Buongiorno amici e benvenuti al nostro consueto appuntamento con lo show britannico. Ci aspetta una puntata “leggermente” diversa da come ce la aspettavamo, perchè sì, oggi doveva essere il grande giorno: WALTER vs Ilja Dragunov 2 e, invece, ci dovremo “accontentare” di un main event coi titoli di coppia in gioco

La puntata si apre proprio con gli aggiornamenti su quel match: i due collideranno il mese prossimo, e più precisamente il 22 Agosto, al Takeover di NXT. Mi permettete di essere in disaccordo con questa scelta?

Promo: I Symbiosis sembrano essersi concentrati su due “nuovi” rivali: i Moustache Moutain. Perchè? Perchè Eddie Dennis non ha gradito la sconfitta patita contro Trent Seven

Laura di Matteo vs Nina Samuels 3 out of 5 stars (3 / 5)

L’italiana tenta di far qualcosa ma questo match è quasi tutto dalla parte di Nina Samuels, che ha bisogno di un riscatto dopo il suo ultimo match combattutto e perso contro Xia Brookside, incontro per il quale, non dimentichiamoci, è stata umiliata soprattutto dopo.

A parte, un roll up quasi vincente per la Di Matteo, per lei in questo incontro c’è molto poco, deve ancora arrivare il suo momento, ha ancora tanto da dimostrare. Shoulderbreaker-like Go 2 Sleep e Nina si porta a casa il match. Vincitrice: Nina Samuels

Promo: Teoman ci dice che la sua alleanza con Rohan Raja è una fratellanza fatta di rispetto ed è scelta nostra rispettarli o meno. Conclude poi dicendo che la loro famiglia è in crescita, mostrando una sedia vuota

Backstage: Blair Davenport interrompe il promo di Xia Brookside, dicendole che lei è qui solo per il suo cognome

Supernova Sessions: gli ospiti odierni sono Conners e Jinny, tra le domande che lo scozzese riserva ai suoi ospiti è se la loro unione è solo professionale o va anche oltre, di tutta risposta Joseph afferma soltanto che da quando c’è al suo fianco la Fashionista lui è un wrestler migliore. Mentre i pensieri della sua partner, sono tutti per Aoife, Jinny, infatti, ammette che la sconfiggerà

Backstage: I Pretty Deadly si preparano per il main event

Tristan Archer vs Joseph Conners (w/Jinny) 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)

Debutto di Archer qui ad UK, e subito si mostra un atleta interessante che sa impensierire un veterano come Conners, anche se non risulta mai davvero rilevante. D’altro canto questa striscia di imbattibilità di Joseph continua, segno che evidentemente la dirigenza crede in lui e in Jinny. Difatti, una neckbreacker dopo 6 minuti e qualcosa di match segna la sua ennesima vittoria. Vincitore: Joseph Conners

A fine match, sequenza di sguardi minacciosi tra Jinny e la già citata Aoife

Backstage: Devlin è in cerca di Sid Scala, si dichiara pronto per affrontare A-Kid, sarà nell’Iron Match che finirà il suo lavoro sul ginocchio già malandato dell’ex campione dell’Heritage Cup

Earlier this week: Jack Starz va a ringraziare Mastiff per il suo aiuto, ma quest’ultimo annuncia che prossimamente se la vedranno uno contro l’altro

NXT UK Tag Team Championship: Pretty Deadly vs Subculture 3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)

Ottimo match, e sicuramente il migliore della serata e non solo perchè gli altri due hanno lasciato un pò a desiderare ma proprio perchè (forse per me è la prima volta) che i campioni mi risultano credibili in quanto tali e combattono un match molto buono. Ad aiutarli, almeno nella spettacolarità dell’incontro stesso, sono anche i rivali che con le loro manovre aeree rendono il tutto ancora più interessante e si rendono credibili sia come sfidanti ma anche come probabili nuovi campioni. Peccato però che così non sarà: i Pretty Deadly si riconfermano campioni, dopo aver rischiato molto (si sono salvati solo grazie ad Howley che ha salvato il partner), prima mettono fuori gioco Webster, lasciando così da solo Andrews che non ha possibilità di aiuto e crolla al conto di tre dopo una neckbreaker Hart Attack. Vincitori e ancora campioni: Pretty Deadly

Così finisce questa puntata, alla prossima

Desil

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dei match
6,5
Evoluzione delle storyline
7
Qualità dei promo
7
Studentessa universitaria con la passione per la scrittura e le serie TV, qui vi faccio compagnia con i miei report e gli editoriali. Attualmente trovo molti atleti interessanti ma rimango fedele sin dal 2014 al mio 'credo' per il King Slayer Seth Rollins e il fu Dean Ambrose, motivo quest'ultimo per il quale ho aperto i miei orizzonti verso i lidi giapponesi e l'AEW