Il wrestling europeo è diventato rovente, pieno di colpi di scena e di annunci mozzafiato. Dalla ICW alla Progress è un rincorrersi a capire chi debba essere la regina di questo sport spettacolo nel Vecchio Continente.

Domenica scorsa Jim Jon e Glen, i proprietari della promotion londinese, hanno assestato un paio di colpi niente male. Quello che segue, per chi vorrà vedersi il Chapter 27 in totale tranquillità, risulterà come SPOILER. Dunque invito ad andare in altre sezioni del sito per evitare qualsiasi problema. Anche se, visti gli annunci, sarebbe meglio continuare la lettura perché…. PROGRESS WRESTLING IS GOING WORLDWIDE!!

Partiamo dal principio: è in atto una guerra delle presenze tra la ICW e la Progress Wrestling. La promotion scozzese è forte del successone fatto riscontrare allo scorso Fear & Loathing (4 mila persone) e quest’anno vuol triplicare le proprie capacità (11 mila presenze) spostando sempre più in alto l’asticella. È un azzardo ben calcolato e che, se dovesse dare i risultati previsti, potrebbe segnare una nuova svolta per il wrestling britannico, in una crescita che non pare trovare una punta massima. La promotion londinese ha risposto a suo modo: show da 2 mila presenze a settembre e la possibilità di comprare gli accessi in abbonamento, come si dovesse assistere ad una stagione teatrale. I fan hanno risposto bene all’invito rendendo sold out anche il solo pensiero di quegli stessi spettacoli.

Progress-Wrestling_socials-twit1-480x240

Ma la Progress vuole di più. Non è sicura di poter raggiungere le capacità della ICW e allora prova a cambiare strada, sentendo quel che hanno da dire oltremanica. Ad esempio c’è un certo Paul Levesque che ha chiamato Smallman e gli ha detto che gli piace la Progress, che vorrebbe collaborare in qualche modo. Il senso è: tu dai a noi un po’ di atleti e io do a te visibilità ulteriore ed un nuovo bacino d’utenza. I proprietari della Progress dicono sì e qui arriva il primo annuncio: nello show “Chapter 29” la promotion ospiterà ben due match di qualificazione al torneo “Global Cruiserweight” creato dalla WWE e previsto per la prossima estate sul network. Primo colpo andato, alcuni ragazzi Inglesi voleranno nella Mecca del wrestling mondiale e i londinesi saranno lì a dirigerli senza separarsene.

Però una domanda sorge spontanea: se alla WWE dovessero piacere gli Haskins, gli Andrews, i Dennis, i Webster…. chi lotta al mega show di Brixton del 25 settembre? Smallman, Briley e Joseph hanno pensato proprio a tutto: se avete questa paura, noi rispondiamo a salve. E qui parte il secondo colpo, di quelli che fanno trasecolare: il primo match annunciato di “Chapter 36: We’re gonna need a bigger room… again!” è nientemeno che il terzo atto, quello conclusivo, tra Zack Sabre Jr e Tommaso Ciampa. Se pensavate di aver visto tutto a “Hit The North”, dovete ancora aspettare il meglio. Inutile dire che le vendite sono scattate copiose nel giro di poche ore, perché nessuno ha intenzione di mollare qualsiasi sedia del 02 Academy di Brixton. E qui si parla di due talenti che non si separeranno ancora dalla loro casa londinese.

Basta così? Nossignore. Altro giro, altro annuncio: un torneo Round Robin per l’assegnazione dell’Atlas Title, dovuto ad atleti di taglia superiore ai 90 kg. Una limitazione che fa sembrare la categoria una X Division al contrario. Torneo che si svilupperà lungo 8 eventi e si concluderà, neanche a farlo apposta, nel mega show di settembre. A leggerlo così sembra una delle invenzioni più brutte che la storia ricordi. Poi ci pensi: Ospreay sarà in Giappone, qualcuno dei cruiser va in WWE – anche se temporaneamente. Occorre inventarsi qualcosa e quelli grandi e grossi, in Uk, sono liberi. Ed eccoli i partecipanti: nel gruppo A ci vanno Big Daddy Walter, Dave Mastiff, Iestyn Rees e T-Bone; nel gruppo B Rampage Brown, Joe Coffey, Big Damo e Micheal Dante. A parte Walter (che non mi convince) non ce n’è uno scarso. Ognuno con la sua storia, ognuno col suo carico di qualità e colpi. Brown e Mastiff favoriti, ma dietro Dante e Damo spingono per un posto al sole. E gli altri? Non andranno a fare da comparse. Una buona idea da sviluppare con dovizia per coprire una falla con un po’ di peso e rendere titolo secondario una categoria da sempre primaria.

AtlasGroupAB-480x240

E qui si potrebbe andare tutti a casa felici e contenti. Scurll mantiene il titolo nonostante la strepitosa prestazione di Gibson e il ritorno in pompa magna di Ospreay ma…. no, c’è un altro annuncio da fare. C’è un weekend di Wrestlemania che di solito porta appassionati come se piovesse. Per questo tra venerdì e sabato si daranno appuntamento la ROH, la Evolve, WWN super show, la CZW, NXT e WrestleCon super show. Così, per chi ha soldi, per chi ha voglia. E Smallman prende il microfono e annuncia: tu Marty Scurll, campione Progress, volerai verso Dallas e difenderai il tuo/nostro titolo davanti gli americani nel terzo atto del tuo feud contro… Will Ospreay! E noi saremo lì con voi, per il “best for business”. Il nostro, il vostro e quello di chi ci vuole. La sfida e ufficialmente lanciata: anche se mancano 8 mesi al nuovo anno, il 2017 di ICW e Progress è già rovente…..

Corey
Dal 2006 redattore di Zona Wrestling e autore di rubriche come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia, Coppa dei Campioni, Indy City Beatdown e tante altre. Studioso del wrestling in tutte le sue sfaccettature, col tempo ha voluto perdere la definizione di "Marco Travaglio del wrestling web".