Che Bret Hart sia diventato un tantino acido nelle sue interviste non è un mistero. Il leggendario wrestler canadese ha più volte attaccanto alcuni wrestler, facendo considerazioni davvero decise nei loro confronti. Un esempio lampante sono quelle su Seth Rollins, che Hart aveva definito “pericoloso”, oppure quelle sui Freebirds, che secondo lui non dovevano essere introdotti nella Hall of Fame WWE, avendo avuto i loro anni d’oro in altre federazioni.

JBL ha voluto rispondere all’ex collega nel primo episodio di Bring It To The Table, sul WWE Network: “Non capisco, per cosa sei arrabbiato Bret? Sei una delle più grandi superstar di sempre, sei un multimilionario, sei una leggenda in Canada e nel resto del mondo. Personalmente ti apprezzo molto, non capisco perchè sei così arrabbiato. Parli di Michael Hayes e dei Freebirs, dici che non dovrebbero stare nella Hall of Fame, ma allora perchè non dici lo stesso di Sting?”

JBL ha voluto fare delle puntualizzazioni anche sull’attacco a Rollins: “Dice che fa male ai colleghi. Guardate che la gente si fa male di continuo facendo questo lavoro. Penso che Bret che è stato uno dei più grandi di sempre dovrebbe saperlo. Anche la mia carriera è finita con un infortunio. Dopo quello non sono più stato in grado di combattere. Non sono mica arrabbiato. Sono felice di aver potuto fare quello che volevo fare da bambino e di aver potuto vivere il sogno che avevo. Non capisco perchè tanta amarezza. So che avrebbe potuto fare qualche anno in più di carriera, di sicuro, ma non puoi essere ancora arrabbiato per questo, quello che è accaduto è stato un errore. Goldberg non l’ha mica fatto di proposito”.

Giuseppe Calò
Webmaster di Zona Wrestling, quando non è sul ring lavora in un'agenzia di comunicazione di Palermo. Ama il calcio, le serie televisive e la sua adorata Ambra. Se il sito non funziona al 99% è colpa sua.