Amici di ZonaWrestling, eccoci alla review di NXT Takeover Dallas, evento che ha aperto il weekend di Wrestlemania. Per analizzare i match con me questa volta c’è il buon Corey, con cui come vedrete abbiamo diversità di posizioni e di visioni su quanto accaduto, ma siamo sicuri che la differenza possa portare migliori pensieri e una analisi più a tutto tondo di quanto andato in scena.

NXT Tag Team Championship: The Revival vs American Alpha

Corey: Buonissimo match tra due team che avevo visto poco e che mi han sinceramente stupito. A parte il finale previsto e un botch dei campioni, l’attività sul ring è stata fluida, piena di azioni interessanti e di entusiasmo. Un opener perfetto che permette a Gable e Jordan di iniziare un buon regno nelle condizioni ideali. Ora però bisogna trovargli degli sfidanti: Gargano/Ciampa sarebbe la scelta migliore. Nota sul botch a metà match: l’errore lo fa Gable non alzando il corpo e dunque non aiutando l’avversario a chiudere la mossa nel migliore dei modi. Voto: 3/5

Marsupilami: non riesco ad immaginare opener migliore di quello che abbiamo visto tra le due coppie più calde di NXT che confermano entrambe le qualità viste negli ultimi mesi. La solidità tecnica e il lavoro di squadra tra Gable e Jordan, davvero over con il pubblico, si sono mischiati in maniera ottima con la old school heel di Dash e Dawson, creando una miscela esplosiva che ha infiammato il pubblico. Il botch citato da Corey è stato evidente ma non ha inficiato sul risultato finale della battaglia che nel finale ha portato a diversi falsi finali credibili, fino alla Grand Amplitude degli Alpha che ha fatto loro conquistare le tanto agognate e meritate cinture di categoria. Direi che questo è il primo atto di una faida che, se gestita coscienziosamente, può dare ancora molto e esser una delle colonne portanti dello show nerogiallo dei prossimi mesi. Voto: 3,5,/5

Austin Aries vs Baron Corbin

Corey: Match lento, noioso, che sarebbe servito a innalzare Corbin ma nemmeno Aries fa il miracolo. Peccato. E soprattutto peccato che debba essere il pivellino a dirigere l’incontro invece di farsi dirigere. Occasione sprecata per entrambi ma le premesse non erano nulla di che. Voto: 1/5

Marsupilami: Neppure a Austin Aries riesce il miracolo di portare Baron Corin a un match che supera la sufficienza. Sfida molto classica, con l’heel che fa valere la maggiore massa davanti a un face tecnicamente superiore ma in difficoltà ad imporre il suo stile. Aries è sembrato un pò spaesato, con della ruggine e quasi con poco controllo di quanto accadeva sul ring ma, conoscendo il personaggio, sicuramente nelle prossime uscite potrà fare meglio. Corbin ci saluta, se ne va nel main roster, tanta fortuna perchè ne avrà bisogno per ritagliarsi uno spazio significativo. Voto: 2/5

Sami Zayn vs Shinzuke Nakamura

Corey: Un match stellare…. mancato. Un “vorrei ma non posso”, lontano dagli standard indy per non offendere il main roster. Buono ma non eccezionale come l’han visto in molti, forse accecati più dalla spettacolare entrata del giapponese che dalla seria qualità del match – che non è mancata, ma da questi due ti devi aspettare ben altro. Una versione edulcorata dell’immaginario collettivo sui due. Due i motivi: in genere chi debutta in WWE, non disputa mai il match della vita; Zayn avrebbe avuto due giorni dopo un match durissimo, probabilmente si è deciso di andare sul sicuro. Mi auguro ci sia un rematch, un giorno. Voto: 3,5/5

Marsupilami: un match stellare, punto. Ora, parliamoci chiaro e sgombriamo il campo da ogni dubbio e direi che è inutile star qui a dire “eh ma se erano nella federazione X avrebbero fatto meglio”; si gioca con le regole WWE e va valutato quanto fatto da questi due mostri sul ring. Una contesa durissima, senza quasi un attimo di tregua e con un ritmo perfetto in cui i picchi si sono alternati ai momenti più calmi in un gioco di incastri riuscito completamente. Nakamura ha fatto vedere cosa sa fare sul ring, e il primo che dice che tira solo ginocchiate lo prendo a cartoni io perchè riguardatevi il match e ditemi se vedete due colpi tirati alla stessa maniera. Sami ha fatto una ennesima prestazione maiuscola, e chiude su una nota altissima i suoi 3 anni di NXT che, a memoria personale, sono i migliori 3 anni di un lottatore in un singolo roster da molto tempo a questa parte. Non mi sento di dare voto pieno perchè sostanzialmente era un match dal risultato scontato ma si candida come nuovo instant classic di NXT. Voto: 4,9/5

NXT Woman Championship: Bayley vs Asuka

Corey: Probabilmente sono l’unico a cui non piace Asuka e piace troppo Bayley. Però è anche vero che oltre ai colpi, qui abbiamo visto una bella storia raccontata, dove la campionessa si è trovata uno ostacolo più preparato di lei. Quasi una Rousey vs Holm in versione wrestling, ma qui ci sono voluti oltre 15 minuti per decretare il passaggio del titolo. Ora sarà curioso capire se vi sarà un rematch oppure Bayley passerà al piano di sopra. Voto: 3/5

Marsupilami: e se quella di prima è stata una lotta durissima, qui non si è di certo scherzato. Le due ragazze si sono affrontata a viso apertissimo e con mia sorpresa è stata Bayley a spostarsi sul campo nemico, puntando molto sulle sottomissioni e sulle tecniche a terra. Al primo match importante Asuka non ha deluso, mantenendosi la macchina da wrestling che abbiamo apprezzato negli scorsi mesi anche se forse nella fase centrale del match ha un filo rallentato troppo la contesa, che non ha beneficiato specie nella prima metà di un pubblico caldo, evidentemente ancora esausto dal match precedente. Finale decisamente apprezzabile con Bayley che sviene e viene protetta; facile pensare che ci saranno altri appuntamenti fra le due, e la chimica può ancora migliorare ma la strada percorsa è già positiva, non siamo davanti a un classico come le sfide con le Horsewoman ma un ottimo match senza dubbio. Voto : 4/5

NXT Championship: Finn Balor vs Samoa Joe

Corey: Match discreto, davvero. Rappresenta quello che oggi può dare Joe, lontano dai bei fasti, e quello che sta dando Balor dagli inizi, ovvero match che non riescono mai a convincere in pieno. Ed è forse questo il motivo per cui per ora non ritengono doverlo portare nel main roster. Balor costa e per quanto costa non sta rendendo sul ring – rende bene la sua figura, la sua immagine, e questo alla WWE basta e avanza. Il sangue ha aggiunto pepe al match, e sebbene sia stato un diversivo casuale, forse gli ha dato quel tocco in più che mancava. Balor detiene giustamente, in attesa che arrivi un avversario adatto a succedergli (Roode?) Voto: 2,5/5

Marsupilami: qui la sfortuna ci ha messo decisamente lo zampino perchè pronti via e il taglio sulla fronte di Joe che condiziona il match, con i continui stop medici per asciugare il sangue che specie all’inizio scendeva copioso. Qui faccio un appunto: non era meglio fermarsi subito 3\4 minuti, provare ad applicare i punti adesivi per tamponare la ferita e poi riprendere? Mi sembra una soluzione più pratica e meno invasiva rispetto al continuo stop and go a cui abbiamo assistito. Nei framezzi, comunque, va dato a tutti e due i lottatori di aver provato a raccontare una storia in maniera il più efficace possibile e Joe ha fatto decisamente vedere il meglio di sè da quando è a NXT, con Balor che per una volta è stato il passeggero e si è fatto portare volentieri in giro per l’incontro. Finale strano, sinceramente mi aspettavo il passaggio di titolo invece si è andati con la conferma del campione con un roll up à la Stone Cold che non è per me il punto finale della storia fra i due. Voto: 3,75/5

Considerazioni finali

NXT Takeover Dallas è un evento sicuramente ben riuscito, che ha confermato le qualità del roster nerogiallo e che la WWE ha deciso di gestire ormai questo roster effettivo in maniera diversa dal main, con una gestione dei match e dei feud ormai ben definita e che caratterizzano subito lo show. Se lo paragoniamo agli eventi precedenti, specialmente Londra e Brooklyn, siamo a un livello leggermente più basso più che altro per il poco peso delle faide che hanno portato fino a qua ma, se siete degli occasionali e immagino che nel weekend di Wrestlemania ce ne siano stati, lo show è stato molto interessante, con la perla di Zayn\Nakamura. Evento che per me quindi si merita nel complesso un 7,5; staremo ora a vedere, dopo il raid del main roster che di fatto si è preso mezzo roster, quali atleti faranno il salto di qualità e si porranno alla nostra attenzione nello show del mercoledi notte.

Marsupilami
Reporter ufficiale di NXT, improvvisatore. non digerisce i peperoni, fan appassionato di Deadpool, fine umorista, fedele alla chiesa di Santo Stefano Curry e delle sue caviglie di cristallo da prima che molti di voi lo conoscessero.