Dopo un lungo periodo da dimenticare sembra partito con il piede giusto il 2019 anno della Boss; sarà l’annata della svolta?

 

Lo scorso giovedì come pronostico per l’anno nuovo auguravo a Raw una gestione delle risorse più diversificata, di non puntare più su una sola superstar su cui far girare tutto il programma ma creare diversi top player. Nell’articolo facevo molto riferimento alla divisione maschile, ma non mi lasciavo sfuggire la coerenza del discorso anche per il cosiddetto gentil sesso. Il confronto con Smackdown è impietoso anche per la situazione femminile, dove abbiamo almeno tre atlete dall’elevato star power e che funzionano come Charlotte, Asuka e Becky Lynch, mentre a Raw oltre Ronda c’è una Nia Jax sempre più soporifera e la Bliss che pur brava nell’intrattenimento raramente ha convinto sul ring. Oltre ad esse Natalya funziona al massimo da comprimaria, mentre Bayley e la Banks venivano inspiegabilmente tagliate dai piani più importanti.

Le ultime due citate pagano un feud sbocciato tardi, mal sviluppato e abortito in fretta, per poi ritrovarsi entrambe in un limbo il cui sbocco naturale sembrava poter essere la neo categoria di coppia femminile. Se per Bayley ci sono stati problemi riguardo l’attitudine del character (face con presa sui più giovani? È in grado di essere una heel credibile?) considero invece Sasha il vero spreco di questi mesi. Carismatica, brava a combattere e con gran riscontro di pubblico, ciononostante fatta marcire in feud minori con gestioni una più schizofrenica dell’altra, tutto questo mentre chiuque poteva assaporare il fascino di uno scontro tra lei e l’attuale campionessa.

Fortunatamente questo inizio anno è partito nel migliore dei modi per The Boss, che da prospettiva di tag-team per una cintura dal dubbio valore si ritrova catapultata nel piano più alto possibile per la sua posizione, provando a vincere il titolo femminile di Raw.

Se pensiamo alle sue possibilità di vittoria nel prossimo special event purtroppo sembrano scarse, dato che mi pare difficile immaginare che arrivati fino a questo punto la WWE si lasci scappare l’occasione di portare la Rousey a Wrestlemania da campionessa, ma rimane una grande opportunità per la sfidante. Se come penso riuscirà a sfruttare l’occasione mettendo in scena un bel match, pur perdendo potrà ridare lustro al suo nome dopo un 2018 con molte più delusioni che momenti di gloria. Perso il titolo nell’estate 2017 c’è stato spazio a lungo per la Bliss oltre che per la parentesi Nia Jax prima che arrivasse Ronda a prendersi i riflettori. Ricordiamo poi che a Wrestlemania si è dovuta accontentare della partecipazione alla Battle Royal femminile.

Ora è difficile prevedere il suo futuro oltre lo scontro con la campionessa e che ruolo possa avere allo special event più importante dell’anno, probabilmente non farà in tempo anche sta volta a rientrare nei feud più prestigiosi, ma che rimanga a Raw o vada a Smackdown la federazione non potrà continuare a far finta di non vedere il suo talento.

E voi come vedete il 2019 per Sasha? Farà qualcosa di importante a Wrestlemania 35? Riuscirà a riemergere dalle retrovie dove è finita da tempo o c’è da aspettarsi un’altra annata mediocre lasciando il posto ad altri?

Sergedge – EH4L

Sergedge
Rievocato durante una seduta spiritica è tornato a infestare il sito di Zona Wrestling con l'ardore di un tempo. Per la serie l'erba cattiva non muore mai.