Nell’ultimo episodio del suo podcast, Jim Ross ha raccontato del momento in cui lui, Jim Cornette, Linda e Vince McMahon avevano raggiunto Ultimate Warrior a casa sua per negoziare il suo ritorno in WWE. E le parole del telecronista non sono state affatto tenere, tanto da spingersi a dichiarare di aver perso qualsiasi tipo di rispetto per lo storico wrestler dopo quell’incontro.

Non ho mai sentito un uomo parlare così male, con un atteggiamento irriguardoso, sia verso di noi che verso sua moglie. Non aveva rispetto per nessuno, meno che mai delle donne. Per questo, e non solo, che io ho perso ogni tipo di rispetto nei suoi confronti. Era un figlio di put***a. So che toccò a John Laurinaitis convincerlo ad accettare un accordo. Io dissi a Vince di non farlo, non si poteva trattare con uno così. Anche perché il modo di pensare di una tal persona non era possibile cambiarlo“.

Nonostante ciò, la WWE ha poi messo sotto contratto Ultimate Warrior per consentirgli di entrare nella Hall of Fame.

FONTERingsidenews
Simone Spada
Giornalista professionista ed esperto di comunicazione, dal dicembre del 2006 è redattore di Zona Wrestling. Negli anni è stato autore di rubriche di successo come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia, Coppa dei Campioni, Indy City Beatdown e tante altre. Il primo giornalista in Italia ad aver parlato diffusamente di TNA ed AEW su un sito italiano di wrestling.