Cari amici dell’Indy City Beatdown, benvenuti alla vostra rubrica preferita in un giorno diverso dal solito. Quest’oggi daremo una occhiata a quello che è stato il super weekend londinese della Progress col SSS16 e ad altri risultati usciti fuori sia dall’Europa che dall’America. Let’s go!

AAW: PRO WRESTLING REDIFINED
Ed eccoci ad un nuovo evento della AAW dove tutti si aspettavano delle risposte concrete verso il futuro. Orfani degli oVe, in questa occasione sono stati gli atleti di minor fattura ad avere uno spazio adeguato. Ad esempio Curt Stallion ha vinto un discreto opener a quattro uomini, sancendo un altro passo di una crescita che a breve lo porterà in qualche lido più grande (Impact Wrestling). Ha fallito invece PACO, che in quattro mesi ha perso sia la possibilità per il titolo assoluto che quella per il titolo Heritage (ha perso contro il campione Trevor Lee). Due stop questi che rallentano la sua corsa forsennata, forse ancora acerbo per potersi prendere la scena. Se la prende invece MJF sconfiggendo Ace Romero in un violentissimo Dog Collar prima che Eddie Kingston e Jeff Cobb sconfiggano ACH e Kongo Kong nel main event. Conferma invece per i Besties in The World ai danni di AR Fox e Myron Reed, le cinture di coppia sono ancora nelle loro mani.

AAW Heavyweight Champion: ACH
AAW Heritage Champion: Trevor Lee
AAW Tag Team Champions: The Besties In The World (Davey Vega & Mat Fitchett)
AAW Women’s Champion: Jessicka Havok

wXw (WESTSIDE XTREME WRESTLING)
Show di transizione per la compagnia tedesca a Oberhausen con ospiti di livello internazionale: Billy Gunn ha animato l’opener sconfiggendo Emil Sitoci, Joey Mercury si è perso contro Dirty Dragan, Alexander James ha avuto la meglio su Mil Muertes mentre Jay Lethal ha dato spettacolo contro Lucky Kid. Il meglio però è arrivato nella seconda parte dell’evento dove tutti i titoli sono stati messi in palio e nessuno è riuscito nell’impresa di fornire un cambio: WALTER ha perso per la terza volta consecutiva col durissimo campione russo Dragunov, i RISE non sono riusciti a scavalcare i Monster Consulting mentre le due big sensation della serata hanno sì dato espressione di grande wrestling ma nessun risultato. Infatti non vi è stato nulla da fare per Christopher Daniels contro Gunns e per Tenille Dashwood (Emma in WWE) contro l’insuperabile Toni Storm.

wXw Shotgun Champions: Bobby Gunns
wXw Unified World Champion: Ilja Dragunov
wXw Women’s Champion: Toni Storm
wXw World Tag Team Champions: Monster Consulting (Avalanche & Julian Nero)

** Indy Focus **

VINCE SEMPRE LUI, L’UNICO STRONG STYLER

Facciamo un breve conto: in tredici anni di carriera, Zack Sabre Jr ha vinto sedici tornei. In dodici occasioni è arrivato in finale, innumerevoli volte si è fermato in semifinale. Una garanzia di spettacolo e di resistenza, che per il pubblico mondiale è ormai diventato imprescindibile. Non importa dove, se in Europa o Giappone o America: il suo sigillo c’è sempre.

Sabre ha vinto il Super Strong Style Tournament. Lo ha fatto scivolando in incroci via via sempre pesanti ed importanti, segno che più cresceva l’attenzione e più cresceva l’interesse di conoscere l’esito finale. La particolarità del suo percorso è che il miglior match lo ha lottato la prima sera contro una vittima predestinata, quel Chuck Mambo che finora era stato tutto personaggio e niente arrosto. Uno showstealer inaspettato per tutti, segno che da un wrestler particolare ci si può aspettare nel futuro qualcosa di più importante. La corsa del vincitore si è poi scontrata contro la versatilità di David Starr, la forza di Keith Lee e l’imprevedibilità di Kassius Ohno – quest’ultimo ripescato a causa di un infortunio che ha colpito Tyler Bate dopo la seconda serata.

La vittoria di Sabre ha una data ben precisa: 30 settembre. Quel giorno la Progress Wrestling si presenterà alla Wembley Arena in quello che a detta di tutti sarà il più grande evento della storia del wrestling europeo. Infatti la location è in grado di ospitare la bellezza di 12 mila spettatori e risulta una istituzione sportiva per l’intera Inghilterra. Per coloro che non lo sapessero, questo luogo sacro ha regolarmente ospitato una tappa del tour britannico della TNA. L’evento della compagnia londinese si chiamerà “Hello Wembley” e rimescolerà le ambizioni del wrestling europeo, smontato dalle mire della WWE e voglioso di riprendere quota con convinzione. Il buon Zack ha messo nelle sue mire Travis Banks ma potrebbe non essere lui il campione a quella data: infatti è molto probabile che il main event lo veda contro WALTER, la cui preparazione è sicuramente di ottima fattura.

Corey
Dal 2006 redattore di Zona Wrestling e autore di rubriche come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia, Coppa dei Campioni, Indy City Beatdown e tante altre. Studioso del wrestling in tutte le sue sfaccettature, col tempo ha voluto perdere la definizione di "Marco Travaglio del wrestling web".