Buongiorno amici e benvenuti al nostro consueto appuntamento del venerdì mattina con lo show britannico.

Heritage Cup Match: Nathan Frazer vs Noam Dar (w/Sha Samuels) 3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)

Incontro questo nato durante il format ideato dalla Supernova, e Frazer dopo aver combattuto questo match, dirà che Samuels ha rovinato qualcosa che poteva essere anche meglio, e ciò fa presagire che questa storyline è appena partita. Detto ciò, sono serviti 5 round a Noam per superare il rivale, il primo è stato meramente di studio tra i due rivali, tanto che basta poco a Nathan nel secondo round di prendersi il primo punto di questo match. Il terzo e il quarto per i risultati sembrano la fotocopia dei primi due, il terzo round passa indenne mentre il quarto è vincente per Noam Dar, il quale poi si porterà sul 2 a 1 vincente con la sua consolidata Nova Roller

Vincitore: Noam Dar

Promo: I Pretty Deadly si dicono sicuri sul loro futuro: saranno campioni di coppia ancora a lungo

Backstage: troviamo Jack Starz affranto, al quale poi si avvicina in primis Trent Seven con tutte le buone intenzioni del caso, passa di lì poi Gradwell che va subito contro il membro dei MM e questi, di tutta risposta, gli rifila (termine più giusto non c’era in questo caso) un ceffone

Mark Andrews (w/Subculture) vs Levi Miur 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)

Match che serve soltanto a mostrare il “nuovo” Andrews, anche se rispetto a prima ha una musica di ingresso nuova e un’alleata in più, per il resto nulla è cambiato. L’avversario comunque riesce a mettersi in mostra ma non lo fai mai in maniera rilvente, e così, dopo poco più di quattro minuti, Stundog Millionaire e Shooting star press consegnano la vittoria ad Andrews

Earlier today: si viene a conoscenza in questo modo che Xia Brookside non potrà partecipare al Gauntlet match per la prima contendente al titolo femminile di KLR, Amale si offre come sostituta ma il buon Sid Scala afferma che non c’è più bisogno della sostituzione, ma che se vorrà potrà affrontare Xia quando ritornerà a lottare

Ci viene, poi, mostrato l’addio ad UK di Amir Jordan, il tutto però è avvenuto in maniera frettolosa.. Sembra che il lottatore si fosse fatto male alla spalla e per questo aveva bisogno di cure

Next week: A-Kid contro Tyler Bate per l’Heritage Cup e Ilja Dragunov ospite di Noam nelle sue Sessioni

Gauntlet match: Emilia McKenzie vs Isla Dawn vs Dani Luna vs Jinny vs Meiko Satomura 3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)

Le prime due ad iniziare sono Isla ed Emilia, e quest’ultima, poco dopo, sarà la prima eliminata dell’incontro dopo aver subito un calcio al volto. La Isla mantiene la sua supremazia anche con la seconda rivale della serata: Dani Luna, la quale, nonostante fosse partita forte, si è arresa anche lei alla Dawn. Ma il gioco è bello quando dura poco, quarta partecipante all’incontro, è, infatti, Meiko Satomura, come sostituta di Xia, ed è questo l’intermezzo tra i più interessanti di questo match a più riprese; la Dawn, stanca per i suoi precedenti, ce la metta tutta ma la Meiko, nonostante sia stata messa leggermente in difficoltà, riesce comunque a prevalere e come ultima rivale se la vedrà contro Jinny, accompagnata sempre dal suo fido Conners. Sfida interessante tra le due anche se l’ho trovata leggermente affrettata, la Fashionista, ovviamente, ha approfittato del suo vantaggio di essere più riposata della rivale ma la giapponese si lascia sorprendere poche volte, e così dopo essersi liberata dalla distrazione di nome Joseph Conners, Scorpio Kick per il tre vincente che le consegna la qualità di prima sfidante

Vincitrice: Meiko Satomura

E’ proprio la campionessa a presentarsi e, se in un primo momento, si mostra contenta, non ci mette molto a far capire le sue reali intenzioni: colpisce Meiko stendendola al suolo, per poi posare con la cintura in alto mentre la rivale è KO

E così finisce questa puntata, alla prossima 🙂

Desil

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dei match
6,5
Evoluzione delle storyline
6,5
Qualità dei promo
6
Desil
Studentessa universitaria con la passione per la scrittura e le serie TV, qui vi faccio compagnia con i miei report e gli editoriali. Attualmente trovo molti atleti interessanti ma rimango fedele sin dal 2014 al mio 'credo' per il King Slayer Seth Rollins e il fu Dean Ambrose, motivo quest'ultimo per il quale ho aperto i miei orizzonti verso i lidi giapponesi e l'AEW