Durante un’intervista nelle settimane successive a Saturday Night Main Event i due rivelano che la loro non è stata solo un avvenimento isolato, ma subito dopo quel salvataggio Hogan ha aperto gli occhi, si è accorto che questa coppia ha un potenziale infinito, se si uniscono la “MANIA POWER” con la “MACHO MADNESS”, il risultato non può che essere spaziale. Ed è proprio Mene Gene a decidere il nome per la coppia, dicendo che questa è un’unione tra “Mega Powers”. Il nome è stato scelto, è arrivato il momento di fare la storia.

Dopo mesi di tag team match negli house show, i due hanno occasione di sfoggiare il loro patto di forza. Tutto ha inizio quando Hogan perde il titolo contro André The Giant, tutto normale, se non fosse un piano ben architettato da Ted DiBiase, il quale ha assoldato il gemello dell’arbitro designato per il match, il quale ha fatto perdere Hogan ingiustamente. E come se ciò non bastasse, André cerca di vendere il titolo a DiBiase, ma l’acquisto viene bloccato dalla dirigenza WWF, che decreta il titolo vacante. Hogan e Savage si spalleggiano fino alla fine del torneo per il titolo, con l’immensa conclusione a Wrestlemania IV, dove Savage trionfa sul suo rivale e festeggia con le persone che ama di più al mondo: Miss Elizabeth e il suo migliore amico Hulk Hogan.

Con due ego così spropositati i problemi tra di loro si tardano ad arrivare. Durante un match contro i Mega Bucks, Savage viene lanciato fuori dal ring atterrando direttamente su Miss Elizabeth. Hogan si preoccupa per la salute della donna e la porta subito in infermeria, non curandosi del match in corso. All’arrivo di Savage nell’infermeria l’inferno scende giù. Macho Man arriva e la scena che gli si para davanti lo fa impazzire: Hogan che tranquillizza Elizabeth e lui non è presente. Attacca subito il suo compagno, nessuno può rubargli l’amore di una vita sotto il suo naso, ed è pronto a sfidare chiunque per ciò, persino un amico così stretto.

I Mega Powers implodono. Savage sfida Hogan con il titolo in palio, visto che lui sa chi Hogan sia veramente, un subdolo verme che lo voleva usare per togliergli tutto, da Miss Elizabeth al WWF Title. E il tutto avverrà sul palco più importante della compagnia: Wrestlemania V.

Leonardo
22 anni, Roma, appassionato di wrestling da lontano boom del 2006. Seguo parecchie Indy e più ne conosco, meno tempo libero ho, Promotion preferita PWG/Progress. Wrestler preferiti: Roderick Strong, Chris Hero/Kassius Ohno.