Buongiorno amici e benvenuti al nostro consueto appuntamento con il roster britannico. Se nello scorso episodio abbiamo avuto le difese titolate dei due titoli massimi dello show, oggi avremo quella dei titoli di coppia, ancora nelle mani dei Pretty Deadly, che oggi avranno a che fare con due rivali ostici: i Moustache Mountain! Direi quindi di partire subito coi risultati.

Risultati NXT UK

  • Blair Davemport ha sconfitto Emilia McKenzie (6:01) 3 out of 5 stars (3 / 5);
  • All’inizio di questa settimana: Sha Samuels e Noam Dar sono dal buono Sid Scala, il quale annuncia che settimana prossima si avrà un match tra A-Kid e Nathan Frazer che decreterà il primo sfidante all’Heritage Cup detenuta dalla Supernova scozzese;
  • Ci viene mostrato un riepilogo dell’incontro tra Ilja Dragunov e Rampage Brown e del suo finale controverso, dopodichè ci viene mostrato lo sfidante mentre viene portato via a lotta finita (per così dire);
  • All’inizio di questa settimana: Xia Brookside ha lanciato un attacco dopo che le è stato chiesto di perdere contro Meiko Satomura;
  • Torniamo sullo stage giusto in tempo per vedere Devlin che si dichiara il verso asso dell’intero roster, arriva anche Dragunov e c’è tra i due un gustoso faccia a faccia, l’irlandese promette che toglierà il titolo al campione e, inevitabilmente, scatta una rissa tra i due;
  • Promo: questa volta di Amale, la quale dichiara che questa è la sua vita e sta facendo di tutto per arrivare in alto nella divisione femminile di UK;
  • Sam Gradwell ha sconfitto Sha Samuels (6:52) 3 out of 5 stars (3 / 5);
  • Promo: i Gallus deridono la nuova fazione nata in UK negli ultimi tempi, la Familia;
  • I Moustache Mountain hanno sconfitto i Pretty Deadly qualificandosi nuovi campioni di coppia (17:47) 4 out of 5 stars (4 / 5)

Così finisce questa puntata, alla prossima! 🙂

Desil

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità della puntata
7
Studentessa universitaria con la passione per la scrittura e le serie TV, qui vi faccio compagnia con i miei report e gli editoriali. Attualmente trovo molti atleti interessanti ma rimango fedele sin dal 2014 al mio 'credo' per il King Slayer Seth Rollins e il fu Dean Ambrose, motivo quest'ultimo per il quale ho aperto i miei orizzonti verso i lidi giapponesi e l'AEW