Puntuale come un Suplex di Brock Lesnar, ritorna il vostro angolo di sfogo personale sulla WWE. Con la sua copertina più pheega che mai e posizioni scelte senza un vero criterio logico, torna la FLOP 10 di ZonaWrestling.

WrestleMania 31 ha avuto tanti bei momenti, ma per quelli c'è la TOP 10, qui siamo in un angolo senza pietà, qui siamo laureati in tetratricotomologia (l'arte di spaccare il capello in quattro). Cominciamo quindi ad analizzare i dieci momenti NO di WWE WRESTLEMANIA 2015

Menzione d'onore) WE WANT TABLES!

Trentunesima edizione di WrestleMania e non c'è stato neanche un tavolo rotto, vergogna! Vergogna imperitura su voi e tutte le vostre famiglie! Sciagura! Occhio! Malocchio! Prezzemolo e finocchio!

10) E ANCORA NON VA GIÙ

Questa sarà una posizione dettata totalmente dal gusto personale, difatti ne ho riconosciuto la mancata oggettività e l'ho piazzata quaggiù (anzi, quassù, per voi che leggerete l'articolo), ossia tra gli aspetti meno gravi di questa classifica. A SummerSlam 2014 la WWE ha deciso di mandare KO John Cena dopo sole due F-5 (e 16 Suplex, ricordiamocelo), decidendo di portare un minimo di rispetto a The Undertaker, al quale ne sono servite tre per non riuscire più a rialzarsi. Quest'anno si è deciso di sbattersene altamente e si è lasciato Roman Reigns libero di rialzarsi non solo da tre F-5 ma anche, dopo la quarta, di avere abbastanza energie per connettere un'altra Spear, la WWE voleva farci subliminalmente credere che Reigns sia il più forte di tutti gli atleti del roster, forse anche di Lesnar, dato che il finale del loro match non c'è stato. In molti dicono che questo sia stato il contentino di Reigns e per i suoi detrattori il fatto che non abbia vinto il match ha reso più facile accettare che ridesse durante tutto il pestaggio, che fosse virtualmente pronto a rendere a Lesnar tutti i colpi subiti o che, appunto, abbia resistito a quattro F-5. Non ha vinto, quindi va tutto bene, è a gente come me che non va bene, ma io sono solo una povera fan, quindi prendo atto, concludo lo sfogo e vado avanti.

9) AND THE WINNER IS . . .

Big Show. Non lo so, forse il problema è che l'idea che ci siamo fatti noi della André the Giant Memorial Battle royal è diversa da quella che si è fatta la WWE, forse per noi una simile vittoria dovrebbe essere regalata ad un wrestler in rampa di lancio, un wrestler che dovrebbe approfittare di questa vittoria come l'inizio di un push, una vittoria che dovrebbe arrivare seguendo una storyline logica. Invece, evidentemente, per la WWE questa Battle royal non è diversa da tutte le altre Battle royal che ha proposto nel corso degli anni, dunque va bene regalarla ad un Big Show come premio alla carriera. Ok, almeno c'è stato il definitivo split tra Miz e Mizdow, ma . . . era proprio necessario replicare la Bodyslam di Cesaro, facendogliela questa volta fallire ed affermando, sostanzialmente, che quella dello scorso anno è stata solo una gigantesca botta di coolo?

8) MENO PAROLE, PIÙ FATTI

Ho assistito a WrestleMania in diretta, a tarda notte, assieme al mio ragazzo, il quale mal digerisce il 99,9% dei segmenti parlati che propongono a Raw e ogni volta mi chiede di skippare finché non si arriva al prossimo match. Ora, durante l'unico segmento parlato di WrestleMania, ossia il faccia a faccia tra The Rock, Triple H, Stephanie e Ronda, mi accorgo che la mia dolce metà si stava bellamente addormentando ed in effetti anch'io cominciavo ad accusare sonnolenza. Il segmento non è stato brutto, ma temo che sia durato decisamente troppo, togliendo spazio a match che avrebbero preteso un minutaggio maggiore (uno a caso, il Ladder match); se riuscite a far risultare noioso pure The Rock (che a me sembrava meno "elettrico" solito, poi magari è solo un'impressione mia) vuol dire che c'è qualcosa che non va. Inoltre, come ha suggerito KingHunter nella sua review, se per creare un WrestleMania moment hai bisogno di chiamare una stella della UFC, “decisamente” c'è qualcosa che non va.

7) BACCHETTIAMO LE DIVAS

Non come pensate voi, sporcaciùn che non siete altro. Giusto perché coi match femminili io non mi accontento mai, giusto perché quest'anno mi aspettavo davvero di poter assistere ad un bel match femminile, sono rimasta un po' delusa nel ritrovarmi una contesa appena sufficiente. Sarà per il fatto che non puoi propormi una wrestler che fa la “morta” fuori dal ring per un minuto e mezzo e poi farmela tornar su fresca come una rosa, sarà che non sopporto che una che pesa un chiodo e una piuma come AJ si ostini a fare le Clothesline, sarà Brie Bella che mi esegue male le asciaiate sulle spalle colpendo al centro della schiena con tanti saluti alla colonna vertebrale dell'avversaria, sarà stata quella DDT botchata di AJ e Nikki. Tante piccole imperfezioni che si concludono in un compitino da 6 politico. Per fortuna mi sono rifatta il giorno dopo a Raw.

6) I RUSSI VOGLIONO UCCIDERCI TUTTI

Passi l'entrata con l'inno russo, passi la bandiera gigante, passino i soldati russi marcianti danzanti e passino pure i colpi di cannone, ma perché, in nome di tutto ciò che è sacro in questa Terra maledetta, Rusev doveva presentarsi a bordo di un carro armato? Ah già, per ricordarci che i russi sono malvagi e ci stermineranno tutti e che risolvono tutto bombardando a destra e a manca, invece gli americani bombardano a destra e a manca ma solo in guerre iniziate da altri; come si fa a non capirne la differenza.

5) LET THE SUNSHINE IN

Purtroppo, ahimè, quasi tutta l'edizione di WrestleMania si è svolta sotto il Sole cocente della costa est degli USA e questo, a detta di molti, ha tolto la maggior parte del fascino alle entrate dei wrestler e forse anche all'atmosfera dei match. Se non altro, nelle scorse edizioni, lo show iniziava sotto il Sole per immergersi nelle tenebre al calare della sera, qui invece abbiamo avuto una luce abbagliante per quasi tutte le quattro ore dello show, show incominciato alle una di notte in Italia, quando nella costa ovest erano appena le sette di sera ma soprattutto quando sulla costa est erano circa le quattro del pomeriggio. In molti si sono lamentati di come il solleone abbia tolto la magia delle entrate di wrestler come Triple H, Sting e The Undertaker. A me la cosa, vi confesso, non ha dato fastidio più di tanto, ma se ha lasciato scontenti molti fan è giusto prenderne atto.

4) LA WWE VINCE SEMPRE

Chi si aspettava che Sting potesse sconfiggere Triple H si è scordato 1) del giganterrimo ego del COO Massimo, 2) che la WWE non vuole e non vorrà mai, neanche per una volta, darla vinta alla WCW. Dunque overbooking a più non posso, l'NWO che aiuta Sting, cosa perfettamente normale, non hanno fatto altro durante il loro periodo in WCW (a proposito, com'è che Shawn Waltman non ha sofferto di personalità multipla in quel segmento?) e, ciliegina sulla torta, stretta di mano finale assolutamente non necessaria, a dimostrazione che a Triple H piace fare l'heel, ma non fino in fondo. Ed il promo post-WrestleMania di Sting? Non gli è importato di perdere, gli è importato solo di poter dire di aver preso finalmente parte a WrestleMania, perché potrai essere il miglior wrestler del mondo e aver fatto l'impossibile in ogni angolo del globo, ma se non arrivi in WWE sei una merdaccia.

3) MISTICISMI SPRECATI

Già non ti hanno fatto interagire Bray Wyatt ed Undertaker nel corso del loro “feud”, si sono dimenticati anche di farli interagire nel corso del match. Mi spiego meglio, c'è stato un momento, un solo momento, durante l'incontro, in cui vi è sembrato di assistere allo scontro tra due character mistici, tra il vecchio e il nuovo volto della paura? Giusto quel breve istante in cui Wyatt si è sollevato a ragno e Taker si è alzato nella sua posa caratteristica, non c'è stata alcuna interazione di questo tipo. Se volevano presentarci questa sfida come uno scontro tra due gimmick al limite dell'esoterico, direi che hanno fallito su tutta la linea, dato che lo storytelling è mancato totalmente.

2) PIANO B

C'è sempre un piano B, come afferma il buon Triple H, ma va da sé che il piano B, per quanto pheego possa essere, è un ripiego che si esegue solo quando il piano A fallisce, quando il piano A si rivela un flop, dunque mi sembra doveroso aggiungerlo in questa FLOP 10. C'hanno provato in tutti i modi con Roman Reigns, hanno capito che è stato un fallimento e hanno optato per il piano B, un incasso che ha accontentato tutti e va bene così, la WWE non ha ottenuto la consacrazione di Reigns che preparava da mesi, forse anni, ma almeno ha salvato la baracca; tutti contenti insomma, tranne i precisini della funghia come me che si domandano perché Roman Reigns abbia caricato Lesnar con la Spear quando aveva Rollins sulle spalle, ma fagliela fare la F-5 e poi con Rollins fuori gioco occupati di lui! Tu meriti di perdere, grandissimo pirla! Te e quegli imbeccili del booking team!

1) MATCH OF THE YEAR?

In ogni edizione di WrestleMania che si rispetti ci sono i candidati, e spesso e volentieri anche il vincitore, del match dell'anno, che si parli degli Slammy Award o anche degli “award” assegnati dai fan. Quest'anno, onestamente, vi sembra di aver assistito a qualcosa di simile? Tanti bei match, tanti bei momenti, nessuna brutta contesa, ma c'è stato quel match a cinque stelle? C'è stato quel match che vi ha tenuti col fiato sospeso (positivamente e non perché terrorizzati che potesse vincere la minaccia samoana) fino alla fine? Io non ne ho visti, forse sono troppo critica, sta di fatto che, in una WrestleMania così bella, molto più bella di quanto molti di noi si aspettassero, tanto era stata costruita male, dispiace di non aver potuto mettere la ciliegina sulla torta che sarebbe stato il candidato a match dell'anno, non dico il vincitore, non dico tutti, ne bastava anche uno solo. Ma quest'anno immagino che abbiano fatto tanto a salvare capra e cavoli in extremis.

Si conclude anche per questo mese la FLOP 10, che, vi ricordo, non dev'essere intesa come una classifica dei match dai migliori ai peggiori (per quello c'è la Review di KingHunter), che serve ad ironizzare su ciò che la WWE ci offre,a incazzarsi su ciò che non ci è andato a genio ma anche a divertirsi a trovare il pelo nell'uovo.

Anche questo mese, se pensate che abbia omesso qualche punto fondamentale o se pensate che sia stata troppo cattiva, sentitevi liberi di integrare questa rubrica come meglio credete.

 

Stretta è la foglia, larga è la via, dite la vostra che ho detto la mia

Ysmsc

Ysmsc
Celeste "Ysmsc", gli utenti stanno ancora cercando di capire come si scrive il suo nome, lei sta ancora cercando di capire cose le succede intorno. Scrive con orgoglio i report di Raw e le sue amate FLOP 10. Le cose che ama di più sono il wrestling, il cibo giapponese e Killer Mask (non necessariamente in quest'ordine). Si sentirà realizzata quando non si useranno più i tasti "copia-incolla" per scrivere il suo nickname