A meno di un mese dal nuovo live event nel Weekend di Wrestlemania, NXT scalda i motori già stasera con una puntata bella piena, con un paio di match titolati a far da piatto principale.

Dopo la sigla entriamo alla NXT Arena e partiamo con il primo match che non è però con una cintura in palio.

Match 1: Patrick Clark vs Sean Maluta (1,5 / 5)

Cosa sarebbe successo se R Truth e John Morrison avessero mai fatto un figlio? La risposta è Patrick Clark, e ho cercato questa metafora per nascondere i miei pensieri su sto tizio. Maluta è fra l’altro il samoano più scazzato del pianeta, forse vorrebbe esser svizzero dall’entusiasmo che ha in corpo. Buona partenza per Sean che mostra discrete cose come cruiser, come una Shining Wizard che gli vale un colpo di 2. Clarke risponde con una serie di cazzottoni e colpi al corpo, oltre che un numero di pose che sarebbero giudicate eccessive anche a Pitti Uomo e chiude il match con una improvvisa Fameasser.

Vincitore: Patrick Clarke

Tommaso Ciampa e Johnny Gargano si preparano per il loro rematch da contratto contro gli Authors of Pain, match che sarà il main event della serata.

Fuori dall’arena, e al caldo di un bidone infuocato, Eric Young è in compagnia con i suoi compari della Sanity e ricorda a Dillinger che le sue scelte porteranno a fondo anche i suoi amichetti e che deve esser estirpato da NXT come la malattia quale è e lui vuole esser quello che termina tutto, e vuole che i due si incontrino da soli per sistemare la faccenda una volta per tutte.

Match 2: NXT Women’s Championship : Peyton Royce vs Asuka (3 / 5)

Peyton arriva molto convinta delle sue possibilità sul ring, accompagnata da Billie Kay che ha un pantalone impotante nelle zone in cui camminano i cammelli, se capite che intendo. Ottima accoglienza come sempre da parte del pubblico per Asuka, imbattuta da quasi oramai 400 giorni, una eternità. Dopo le presentazioni ufficiali, si parte con degli scambi rapidi a terra e Peyton non ha fretta di alzare i ritmi e lasciare varchi nella sua difesa, scambiando alla pari con la campionessa sia sul piano della tecnica che della forza, mandandola anche a vuoto un paio di colpi nemici. Asuka si riprende con l’hip attack che manda Peyton fuori ring, ma è poco continua nel proseguire l’attacco e la Royce la manda contro il paletto riprendendosi l’inerzia del match, che mantiene con prese prolungate a terra in cui prende di mira il braccio sinistro della giapponese per impedire le prese di sottomissioni. Peyton esagera con le provocazione e dà modo ad Asuka di riprendersi e di metter a segno un suplex che lascia entrambe le lottatrici a terra; dopo uno scambio è la campionessa a partire all’attacco con un volo dal paletto e poi con un serie di colpi di striking come sempre efficacissimi e lo Shining Wizard che le fa ottenere un conto di 2. La Royce ha una reazione e continua a colpire sulla spalla sinistra nemica ma non ottiene il conteggio definitivo neanche dopo lo spinning heel kick e Asuka alla prima occasione riesce con una combinazione acrobatica a bloccare l’avversaria nella Asuka Lock e per Peyton non c’è scelta se non la sottomissione.

Vincitrice e ancora NXT Women’s Championship: Asuka

Non appena vien fatta suonar la campanella,Billie Kay entra sul ring e attacca Asuka come una furia vendicando l’amica sconfitta e con cui fa partire il pestaggio 2 contro una, lanciando la campionessa contro il paletto e sempre infierendo sul braccio sinistro. In aiuto arriva Ember Moon che abbatte il duo australiano. Ember e Asuka si sorridono e poi si fissano viso a viso, con la campionessa che alza la cintura in segno di sfida. A casa mia questo è un match già scritto…

Rivediamo i momenti successivi all’infortunio di Nakamura a San Antonio con l’apparizione di Kassius Ohno a rincuorar il giapponese, e poi l’intervento dello stesso Ohno settimana scorsa a interrompere l’attacco di Roode ai danni di No Way Jose, con tanto di scambio dialettico e non solo tra i due. A chiudere il segmento, William Regal annuncia Ohno vs Roode per il titolo tra 2 settimane.

Paul Ellering carica i suoi due campioni prima della difesa dei titoli.

Video di presentazione del buon vecchio Wolfgang, elemento di spicco del gruppo UK.

Settimana prossima: Shinsuke Nakamura torna in azione dopo il problema al ginocchio.

Match 3: NXT Tag Team Championship: #DIY vs The Authors of Pain (3 / 5)

Anche qui presentazioni in grande stile, con grande animosità fra i due team già prima della campanella. Ciampa e Rezar partono e il campione cerca di far valere la sua fisicità ma Tommaso non è uno che si fa intimidire facilmente e cerca subito l’aiuto di Gargano e i due, con una serie di mosse combinate, mandano gli avversari fuori dal quadrato.Ciampa cerca però una fin troppo complessa hurracanrana dall’apron e Rezar lo para e lo fa sbatter violentemente con la schiena contro il paletto esterno;i campioni prendon quindi il comando delle operazioni e infieriscono sullo Psycho Killer con attacchi duri e diretti, senza concedere spazio ad alcun tipo di reazione e pensando solo ad infliggere il maggior danno possibile. Una buona sidewalk slam di Akam ottiene un buon conto di 2, e Tommaso cerca una reazione con lo striking ma viene ancora bloccato dagli AOP che con una manovra di coppia ottengono solo un altro conto corto. Dopo una lunga presa a terra, finalmente Ciampa riesce a evitare un paio di attacchi e far entrare il fresco Gargano che con astuzia e agilità abbatte entrambi i bestioni e poi li manda a terra fuori ring con un paio di voli spettacolari. Johnny ottiene un 2 con la slingshot DDT e poi colpisce in coppia con il partner all’angolo,e sull’abbrivio Ciampa cerca la Fujihara Armbar su Akam, e Rezar deve arrivar di gran carriera a salvare il compare. Rezar cerca il superplex dal paletto ma Ciampa scivola e cerca la superpowerbomb, che avviene con l’aiuto di Gargano, ma ancora non è sufficiente per ottenere il conteggio vincente. I DIY cercano la loro finisher ma vengon bloccati sul più bello: Ciampa viene prima lanciato contro i gradoni e poi gli AOP vanno per la doppia powerbomb, che però viene rovesciata nelle doppie sottomissioni che già furono vincenti a Toronto. E memori di quanto successo, arrivano proprio i Revival ad attaccare tutti, sancendo la fine del match per squalifica.

Vincitori per squalifica: #DIY, gli Authors of Pain rimangono NXT Tag Team Champions

Dash e Dawson mandano prima Gargano dritto contro il sostegno, poi infliggono la Shatter Machine a Ciampa, ma vengono poi abbattuti da un doppio braccio teso di Rezar che chiama il socio per la Last Chapter ma gli ex campioni la evitano e riescono a connettere con la loro finisher su Rezar nonostante la mole dell’avversario, per lo stupore di Ellering e i cori del pubblico.

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità match
7
Qualità promo
5,5
Evoluzone storyline
6,5
Marsupilami
Reporter ufficiale di NXT, improvvisatore. non digerisce i peperoni, fan appassionato di Deadpool, fine umorista, fedele alla chiesa di Santo Stefano Curry e delle sue caviglie di cristallo da prima che molti di voi lo conoscessero.