A NXT questa settimana ci si dedica in toto ai quarti di finale del Dusty Classic, quattro sfide di coppia per andare a caccia del trofeo e della shot al titolo dei War Raider a Takeover New York.

Dopo il ricordo alla scomparsa di King Kong Bundy un video ci ricorda la storia del torneo di coppia in memoria al padre di NXT Dusty Rhodes con i mini promo degli 8 tag team in competizione, tutti molto carichi e pronti a fare di tutto per conquistare l’ambito trofeo e con un focus leggemente maggiore per i riformati DIY.

Sigla e entriamo alla NXT Arena, e al suono delle cowbells della theme song dell’ American Dream via con il primo quarto di finale.

Match 1: Ricochet & Aleister Black vs Marcel Barthel & Fabian Aichner 3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)

Si parte subito con una contesa tra le più attese, con Ricochet e Black che hanno trovato questa strana ma funzionante alchimia di squadra che li ha già portati anche a una title shot in quel di Raw da sfruttare domenica a Fastlane contro i due europei che sono alla ricerca di quel successo che li legittimerebbe come squadra di cui tutti debbano avere rispetto e paura. Buona partenza per Fabian che riesce a imbrigliare Black nelle fasi iniziali ma una volta passata la palla a Marcel, l’ex campione NXT riesce a reagire trovando velocità e colpi in corsa che gli permettono di controllare l’azione. Barthel blocca un attacco volante dell’olandese con un uppercut e lo porta al proprio angolo dove col collega rallenta subito il ritmo del match lavorando con continui tag e con una gran mossa combinata ottengono un conto di 2, evitando anche che Ricochet possa entrare ad aiutare il compagno. Con un low kick in spazzata molto Mortal Kombat, Black si libera dalla presa avversaria e può dare il cambio a Ricochet che bello fresco fa scontrare i due avversari l’uno contro l’altro per poi stenderli con una serie di attacchi in corsa e volanti e ottendendo un conteggio breve dopo la Standing SSP. Barthel prova a rintuzzare gli attacchi colpendo con un enziguri Ricochet mentre è sul paletto e con Aichner mette a segno una brainbuster accompagnata che poi l’altoatesino segue con il suo moonsault a doppio rimbalzo sulle corde che per pochissimo non gli vale la vittoria e l’upset. Ricochet riesce a liberarsi da un tentativo di powebomb con un dropkick ma da fuori Barthel lo colpisce dal lato cieco con un altro enziguri che permette a Aichner di connettere con un Tornado DDT dall’apron e solo la grande resistenza dell’ex campione nord americano gli permette di evitare lo schienamento perdente. Gli European Union continuano a colpire ma d’orgoglio Ricochet reagisce, manda Aichner fuori ring e dà il campbo rapido a Black che colpisce subito con una doppia ginocchiata al petto, ma viene immediatamente punito da Marcel che lo manda dritto contro il paletto e messo nel Tree of Woe dove gli europei gli assestano una combinazione in stereo di dropkick. Aleister riesce a divincolarsi da un altro tentativo di mossa combinatata, Ricochet da fuori ring manda oltre le corde Barthel con una Hurracanrana e poi lo segue con un Suicide Tope, che lascia Black solo sul ring con Aichner. Aleister prova di nuovo una mossa di rimbalzo ma Fabian lo ribalta in una cradle che gli vale un conto di due, ma Black tira fuori di risposta a un attacco in chop la sua Black Mass che come sempre è una sentenza e vale al suo team il passaggio del turno ma è stata una vittoria molto molto sudata.

Vincitori: Aleister Black & Ricochet

I Moustache Mountain nel backstage si preparano e i War Raiders li guardano, curiosi di vedere come i due inglesi se la caveranno stasera.

Rivediamo il non finale di scorsa settimana tra Keith Lee e Dominik Dijakovic e vediamo come al Perfomance Center Dijakovic sia andato a cercare Lee durante gli allenamenti per finire quanto cominciato la scorsa settimana, ma dovrà aspettare due settimane per il rematch. Peccato, poteva esser un match che avrei portato come gustoso contorno nella card di Takeover.

Match 2: Forgotten Sons vs Oney Lorcan & Danny Burch 3 out of 5 stars (3 / 5)

Continuo a non capire perchè il più interessante e credibile dei Sons faccia solo da accompagnatore e sicuramente la sua maggiore stazza poteva far comodo contro i miei due pelati picchiatori preferiti. Partenza lanciata perr Oney e Danny che lavorano con la ottima tecnica su Culter, che deve usare un blind tag di Blake per liberarsi e lasciare spazio al compagno con cui decide di lavorare alla schiena di Lorcan con una serie di spezzaschiena e tenendo discretamente alto il ritmo della contesa. Oney deve difendersi da una serie di schienamenti degli avversari e poi arriva matematica la Chin Lock spezzaritmo di Blake da cui Oney si libera in acrobazia per fare rientrare Burch che con un dropkick manda Blake a sbattere contro la corda più bassa. I Sons si prendono un paio di suplex a testa di Danny che vola anche dal paletto e poi col compare cerca subito la finisher ma Lorcan non riesce a sollevare Cutler visti gli attacchi alla schiena subiti in precedenza. Blake spedisce Burch fuori ring per lasciare solo Oney che ha un moto d’orgoglio e si lancia come sempre anima e corpo, ma soprattutto il secondo, contro gli avversari con grande coraggio e sprezzo del pericolo ma viene ribaltato da una poderosa Clothesline di Cutler che poi gli infligge l’ennesimo backbreaker di serata per ottenere un conteggio di due. Steve poi applica una Boston Crab a centro ring da cui Lorcan esce grazie all’arrivo di Burch che con un superkick stende Cutler, ottenendo poi il tag e cercando di chiudere il match da solo ma viene bloccato dagli avversari che in combo gli rifilano una dropkick volante alla scapola da cui ottengono solo un conteggio corto. Burch ridà il cambio a Oney che lotta coraggiosamente con un braccio solo, fa scontrare i Sons e li stende con una Double Blockbuster e va per la chiusura con la Spike DDT in combinata ma Blake interrompe il conteggio all’ultimo istante. I due pelatozzi decidono allora di tentare la combinazione volante ma Burch viene colpito alla schiena e Lorcan lanciato in powerbomb contro le ginocchia di Blake e i Sons mettono a segno una combinazione di Reverse DDT con calcio volante che vale loro la vittoria.

Vincitori: Forgotten Sons

Mentre Mauro fa il punto della situazione, sullo Stage arriva Velveteen Dream con la sua cintura di campione Nord Americano che mette in mostra mettendosi in piedi sul tavolo di commento. Il pubblico sembra apprezzare anche tutte le perle che ha tra orecchini e collana e il campione prende la parola per ricordare che ora è lui il detentore della cintura ma, prima che possa dire altro, arriva Matt Riddle con la sua solita faccia di tolla per non dirgli peggio e dice che è uscito solo per salutare, fare i complimenti a Dream per la vittoria e che quasi quasi una occhiatina ravvicinata alla cintura e ora che l’ha vista vorrebbe proprio mettersela alla vita un giorno per vedere come gli sta. Dream che si deve sentire al settimo cielo ma lui non è il suo Bro e che il centro della scena, e di colpo si spegne tutto a parte l’occhio di bue, sarà sempre e solo lui.

Adam Cole dà le ultime istruzioni a Fish e O’Reilly prima del loro match che sarà il main event di serata.

Video promo per la sfida tra Io Shirai e Bianca Belair di settimana prossima che determinerà la sfidante a Shayna Baszler al titolo femminile NXT a Takeover New York.

Match 3: Street Profits vs Moustache Mountain 3 out of 5 stars (3 / 5)

Due tag team face che si affrontano in questo terzo quarto di finale, per quanto Montez Ford che entra con passamontagna, corona e occhiali alla Lennon sul ring è una roba che lo renderebbe un criminale dello stile in almeno 47 stati. Pubblico che sembra diviso su chi sostenere ad inizio match e Ford ha la malsana idea di metterla sul mat wrestling con Bate per iniziare ricevendo in cambio una lezione sul come tenere un headlock in 107 maniere diverse senza far venire sonno alla Randy Orton. Entra Dawkins che intelligentemente la mette sul fisico usando il suo maggior peso ma si becca comunque un enziguri che permette a Seven di entrare e pareggiare la massa in gioco. Angelo riesce a portare l’avversario al propro angolo e Ford non si fa rigabbare rifilando una serie di calci belli pesanti a Seven che si trova presto in difesa ma poi con una serie di chop e una DDT riesce a bloccare l’inerzia di Ford e fare rientrare Bate che stende Dawkins con una compilation di uppercut e un gran suplex per ottenere poi un due con una running SSP. Contesa che diventa molto veloce e dinamica con tutti e quattro i lottatori in azione dentro e fuori dalle corde e gli Street Profits che sembrano sfruttare meglio la situazione andando anche a segno con la loro combo finale di spinebuster & frog splash ma Bate in qualche modo esce dal conteggio dipingendo sulla faccia di Ford una espressione F4 da manuale LaRochelliano. I due riprovano la combo volante ma Seven fa cadere Ford dal paletto e poi lo schiena con un back suplex sull’apron e Bate fa lo stesso su Dawkins sul ring.Sono i due inglesi ora a colpire in combinata con una torture rack & double knee stomp dal paletto che gli vale la conquista del passaggio del turno.

Vincitori: Moustache Mountain

Gli Inglesi se la vedranno con i Forgotten Sons nella prima semifinale mentre agli Street Profits per l’ennesima volta sfuma l’occasione del salto di qualità nella categoria.

Match 4: Undisputed Era vs DIY  4 out of 5 stars (4 / 5)

Questo match è come avere Brasile contro Argentina in un quarto di finale di un mondiale di calcio, il concetto di finale anticipata al suo massimo. Fish e O’Reilly arrivano soli sul ring senza quindi Cole o Strong a guardare loro le spalle. Altrettando a sorpresa, o forse no, Gargano e Ciampa non entrano con la vecchia theme song ma ognuno per conto proprio con canzone e titantron dedicato..ah ma ci han fatto lo scherzone perchè alla fine parte la theme dei DIY e i due arrivano sul ring con la theme song di coppia, che burloni. Partenza molto equilibrata con frequenti cambi tra i tag team e i DIY che sembrano non aver perso un filo della loro chimica ma anche gli UE non scherzano da quento punto di vista ma finiscono entrambi fuori ring con Ciampa che cerca poi uno schienamento su O’Reilly dopo un Hangman Neckbreaker. Gargano cerca di seguire il compagno con un attacco dall’apron, ma viene sgambettato da Fish che lo fa pesantemente cadere sullo spigolo del ring ed è poi lesto a proseguire l’attacco una volta ottenuto il cambio. Gli Undisputed chiudono Gargano al loro angolo e ne prendono di mira il ginocchio sinistro con un buon lavoro di squadra e usando con grande strategia e precisione le loro abilità di strikers, a cui poi uniscono ottime doti tecniche come nella serie di suplex a catena in solo o combinate assestete a Gargano che sembra in grossa crisi a gestire questi attacchi. Fish rallenta l’azione con una bodyscissor a centro ring e una serie di attacchi al volto ma poi va a vuoto con un attacco combinato e Gargano ne approfitta per mandare entrambi gli avversari al tappeto e dare il cambio a Ciampa che parte forte a suon di gincchiate in corsa , caricando poi Kyle al paletto e colpendo con la Tower of London per un conto di due. O’ Reilly cerca una reazione tentando una ankle lock ma si trova a subire una serie di german alla Guerrero di Ciampa, con Gargano che fuori ring tiene a bada Fish e mettendo a segno una blue thunder bomb per un altro conteggio corto. Gargano torna uomo legale e mette a segno la spear dall’apron ma O’Reilly lo blocca con una magia intrappolandolo in una perfetta Guillottine Choke e solo una ginocchiata alla disperata di Ciampa riesce ad evitare la sconfitta. Gargnao e O’Reilly si mazzuolano come pazzi a centro ring, con Kyle che per un paio di volte attacca di rimbalzo, le prende, rimbalza e riparte ancora più cattivo e tutti e due si ritrovano stesi a terra distrutti. I due danno il cambio a Ciampa e Fish e il campione NXT cerca addirittura un suplex dall’apron verso l’esterno ma viene bloccato e Bobby cerca un superplex che va a vuoto e si deve accontentare di un superkick che serve a indebolire Tommaso per mettere a segno una impressionante Avalanche Michinoku Driver a cui a ruota segue il Double Knee Stomp di O’Reilly che però vale sono un due. Kyle applica allora una armbar al campione ed è Gargano questa volta a fare il salvataggio decisivo per la sua squadra. Si va fuor ring e O’Reilly rifila una gran ginocchiata volante a Ciampa ma fa l’errore di farlo salire sul ring per primo dove viene preso di sorpresa dalla DDT del campione NXT che può dare il cambio a Gargano che mette a segno la sua Springboard DDT patentata; O’Reilly riesce ad uscire dallo schienamento successivo ma non può nulla contro la finisher dei DIY, i calci in stereo che valgono il passaggio del turno.

Vincitori: DIY

Ciampa e Gargano esultano a centro ring con Tommaso che ovviamente va subito a coccolarsi la sua cintura ma se questo turno è stato tosto per loro, la semifinale rischia di essere ancora più difficile dato che in un derby tra gente che passa del tempo nel main roster, se la vedranno con Aleister Black e Ricochet.E a chiusa di tutto, i War Raiders appaiono sullo stage a mostrare le loro cinture e per far vedere che non hanno paura di una coppia cosi affiatata e di successo.

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità match
8,5
Qualità promo
7
Evoluzione storylines
7,5
Marsupilami
Reporter ufficiale di NXT, improvvisatore. non digerisce i peperoni, fan appassionato di Deadpool, fine umorista, fedele alla chiesa di Santo Stefano Curry e delle sue caviglie di cristallo da prima che molti di voi lo conoscessero.