Pubblicità

Nuovo appuntamento con l’editoriale dedicato alla scena italiana, stavolta cedo la palla al buon Juhxin Deliu, che ci racconta “Saranno Campioni #29”

Lo show N°29 di “Saranno Campioni” (il format dedicato perlopiù ai talenti emergenti delle accademie ICW) si è tenuto Domenica 28 Agosto in occassione dell’annuale festa per la raccolta fondi in supporto alla sezione bergamasca dell’Associazione Nazionale Down. Rispetto all’anno passato l’evento si è tenuto nel piazzale esterno al palazzetto, ritrovandoci perciò in piedi per tutto l’evento.

 

Dopo un iniziale ritardo dovuto all’attesa di una maggiore affluenza di pubblico, si è partiti subito con il match per il Titolo Italiano dei Pesi Leggeri

Match #1 – Titolo Pesi Leggeri ICW

Tenacious Dalla (c) Vs Miroslav Mijatovich

Nuovo scontro fra Dalla e il suo avversario ricorrente Miroslav Mijatovich. incontro corto e molto basato sull’interazione col pubblico, meno spedito rispetto ai loro precedenti (e migliori) episodi.

Dalla chiude l’incontro con la sua Satellite DDT di rito (seppur leggermente raffazzonata) e consegna agli annali un’altra difesa del suo notevole regno.

Vincitore & Mantiene il Titolo: Tenacious Dalla

 

Match #2

Ombra Vs Goran Il Barbaro

Contesa breve, un pò macchinosa ma intensa, con la vittoria che va all’Essere Oscuro dopo un colpo basso sfuggito all’arbitro.

Vincitore: Ombra

 

Match #3

Taurus Vs Max Rotten

Ennesimo squash per il Gigante che parte asfaltando l’avversario con le sue funeste chop e qualche manovra di sollevamento, con quest’ultimo che si apre uno spiraglio per quella che sembra una ripresa, sino alla Blackhole Slam devastante finale sul Punk e il conto di tre che chiude l’incontro.

Vincitore: Taurus

 

Match #4 – Six Man Mixed Tag Team Match

Coachival Symphonia (Gabriel Bach, Ricky Rastelli & Coach Lillo) Vs Armata Reale (Queen Maya, Mary Kooper & Leon)

Il quarto incontro è più divertente e interessante, in cui si vedono fronteggiare l’ormai consolidato malefico/comico trio dei Coachival Symphonia contro sua “altezza” Queen Maya, la debuttante Mary Cooper e il milite Leon.

Gli scambi sono incessanti e non c’è mai un momento morto, con la storia che si focalizza sull’atteggiamento sciovinista dei tre heel nei confronti delle donne del trio opposto, in particolare sulla novizia Mary (la quale sfoggia solide basi per un debutto assai convincente) che è torturata dai tre sino all’hot tag di Leon e poi Maya, che spazza via i tre.

La vittoria comunque va alla terna dei dispetti dopo che il Coach schiena Mary.

Un altro plauso va soprattutto a Lillo che interpreta il suo personaggio con una vena demenziale risultando spesso esilarante, oltre alle doti atletiche e l’apparenza perfetta per il charachter.

Vincitori: Coachival Symphonia

 

Match #5 – Titolo Interregionale ICW

Alessandro Corleone (c) Vs Nick Lenders

Il match per il titolo interregionale tra Corleone e Lenders è sapientemente giocato sulla differenza di stazza e stile dei due contendenti.

Il Goleader resiste denti e unghie a qualsiasi assalto del Padrino, portandosi avanti con un gran comeback e uscendo al due addirittura da una F-5, mandando su tutte le furie il campione che si fa volutamente squalificare dall’abritro (dopo aver sempre cercato di nascondergli le innumerevoli scorrettezze) dopo una violenta sediata a Lenders.

Seppur mantenendo il titolo, il Direttore Generale Kobra sancisce un rematch senza squalifiche per “Total Destruction” in data sabato 10 settembre a Pontoglio; Corleone continua la sua impressionante seppur “inquinata” striscia di difese, raggiungendo la soglia storica di ben 22 difese titolate consecutive.

Vincitore: Nick Lenders per Squalifica, Corleone mantiene il Titolo

 

Match #6 – Tag Team Match

I Ragazzi Prodigio (AKIRA & Gravity) Vs Doblone & Mr. Excellent

È stato un incontro tecnico, veloce, con un ritmo accelerato e una psicologia comunque presente nella maggior capacità tattica ed esperienza del pirata e del purista rispetto all’atletismo e l’agilità maggiore dei due ragazzini.

I Ragazzi Prodigio ottengono un’impressionante vittoria su Mr. Excellent e Doblone, merito del loro maggior affiatamento rispetto alla coppia veterana che finisce per incappare in un’incomprensione lasciando così campo libero ai due giovani.

Inoltre, in virtù di questa vittoria, hanno ottenuto l’occasione di sfidare i Campioni Italiani di Coppia, i Latin Lover Rafael & Bon Giovanni, il 10 settembre a Pontoglio; Match migliore della serata a pari merito con il Main Event.

Vincitori: I Ragazzi Prodigio

 

Match #7 – Campione Italiano Wrestling ICW

Charlie Kid (c) Vs Mark Fit

L’incontro per il Titolo Italiano tra Charlie Kid e Mark Fit è giocato sulla falsariga di Lenders vs. Corleone ma con un maggior equilibrio e incertezza; i due fronti si alternano continuamente sino all’interferenza finale di Doblone in aiuto al Fuorilegge ai danni di Fit, proprio durante il momento cruciale della contesa.

Quasi arrivato a coronare il suo sogno, un furente Fit sfida allora Doblone a un match per “Total Destruction”, con la speranza di regolare i conti tra i due.

Vincitore & mantiene il Titolo: Charlie Kid

Evento sicuramente sufficiente per essere del format Academy e libero al pubblico, partito in sordina per poi salire man mano.

Le scelte di booking e la gestione dalla presentazione sino alla fine dell’incontro le trovo troppo mirate al pubblico famigliare o quello che mastica in prevalenza certi crismi popolarizzati dalla WWE (squash ridotti all’osso, overbooking senza una chiara destinazione, finali sporchi e arbitri a farfalle), però questo perlopiù era un evento benefico e di transizione verso qualcosa di più serioso, volendo trovare una giustificazione.

La preparazione generale del roster e l’apparato tecnico, psicologico e atletico sono al solito lodevoli (una garanzia dell’ICW), soprattutto tra le giovani leve (e le debuttanti in questo caso) che spero portino una ventata d’aria fresca tra i piani alti del main roster ICW che ha un disperato bisogno di sangue nuovo dopo la recente emorragia (con diversi atleti partiti verso i ring europei o USA, Ndr).

 

Juhxin Deliu