La WWE era stata chiara: entro 30 giorni tutti i wrestler impegnati su Twitch avrebbero dovuto chiudere l’account e dire addio al proprio stipendio extra. Alcuni hanno accettato, altri hanno chiuso controvoglia ma comprendendo la situazione. Poi c’è Paige che non ha alcuna intenzione di rinunciare al suo “angolo di paradiso”. E lo ha spiegato ieri sera in diretta, marcando una differenza sostanziale tra sé e i colleghi.

Le lacrime e l’intenzione di andarsene

Ebbene ragazzi, probabilmente questa e la prossima saranno le ultime dirette che farò. Voglio che siano folli” ha detto prima di fermarsi, guardare il cellulare e poi tornare a parlare. In maniera del tutto emozionale si è confidata con gli spettatori: “Non intendo più fare un accordo con questa compagnia. Ho da prendere una decisione importante e sinceramente sono stanca. Mi sono infortunata il collo per due volte per loro, ma non capiscono quanto sia meravigliosa la mia community. E quanto io abbia bisogno di loro. Sono la mia famiglia, il mio modo di scappare dal mondo”.

Non è una wrestler, le rimane solo Twitch

Sono sicura che qualcuno dirà ‘ma cosa ti lamenti, ringrazia che ti pagano ancora’. Non è questo il punto. Ho passato i due anni più brutti della mia vita, sono uscite le mie immagini nuda, ho avuto a che fare con le droghe a causa di un amore malato. Ho smesso di lottare. Non posso lottare, lo capite? Mi stanno trattando come una me**a. Ho dato loro dieci anni della mia vita e il mio collo. Twitch è la mia vita adesso. Ho bisogno della mia community, di parlare con voi e di vivervi ogni volta che ne ho bisogno. Non sono una wrestler, non devo avere obblighi verso nessuno. Non tolgo niente a nessuno”.

L’idea di un sindacato per garantire libertà

Sto pensando ad un sindacato. Non si tratta di Twitch, ma di qualcosa di più grande. Dobbiamo essere in grado di controllare la nostra vita e non di essere controllati da altri. Ho dato loro il mio cuore e la mia anima, ma adesso basta. Non mi sono stati vicini in questi due anni. Si sono scordati di me. E ora vogliono dirmi cosa fare? Io li ho amati con tutta me stessa, ma a questo punto c’è da fare una scelta. Sabato vi dirò tutto”.

FONTEWrestlingnewsco
Simone Spada
Giornalista professionista ed esperto di comunicazione, dal dicembre del 2006 è redattore di Zona Wrestling. Negli anni è stato autore di rubriche di successo come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia, Coppa dei Campioni, Indy City Beatdown e tante altre. Il primo giornalista in Italia ad aver parlato diffusamente di TNA ed AEW su un sito italiano di wrestling.