Diciassettesimo evento live per NXT e per la seconda volta si abbandona la Florida per il Texas;Takeover Dallas fu uno dei punti più alti della storia del brand nero giallo, con il debutto di Nakamura, il debutto di Roode e la sfida Joe\Balor. Ora che tutti questi lottatori sono saliti al piano superiore, si ritorna nello stato della stella solitaria e in quel di Houston avremo sabato notte la possibilità di veder un nuovo gruppo di lottatori, aiutati specie nel main event da un match unico come la sua stipulazione. Bando alle ciance, partiamo con l’analisi della card.

Lars Sullivan vs Kassius Ohno

Match tirato su all’ultimo ma che è sicuramente un primo banco di prova per Sullivan, monster heel su cui stanno cominciando a puntare in maniera interessante in questo ultimo periodo. Di sicuro la scelta di metterlo sul ring con un lottatore esperto come Ohno che sa guidare ogni tipo di match in ogni situazione aiuterà a mantenere il match su un livello discreto ma non ci sono dubbi sul risultato che metterà Sullivan nella fascia di lottatori subito sotto il main eventing con magari speranze di poterci fare qualche capatina nelle prossime settimane.

Vincitore: Lars Sullivan

Aleister Black vs The Velveteen Dream

Da un match dalla costruzione nulla a uno che invece vive di un crescendo veramente notevole. La storia è semplice ma come spesso succede è il modo molto più efficace per creare interesse. Il contrasto tra l’oscurità e la fierezza di Black e il modo super sbrilluccicoso e sfacciato di Dream ha dato vita a una faida sorprendente e convincente che ha coinvolto fin da subito il pubblico, un deciso cambio di ritmo rispetto alle solite faide di secondo livello qui a NXT e sicuramente ha elevato il livello di The Dream, che era parso fino ad ora una macchietta di basso livello e che invece ha dimostrato di aver capito lo spirito del suo personaggio e portarlo in scena in maniera molto convincente. La sua ossessione per avere il suo nome pronunciato da Aleister sarà credo il fil rouge anche del match dove l’olandese parte con i favori del pronostico ma non mi sorprenderebbe ci sia anche il risultato opposto, o un post match piuttosto violento che faccia proseguire questa faida anche nelle settimane successive.

Vincitore: Aleister Black

Fatal Four Way for the NXT Woman Championship: Nikki Cross vs Ember Moon vs Peyton Royce vs Kairi Sane

Più vedo e ripenso a questo match meno riesco a trovare una vera e propria favorita alla vittoria, ma trovo solo i punti deboli della scelta di una di queste quattro lottatrici. Intendiamoci, son sicuro che il match sarà di ottimo livello viste le abilità delle contendenti ma, una volta che mi metto a ragionare a chi potrebbe vincere i dubbi mi assalgono. Peyton è la veterana di NXT tra le 4 e mi piacerebbe un regno heel delle Iconiche ma credo possano passare ai piani alti a brevi e ovviamente ciò abbassa di molto le sue probabilità di vittoria. Kairi è sicuramente fenomenale sul quadrato, ma il suo personaggio per qualche motivo mi sembra sempre un filo troppo forzato e non credo che riandranno subito con una campionessa giapponese dopo l’impero di Asuka. Nikki sarebbe la mia preferita e la più adatta non avendo mai deluso ed avendo sempre gettato cuore e fisico nei suoi incontri, ma credo non vogliano accentrare i titoli nella Sanity per il momento. Resta quindi la scelta di Ember Moon che merita senza dubbio il titolo e il riconoscimento per quanto fatto, ma non vorrei che passasse un pò come una vittoria in tono minore visti gli assalti falliti quando c’era Asuka e la sua conquista del titolo essere un po’ in tono minore.

Vincitrice e nuova NXT Woman Champion: Ember Moon

NXT Championship: Drew McIntyre vs Andrade Cien Almas

Se mi avessero detto qualche mese fa che Andrade Almas sarebbe diventato, dopo il suo complicatissimo inizio a NXT, un credibile candidato al titolo massimo lo avrei preso per pazzo o quantomeno per visionario.E invece l’affiancamento a una manager capace come Zelina Vega ha portato grandi vantaggi al messicano che ha potuto concentrarsi sono sull’aspetto in ring dove sappiamo eccelle e lasciando tutta la parte extra ring o quasi alla ragazza dalla lingua tagliente. Proprio su questa delega si è bastata tutta la costruzione del match, in cui Drew chiedeva solo un confronto da uomo a uomo ma senza mai averlo se non nell’ultima puntata ma dimostrandosi comunque pronto a dare una chance a tutti quelli che lo vogliono sfidare. Credo vedremo un buon match, lo stile dei due per quanto molto diverso può mischiarsi bene e credo che non avremo un cambio di cintura, nonostante tutti i trucchi e trucchetti che la Vega tirerà fuori dal mazzo pur di far trionfare il suo Idolo.

Vincitore e ancora NXT Champion: Drew McIntyre

War Games: Undisputed Era vs Sanity vs The Authors of Pain & Roderick Strong

Ed eccoci al main event della serata, il match che non si vede da più di 20 anni con la variante importante dei 3 team invece che due impegnati tra due ring e una unica gabbia. Stipulazione che ha molto senso vista la tensione e le continue risse tra le tre fazioni che si sono susseguite già nella notte di Brooklyn con l’arrivo degli invasori subito dopo la conquista dei titoli da parte dei Sanity. Ed è proprio per i tre ex ROH che questo match sarà un banco di prova importante, in special modo per Cole che fino ad ora non ha brillato sul ring e anche come leader non sta forse rispettando le aspettative molto alte che erano riposte in lui; una sua prestazione di livello, magari partendo tra i primi due lottatori che si sfideranno all’interno della struttura. Dal punto di vista del lottato non ci dobbiamo aspettare un match tecnico ma una vera e propria rissa legalizzata come sono sempre stati questo tipo di match e come già accaduto diverse volte in passato è luogo in cui i tradimenti possono accadere in un attimo. La logica porta a pensare che Roderick Strong, il cui accoppiamento con gli AOP è a dire poco posticcio, possa riunirsi agli ex compagni indies; non so se questo accadrà già ora oppure no ma la strada tracciata sembra quella, ma in ogni caso gli Undisputed sono i favoriti per la vittoria, con i Sanity che quasi sicuramente si renderanno protagonisti di spot al limite del legale.

Vincitori: Undisputed Era

Considerazioni finali

Questo evento live NXT mi sembra tra quelli che viene atteso dalla community con meno attesa e si deve ringraziare l’utilizzo furbo di un gimmick match come i War Games che hanno creato un minimo di aspettativa. Il match per il titolo maschile sembra una sfida di passaggio e nessuna delle ragazze del Fatal Four scalda ancora i cuori come Asuka e per assurdo c’è molto più investimento emotivo in una sfida come quella tra Black e Dream. Ma NXT ci ha insegnato di non sottovalutare mai e che le perle possono apparire in ogni momento ed è plausibile che in quel di Houston nuovi astri si accenderanno luminosi sul palcoscenico della notte.

Marsupilami
Reporter ufficiale di NXT, improvvisatore. non digerisce i peperoni, fan appassionato di Deadpool, fine umorista, fedele alla chiesa di Santo Stefano Curry e delle sue caviglie di cristallo da prima che molti di voi lo conoscessero.