Marsupilami si scusa con i suoi fedeli lettori, ma cause di forze maggiori mi han impedito di darvi il report prima, prendetelo come dolcetto della domenica sera.

Dopo la sigla, è subito tempo di primo match di serata!

Match 1: ” The perfect 10″ Tye Dillinger vs Baron Corbin

Sempre over la gimmick di Tye qui alla NXT Arena, mentre Corbin viene accolto da una sempre maggiore quantità di fischi nonostante i soliti urletti delle sedicenni. Il buon Tye ci prova anche a metter in difficoltà Baron ma il Lone Wolf non sembra esser per nulla scosso ma anzi risponde da far suo e alla prima occasione utile mette a segno la End of Days che chiude la contesa

Vincitore: Baron Corbin

Nel backstage, Kyle l’intervistatore ha come ospite Apollo Crews a cui chiede se è preoccupato per come sta Finn Balor, in quanto settimana prossima i due faranno team contro i rispettivi rivali di Londra. Apollo si dice più preoccupato per sè stesso in quanto non sa se riuscirà a manterrare l’autocontrollo per fare a pezzi Baron Corbin sul ring. Settimana prossima non è solo un anteprima di Londra ma un passo in avanti per lui e Finn per poter finalmente decidere chi è il miglior lottatore di NXT.

Main event di serata è Tommaso Ciampa vs Samoa Joe, mentre una grafica ci conferma che lo special di Londra andrà in diretta,quindi alle 21 per noi Italici, ergo niente notturno per il sottoscritto e per voi la possibilità di leggervi il report dalle 23 e 30 circa, mia connessione ballerina permettendo.

Nel backstage sentiamo proprio Ciampa in merito al match di stasera e dice di conoscere Joe da tanto, che è un uomo pericoloso ma qualcosa nei suoi occhi è cambiato e ciò lo rende ancora più da temere ma ancora più pericoloso di questo c’è un uomo che non ha nulla da perdere, e Ciampa è proprio quest’uomo e sa perfettamente che nessuno crede che possa batter Joe stasera, ma quanto stasera questo accadrà tutto cambierà.

Match 2: Blue Pants vs Nia Jax

Il costume con le doppie spalline di Nia mi dà ancora problemi, sembra uno scarso costume per aliene per un film di serie Z. Finalmente torna la nostra Blue Pants, ma hanno remixato la theme song e fa abbastanza schifo, ridateci solo Colin che canticchia senza basi a cavolo sotto. Ovviamente il match è uno squashone da antologia e la Jax chiude con il legdrop.

Vincitrice: Nia Jax

Nell’area intervista ma registrati in settimana ci sono Dash e Dawson, i campioni di coppia, che non voglion parlare dei Vaudevillains ma ai quali quindi vien chiesto se la loro strategia cosi violenta di voler infortunare gli avversari non possa aver brutte conseguenze. Dash risponde che se la conseguenza è avere le cinture continueranno ad attuarle e non hanno paura di Enzo e Colin che li hanno attaccati alle spalle dopo una difesa titolata e che sono solo bravi a parole. L’intervistatore li mette a conoscenza che a Londra dovranno proprio difendere le cinture contro Amore e Cassidy e Dash è sbigottito della cosa e dice che non hanno alcun diritto di aver una possibilità ma Dawson dice che saranno campioni che difendono le cinture e accettano il match ma avvertono i due che hanno ancora un ginocchio a cui poter colpire Colin e che il volo di ritorno può esser maledettamente lungo se hai una gamba rotta.

Match 3: Adam Rose vs James Storm

Adam Rose ha la gimmick del Giovanardi di turno, l’ho capito ora, anche se il pubblico continua a cantare la theme song come se nulla fosse. Sbaglio o Storm è una forma fisica ottima come raramente negli ultimi anni? Veramente tirato a lucido e molto più asciutto e quasi senza pancetta. Anche qui match praticamente senza storia, Rose ci prova con qualche mossa di sottomissione ma poi si deve arrendere agli attacchi del Cowboy e chiude con la combo Flyng Neckbreaker + Last Call.

Vincitore: James Storm

Area intervista per i Vaudevillains che sono ancora parecchio delusi per aver ripreso le cinture e stimano i loro avversari di stasera per le qualità tecniche ma sono sicuri di portare a casa la vittoria. Chad Gable & Jason Jordan, manco a farlo apposta, appaiono in zona e dicono di esser molto bravi e sono pronti a dare il massimo davanti alla Full Sail Arena per decretare quale team sia migliore. Strette di mano molto vigorose tra i 4 e bel clima di sportività.

Video per Sami Zayn, con la vittoria del titolo contro Neville a R Evolution a chiusura di una delle migliori storyline degli ultimi anni (Sami non può vincere i match importanti)…e sta per tornare! Lo vedremo già in azione a Londra?

Match 4: The Vaudevillains vs Chad Gable & Jason Jordan (2,5 / 5)

Ottime accoglienze per entrambe le squadre e cori à la Angle per Chad, che per una volta trova pane per i suoi denti nel lottato a terra con Gotch, ma ha comunque la meglio. Anche Jordan prosegue il piano d’attacco del compagno puntando sulla tecnica e English deve darsi da fare sfruttando il suo atletismo per poter avere delle chance di metter in pari la contesa. Contesa decisamente divertente e molto veloce e Aiden per rallentare le danze deve lanciare Chad fuori dal ring in maniera rovinosa, ma guadagnando un pò di inerzia. Gable riesce comunque a dare il cambio e far entrar uno scatenato Jordan che ci fa vedere tutte le sue doti di grande potenza fisica e ottima tecnica, come nel suplex modificato a Gotch, che apre la strada al suplex con assist che vale la vittoria ai due atleti.

Vincitori: Chad Gable & Jason Jordan

A fine match i vincitori riporgono la mano agli sfidanti che però molto frustrati non ricambiano, brutto segnale per English e Gotch.

Altra intervista e siamo con Emma e Dana che spiegano il loro attacco ad Asuka come una sveglia per la giapponese che se l’è presa con le due tipe sbagliate, una sorta di avvertimento. Dana si sovraccarica nel dire quello che avrebbe fatto alla giapponese ma Emma le dice di calmarsi nel backstage mentre lei va sul ring per il prossimo match.

Altro video per il chitarrista solitario Elias Sampson.

Match 5: Emma vs Liv Morgan

Liv Morgan è la fu Gionna, e mi dispiace non scriver più quel nome, mi faceva molto ridere! E, indovinate un po’, è un altro squash match, non l’avrei mai detto! Emma Lock e tutti a casa.

Vincitrice: Emma

Dopo il match, sul titantron appare Asuka che, come già accaduto, si allena con la leggiadria di un mastro fabbro al sacco e dà appuntamento a Emma a Londra… il pubblico saluta Emma perchè non è detto che torni tutta intera dalla terra della Regina e del pudding.

Alex Rios, nuovo intervistatore, parla con Bayley delle sue ultime difese e delle difficoltà come campionesse, compreso l’attacco di Nia Jax. Bayley dice che ha capito chiaramente le intenzioni di Nia e che visto quelle che ha dovute affrontare per avere il titolo, è pronta ad accettare qualsiasi sfida anche da una avversaria cosi imponente. Appare ovviamente Nia Jax che sposta l’intervistatore, fissa intensamente campionessa e cintura e se ne va sorridendo. Bayley conferma di esser pronta a accettare qualsiasi sfida quando la Jax torna indietro e lancia Bayley attraverso una porta, rendendo direi ufficiale la sua candidatura.

Match 6: Tommaso Ciampa vs Samoa Joe (3 / 5)

Contesa che parte non rapidissima e con diverse fasi di stallo, con Joe che prova a far valere la sua forza bruta e al limite dello stiff e Tommaso che prova a rispondere ma si trova spesso al limite del ko, provando anche la gara di ceffoni ma finendo ancora all’angolo. Ciampa cambia strategia e colpisce in maniera strategica la spalla e il braccio sinistro di Joe e questo cambio paga perchè il samoano va in crisi e Ciampa può colpire prima con un bel Enziguri e poi mette in una dura sottomissione il primo sfidante, provando a applicare una kimura. Joe si libera con l’uso del paletto e poi con un violento calcio alla testa manda al tappeto l’avversario; ormai inarrestabile Joe continu con la scoop powerslam e con i colpi duri diretti al nemico, che si prende anche la ST Joe e chiude la contesa con Musclebuster e Coquina Clutch.

Vincitore: Samoa Joe

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dei match
5.5
Qualità dei promo
6.5
Evoluzione delle storylines
6.5
Marsupilami
Reporter ufficiale di NXT, improvvisatore. non digerisce i peperoni, fan appassionato di Deadpool, fine umorista, fedele alla chiesa di Santo Stefano Curry e delle sue caviglie di cristallo da prima che molti di voi lo conoscessero.