Salve cari appassionati del wrestling indy americano, ben ritrovati ad una nuova edizione dell’Indy City Beatdown che quest’oggi si occuperà in via eccezionale di Final Battle, ultimo evento della Ring Of Honor per il 2017. Siete pronti? Partiamo!

** FINAL BATTLE PREVIEW **

War Machine vs. The Addiction
I War Machine avevano guadagnato una title shot ai titoli di coppia in quel di Philadelphia e parevano pronti a tornare campioni. In quella occasione però l’intervento degli Addiction mandò tutto in frantumi, ed in particolare la sfida ha preso a divampare anche nelle puntate successive, con un fan che è stato colpito duramente e Ray Rowe sospeso per le sue azioni. Le azioni di Daniels e Kazarian invece sono apparse calcolate, tali da poter rovinare la gioia dei loro avversari nel voler rincorrere i titoli di coppia.

Attenzione però: il loro feud è partito 18 mesi fa quando gli Addiction detronizzarono i War Machine a Dearborn, sfruttando la loro stanchezza di due serate precedenti piene di sfide al limite. 18 mesi dopo questo match è una vendetta che deve giocarsi su un tavolo caldo ed è molto probabile che i Machine possano prendersi la loro rivincita dopo aver patito le pene dell’inferno.

Vincitori: War Machine

***

Marty Scurll vs. Jay Lethal

Quest’anno la Ring Of Honor ha deciso di fare le cose in grande. E cosa c’è di più grande nel creare un “dream match” per la loro galassia? Ecco dunque che i dirigenti hanno deciso di opporre a Marty Scurll uno dei veterani della compagnia, quello che è il “The Franchise”, Jay Lethal.

Scurll ha passato il 2017 battendo sfidanti di tutto rispetto come Donovan Dijak, Lio Rush e Adam Cole, arrivando ad un livello altissimo di competizione. Ma quello che il britannico vuole non è solo essere uno dei migliori, ma essere il migliore. Dunque la sfida a Lethal è parsa la più logica, anche perché i due si sono ritrovati più volte a punzecchiarsi nella strada verso il titolo del mondo. Questa sfida vale tanto e credo che se il risultato del main event sarà favorevole allo sfidante, sarà altrettanto scontato che il primo contendente possa essere un nuovo uomo forte del Bullet Club. Non credo che Lethal possa volgere a proprio favore una seconda parte di 2017 poco felice dal punto di vista dei risultati.

Vincitore: Marty Scurll

***

Will Ospreay vs. Matt Taven

Il 2017 è stato un bell’anno per Taven: ha detenuto di titoli trio, ha vinto la Honor Royal, ha battuto Adam Cole e Jay Lethal.  Inoltre ha regolato il suo ex compagno di stable nei The Kingdom Flip Gordon, mostrando un insegnamento alla disciplina inusuale per gli standard ROH. Ora dovrà cercare di ottenere lo stesso risultato anche con Will Ospreay, suo avversario a Final Battle.

I due hanno molto in comune: ad esempio hanno vinto entrambi il titolo televisivo della ROH al loro primo match ufficiale con la compagnia, entrambi hanno debuttato giovani e si sono imposti all’attenzione del pubblico con grande facilità. Hanno la possibilità di creare un grosso match, la sorpresa della serata. Hanno anche la possibilità di proseguire il copione visto fin qui, ovvero quello che premia Taven. Sarà fondamentale poi sapere cosa accadrà dopo, ma intanto il risultato sembra segnato.

Vincitore: Matt Taven

***

Street Fight Match: Tommy Dreamer and Bully Ray vs. The Briscoes

Era da un po’ che non vedevamo la presenza di un match di questa portata. Che ha un suo filo logico, iniziato a marzo e concluso a dicembre. Infatti ad inizio hanno Bully Ray fece il suo ritorno in Ring Of Honor per aiutare i Briscoes a fronteggiare il Bullet Club. Fu una sfida appassionante, che creò una collaborazione tanto naturale quanto dominante. Ma col tempo, le differenze si sono viste e straviste.

I Briscoes sono diventati gelosi di Bully Ray. I fraintendimenti sono sono susseguiti di volta in volta, con la carriera di Ray messa a serio rischio da un brutto infortunio causato proprio dai suoi ex compagni. Al suo cospetto si è presentato Tommy Dreamer, l’amico fidato e leale, colui che ha dato se stesso per la causa della ECW e dei suoi colleghi. A Fort Lauderdale la faida ha preso fuoco, con i dirigenti costretti ad evitare il peggio tra le due fazioni. Bully Ray ha dato però il suo responso: i medici gli hanno dato il via libera per combattere, e combatterà. Così la nascita di questo Street Fight match che si annuncia molto violento dove valori come l’onore, la dignità e il rispetto verranno messi in ballo sul ring.

La mia sensazione è che nel 2018 la ROH voglia far arrivare i Briscoes ad un record difficilmente eguagliabile. Dal 2001 hanno passato tutte le fasi di questa compagnia, e il match di Final Battle può essere la degna ricompensa verso un nuovo stint titolato.

Vincitori: Briscoes

***

ROH World Television Championship (Elimination Match): Kenny King (c) vs. Punishment Martinez vs. Shane Taylor vs. Silas Young

Kenny King sta detenendo il titolo Tv con grande efficacia. Ma per Final Battle ha voluto chiedere avversari che potessero davvero metterlo in difficoltà dopo aver superato le prove contro veterani come Joey Ryan e Scorpio Sky, e il suo alter ego Caprice Coleman. Così la ROH ha deciso per un incontro a quattro uomini ad eliminazione che farà palpitare il pubblico.

I tre contendenti sono stati scelti tramite match di qualificazione: Shane Taylor ha battuto Cheeseburger, Silas Young ha avuto la meglio su Jonathan Gresham, mentre Punishment Martinez ha superato Josh Woods. Attenzione particolare per Martinez che di recente ha vinto il Survival of The Fittest e che ha raggiunto vittorie molto importanti per il suo stint.

Come andrà? Il cuore dice che Kenny King manterrà il titolo eliminando per ultimo Martinez. Il sesto senso sembra invece andare in direzione contraria, puntando sullo stesso Martinez o, addirittura, su Shane Taylor. Vada per il cuore, ma non è semplice.

Vincitore e ancora campione: Kenny King

***

ROH World Six-Man Tag Team Championship: Adam Page and The Young Bucks (c) vs. Dragon Lee, Flip Gordon and Titán

Un anno fa i The Kingdom facevano la storia vincendo i titoli Six Man proprio a Final Battle. Un anno dopo i campioni sono i ragazzi del Bullet Club e un vecchio membro dei The Kingdom ha deciso di ritornare ad indossare quella cintura, rendendo il suo come il quinto team ad aver conquistato la consacrazione.

Flip Gordon ha ricevuto grandi attenzioni dai fans in questi tre anni, numerosi soprannomi e ha apportato una mossa, la  Star Spangled Stunner, che ha fatto impazzire tutti. La sua crescita è stata rapida ed è stato facile per lui diventare un bersaglio del Bullet Club. Nelle scorse settimane però si è presentato aggressivo, ha cercato in tutti i modi di smantellare la loro ironia e la loro insolenza facendo squadra con tanti colleghi, compresi i Best Friends. Ma con questi ultimi lanciati verso l’olimpo dei tag team, ecco che necessitava di altri compagni d’avventura: chi meglio degli atleti della CMLL Dragon Lee e Titan?

Questo nuovo trio ha tutta l’intenzione di cambiare le carte in tavola e di sorprendere i loro più quotati avversari. Il mio pensiero però è che la compagnia non voglia rinunciare ad avere almeno una cintura in mano al Bullet Club, e questa pare l’unica possibile – per ora. Quindi, con rispetto per Gordon e i suoi propositi, Page e gli Young Bucks continueranno a regnare.

Vincitori e ancora campioni: Adam Page & The Young Bucks

***

ROH World Tag Team Championship: The Motor City Machine Guns (Alex Shelly and Chris Sabin) (c) vs. Best Friends (Beretta and Chuckie T.)

I The Motor City Machine Guns hanno finalmente raggiunto quest’anno l’unico titolo di peso che mancava alla loro già leggendaria carriera. La vittoria sugli Young Bucks li ha lanciati come campioni indiscussi, capaci di superare tutti i tag team possibili ed immaginabili presenti nel roster – compresi i The Kingdom e Beer City Bruiser/Silas Young. Tranne uno.

I Best Friends sono cresciuti con pazienza. Sembrava impossibile che Chuck Taylor potesse avere così tanto spazio in Ring Of Honor e forse due cose lo hanno aiutato: l’allineamento ad un Trent Beretta che ormai è un habituè del ring ROH e NJPW; e la scelta di mollare la galassia Evolve per sposare una nuova causa. I due team hanno avuto un percorso parallelo e per certi versi simile, con la vittoria sugli Addiction dei Best Friends che è valsa loro la title shot.

Credo fermamente che il passaggio titolato sia nell’aria. Dopo Final Battle toccherà ai The Kingdom vedersela coi nuovi campioni e allora possono essere dei buoni sparring partners per i Best Friends. Senza contare l’infinità di sfide che potrebbero mettere sul piatto. Il loro percorso va premiato.

Vincitori e nuovi campioni: Best Friends

***

ROH World Championship Cody (c) vs. Dalton Castle

“The American Nightmare” detiene il titolo dallo show “Best In The World”. E il migliore lo è stato se in tutti qesti mesi ha difeso più e più volte la cintura contro una marea di avversari, sia americani che giapponesi: Daniels, Willie Mack, Michael Elgin, Sanada, Kazarian, Cheeseburger, KUSHIDA, Minoru Suzuki, Rocky Romero e Jay Lethal sono caduti sotto i suoi colpi. Finché un giovane ragazzo non ha deciso di prendersi la sua ora, il suo momento.

Dalton Castle è il contendente meno classico che ci sia, dato che le scelte degli ultimi anni avevano premiato altri wrestler, con un altro percorso. L’opportunità datagli è uno scatto in avanti prodigioso verso il futuro, verso qualcosa di nuovo e diverso. E la sfida con Cody è stata orchestrata bene, coi pop del pubblico a suo favore che hanno premiato la decisione del booking team.

Il campione ha attaccato il suo sfidante, infortunandolo e spiegando come non meritasse una title shot. A “Global Wars:Chicago”, Castle ha fatto il suo ritorno prendendosi una piccola rivincita. Questa sfida per lui non è solo l’opportunità adatta per conquistare il titolo, ma anche quella di mettere fine alla lunga esperienza di Cody con la cintura alla vita. Ma soprattutto sarebbe l’occasione per la ROH per aprire un 2018 degna dei vecchi fasti, anche se con un ragazzo su cui non si sarebbe speso un cent un anno fa. Ma viva i cari vecchi underdog!

Chi vince? La NJPW direbbe Cody visto che a breve ci sarà Wrestle Kingdom, io dico (e spero) Castle tutta la vita.

Vincitore e nuovo campione: Dalton Castle

Commento:
Le premesse per un buonissimo evento ci sono tutte. Il match per il titolo Tv non mi convince e sembra possa essere quello più debole del lotto, soprattutto contando una prima parte con incontri dalle alte aspettative che farann sobbalzare il pubblico dalle sedie (soprattutto Taven vs Ospreay e Scurll vs Lethal). Mi aspetto tanto dal match per i titoli di coppia, mentre ECW vs Briscoes sarà puro amarcord, e la violenza non dovrà essere risparmiata. Il main event non credo ci stupirà, ma tutti si aspettano solo un risultato. E quello dovrà essere.

Voi cosa ne pensate? Date qui il vostro toto pronostici e fate sentire la vostra voce!

Corey
Dal 2006 redattore di Zona Wrestling e autore di rubriche come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia, Coppa dei Campioni, Indy City Beatdown e tante altre. Studioso del wrestling in tutte le sue sfaccettature, col tempo ha voluto perdere la definizione di "Marco Travaglio del wrestling web".