Mick Foley è stato intervistato da Wrestling Inc e ha raccontato alcuni dettagli sulla sua relazione con la WWE e su cosa proprio non gli va del wrestling moderno.
Ecco gli highlight della sua chiacchierata.

Ho una buona relazione con la WWE, buona abbastanza da poter chiamare Mr. McMahon ed essere nel suo ufficio a proporre un’idea per il ventesimo anniversario di Hell in A Cell. Sembra che io gli piaccia e sembrano sapere di potermi chiamare per avere una mano durante un momento importante. Abbiamo una buona relazione.

Cosa cambierebbe?

Questa è una domanda difficile. Penso la percezione che un match possa essere fantastico solo se ci sono mosse spettacolari o parecchie false finisher. Penso che ci sia più di un modo per avere un gran match. Credo che le Superstar siano fissate con il dare ai fan ciò che loro si aspettano sia un gran match. Quindi penso sia solo una questione di condizionamento delle persone e di avere gente disposta a cogliere una chance.

[ngg src=”galleries” ids=”113″ display=”basic_thumbnail”]

FONTEWrestling Inc
Ha ventiquattro anni e rimpiange di non averli impiegati bene come Randy Orton. Si consola scrivendo e nutrendo porcellini d'India. Legge i libri di Chris Jericho e ci trova anche lezioni di vita.