Jon Moxley è entrato in un programma di riabilitazione per alcolisti lo scorso autunno, dopo essersi reso conto di avere un problema serio col bere. Dopo aver completato il programma è tornato alla AEW più in forma che mai.

Caldamente consigliata

Recentemente Mox ha parlato della sua esperienza con sua moglie, Renee Paquette, a The Sessions. L’ex campione del mondo AEW ha rivelato di aver sofferto di sintomi simili a quelli dell’astinenza da alcol, nonostante non avesse alcun desiderio di bere. Sono stati i sintomi fisici a far decidere a Jon di chiedere aiuto:

“Sudorazione notturna, sudorazione notturna pazzesca, incubi pazzeschi, sbalzi d’umore assurdi. Non è stato facile. La parte del non bere invece è stata facile, non solo non ho voglia di bere, ma non riesco nemmeno a immaginare di bere in questo momento. Volevo smettere di bere da molto tempo, stavo tentando da tanto, solo che affrontare tutti i postumi di ciò che ti accade fisicamente quando il tuo corpo attraversa questa folle metamorfosi cercando di ricalibrarsi non è facile. E sono sulla televisione nazionale mentre affronto questi problemi, quindi è sotto gli occhi di tutti.

Molte persone nella mia posizione sarebbero rimaste in riabilitazione molto più a lungo, sarebbero rimaste nascoste molto più a lungo, io ho finito tre mesi dopo, l’unico terapista che ho avuto mi ha detto direttamente di ritirarmi. ‘Avvia una scuola di wrestling, allena dei ragazzi, sai qual è il problema, devi andartene da lì’, ma non credo si tratti di questo. Sono entrato in riabilitazione la sera di Halloween e sono tornato in TV a gennaio. Mi fa sentire un po’ in imbarazzo, tutti mi fissano, ma non me ne frega un cazzo. L’altro aspetto importante della riabilitazione è il sollievo. Ora non c’è più nulla da nascondere. Non sapevo quali sarebbero state le reazioni della gente. Quando entri per la prima volta in riabilitazione, ti prendono il telefono. Dopo un po’ di tempo di buona condotta, alla fine te lo ridanno. Un giorno mi hanno chiamato all’ingresso e mi hanno detto ‘puoi riavere il tuo telefono’. Mi sentivo davvero bene per tutto, ero così felice di non avere un telefono. Ho fatto una faccia strana e lei mi ha detto: ‘Non devi prenderlo, possiamo tenerlo qui sotto chiave’. Ho detto ‘tienilo e basta’, e l’hanno tenuto fino alla fine del tempo.

Quando sono entrato in riabilitazione vivevo a Las Vegas, e quando sono uscito non ci vivevo più. Poi sono andato direttamente all’aeroporto. Anche quando sono uscito, non ho acceso il telefono e non l’ho acceso per tutto il tempo. Mi sono reso conto di quanto fosse bello. L’aria è più dolce, i suoni e i panorami sono migliori. Non c’è la televisione. È solo una stanza con un letto, una sedia, un bagno. Niente radio, computer, telefono, niente. Una piccola biblioteca per leggere libri e basta. Il sonno è tutto scombussolato, è davvero difficile addormentarsi. Ci si alza alle 7 per iniziare tutte le attività e ogni ora irrompono nella stanza per assicurarsi che non siamo morti. Si sta molto seduti lì, a fissare il soffitto e il muro, ma è stato fantastico. Essere disconnessi alla fine mi ha fatto sentire benissimo, molto rapidamente. Non volevo più tornare indietro. Lo consiglio vivamente. La gente non riusciva a immaginare di non essere collegata al telefono. Potete farlo”.

Jon Moxley incoraggia chiunque abbia un problema a cercare aiuto. Ora che è in fase di recupero si sente benissimo, e la decisione di entrare in riabilitazione potrebbe avergli salvato la vita.

Fumettista & Illustratore della provincia di Roma, seguo la WWE da sempre, tanto da non ricordare come ho iniziato! Cresciuto col mito dei mostri sacri, oggi come oggi idolatro Adam Cole e la UE tutta, ancora sogno un push in singolo per Cesaro, e mi sciolgo ad ogni "Mamma mia" del Ranallone nazionale.