Ebbri e sazi dopo i bagordi delle feste e prima che la Befana, dopo il caro Mean Gene ci porti via tutte le feste, NXT ci regala la puntata recap dell’anno passato che con mio sommo sbigottimento è addirittura di due ore, quindi credo che ci abbiano infilato dentro anche un po’ di match interi da rivedere a chiusura del 2018, oltre che al già annunciato Matt Riddle contro Kassius Ohno che dovrebbe esser l’unico inedito di puntata.

Il nostro tavolo di commento dopo aver annunciato il match inedito passa la palla e la linea a Cathy Kelley che dal centro di produzione WWE ci annuncia che oggi verranno svelate le nomination ai premi annuali e che rivedremo, per intero o a grandi linee,i match più significativi del 2018 e si parte con la second metà del ladder match a 6 per l’assegnazione del titolo Nord Americano che ricordiamo vide Adam Cole prevalere su EC3, Ricochet, Velveteen Dream, Lars Sullivan e Killian Dain. Subito dopo vediamo anche il finale del match in cui Cole ha perso la cintura contro il campione ancora in carica della seconda cintura di NXT Ricochet a Takeover Brooklyn 4.

Vediamo il primo giro di nomination per il premio di Breakout Star dell’anno: Ricochet, Dakota Kai, Lars Sullivan, Rhea Ripley, i War Raiders, Lacey Evans, EC3, Bianca Belair. Detto che per me manca la vera stella esplosa quest’anno, ovvero Velveteen Dream, tra questi credo si vada facile su Ricochet, ma ovviamente lascio anche a voi nei commenti il modo di esprimervi su questo e sui prossimi premi.

Passiamo alla rivalità che ha segnato maggiormente NXT nel 2018 ovvero la sfida infinita tra Tommaso Ciampa e Gargano, di cui vediamo video recap su come la faida si è formata ,gli Highlights del primo match a Takeover New Orleans e del rematch ancora più violento di Chicago vinto da Ciampa.

Passiamo per la prima volta al titolo principale di NXT e restiamo a New Orleans per la vittoria di Aleister Black contro Andrade Cien Almas nel match forse più sottovalutato dell’anno. Ovviamente questo ci porta a vedere come Black in estate abbia poi perso la cintura contro Tommaso Ciampa per colpa di una interferenza errata di Gargano, la decisione di fare un match a 3 finale e l’ormai celeberrimo attacco nel parcheggio subito dal sig. Bur…ehm da Aleister Black e il cui esito ci ha tenuto sulle spine per diversi mesi, e alla fine era stata la piccoletta…ah no non è stata Maggie, o Nikki Cross ma Johnny Gargano.

In vista del match inedito di stasera, rivediamo la vittoria lampo di Riddle su Ohno a Takeover Wargames II.

Secondo giro di candidature e vediamo chi può vincere il premio di Tag Team dell’anno: Burch & Lorcan, Street Profits, Heavy Machinery, Moustache Mountain, War Raiders e Undisputed Era. Qui direi senza grandi problemi che gli Undisputed Era non abbiano grande concorrenza, se i Raiders avessero vinto i titoli si potrebbe discutere.

A simbolo della categoria Tag, vediamo la difesa dei titoli da parte di Strong e O’Reilly contro Danny Burch e Oney Lorcan in quel di Takeover Chicago e il match viene riproposto per intero.

Altro giro di candidature e queste sono le proposte per la rivalità dell’anno: Almas vs Gargano, Moon vs Baszler, Gargano vs Ciampa, Undisputed Era vs Moustache Mountain, Ricochet vs Velveteen Dream, il curioso caso dell’assalto a Black con tutte le sue conseguenze, Sane vs Baszler. Io ho personalmente molto apprezzato tutto il whodunit su Black, ma credo che Ciampa e Gargano abbiano messo in scena una delle rivalità migliori degli ultimi anni e non mi stupirebbe non sia ancora finita fra di loro.

Parliamo finalmente un po’ delle donne di NXT e ci viene ufficializzato il match tra Shayna Baszler e Bianca Belair a Takeover Phoenix.

Candidature per la star emergente del 2019 a NXT: Matt Riddle, Mia Yim, Keith Lee, Forgotten Sons, Candice LeRae, Marina Shafir e Jessamyn Duke, Kona “non sono ancora nell’umido” Reeves ,Dominik Dijakovic e Io Shirai. Sperando che trovino uno scopo a Candice, io la moneta la metto su Keith Lee, ma ovviamente sarà Matt Riddle a vincere.

Per motivi che non capisco, i candidati a match dell’anno non ci vengono fatti vedere qua ma bisogna andare sul sito WWE a vederli, ma in compenso rivediamo Bianca Belair vs Deonna Purrazzo da un pre Takeover. E per far lamentare il sottoscritto di un match di Deonna Purrazzo, lei si che si meriterebbe un posto nelle star emergenti ce ne vuole. In ogni caso, il match dell’anno per me rimane Ciampa vs Gargano di Takeover Chicago.

Ritorniamo alle vicende inerenti Aleister Black e rivediamo le fasi salienti del suo match vinto contro Johnny Gargano a WarGames e anche il controverso finale del loro scontro nella gabbia d’acciaio in cui invece l’arrivo di Ciampa è stato fondamentale per la vittoria di Mr. Wrestling. Sentiamo una intervista inedita a Gargano subito dopo questo incontro che dichiara assolto Black dai suoi peccati e felice della vittoria e che il suo piano era solo quello di vincere questo incontro, con o senza l’intervento del suo ex compagno di tag team, rimanendo cosi il solo eroe e buono in tutta questa faccenda.

Siamo alle battute finali delle nomination annuali e partiamo con i candidati al lottatore uomo dell’anno: Adam Cole, Pete Dunne, Andrade Cien Almas, Ricochet, Velveteen Dream , Aleister Black, Johnny Gargano, Tommaso Ciampa. Direi che se la giocano gli ultimi 3 nominati, con personale preferenza per Ciampa.

A chiudere abbiamo le nominate a lottatrice dell’anno: Ember Moon, Shayna Baszler, Kairi Sane, Nikki Cross e Bianca Belair. Senza neanche troppi dubbi il centro della divisione è stata la Baszler e dovrebbe vincere senza grossa fatica.

Match 1: Matt Riddle vs Kassius Ohno 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)

Tutti e due i lottatori cercano subito la chiusura lampo, ma è Riddle a comandare le operazioni chiudendo Ohno all’angolo e riempiendolo di calci al petto e con un explorer suplex, rubando poi all’avversario la running senton. Kassius è in seria difficoltà nel difendersi dallo striking avversario e a fatica mette a segno un released suplex che gli fa prendere un po’ di inerzia, chiudendo l’avversario alle corde e attaccandolo a volto e gambe e ottenendo un conto di 2 dopo la sua versione della running senton. E’ ora Riddle in carenza di risposte difensive sugli attacchi metodici di Ohno ma riesce a sorpresa e quasi da fermo a metter a segno un german suplex con ponte per un conto di 2 lungo, provando poi a ricominciare con i suoi calci ma Ohno ne blocca uno e lo usa per farsi leva per il Cyclone Kick e gli vale un due e mezzo. Ohno usa Riddle come zerbino per le sue scarpe ma Matt si riprende, vince lo scambio di striking con un calcio al volto ma Ohno gli rifila un altro Bicycle Kick e una doppietta di Senton ma al terzo tentativo Riddle lo blocca, lo imprigiona nella sua Bromission e ottiene la sottomissione vincente.

Vincitore: Matt Riddle

Dopo il match Riddle vorrebbe dare il suo pugnetto a Ohno che rifiuta in un primo momento allontanandosi dal ring ma poi sembra ripensarci, rientrare sul quadrato e mettendosi in ginocchio è lui a offrire il pugno della pace. Riddle accetta ma ovviamente è un trucco di Ohno che lo prende, lo spedisce contro il paletto, poi fuori ring dove gli fa assaggiare un altro paletto e i gradoni d’acciaio, lo insulta e gli rifila la sua Roaring Elbow e solo dopo che l’avversario è stremato a terra gli concede il saluto richiesto prima di andarsene nel backstage tra i fischi e gli improperi del pubblico.

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità match
6
Qualità promo
5
Evoluzione storylines
5
Marsupilami
Reporter ufficiale di NXT, improvvisatore. non digerisce i peperoni, fan appassionato di Deadpool, fine umorista, fedele alla chiesa di Santo Stefano Curry e delle sue caviglie di cristallo da prima che molti di voi lo conoscessero.