Ci era stato promesso che Triple H avrebbe aperto lo show di questa sera e così è stato. Sulle note di The King of Kings arriva il Chief Operating Officer della WWE che non fa in tempo ad aprire bocca che viene raggiunto da Randy Orton.

Come insegna il Cobra Kai, Randy colpisce per primo, cercando di intimidire Triple H con delle minacce. Dice che se non è qui per annunciare che entrerà per ultimo alla Rumble o qualche altra cosa che vada a suo vantaggio, è meglio che se ne vada. Triple H, con la sua esperienza, non sembra affatto intimidito. Hunter spiega che questi attacchi alle leggende fanno apparire Orton come uno stronzo. Orton risponde che non vorrebbe un match contro Triple H ma una buona vecchia rissa. Triple H risponde che quando qualcuno vuole qualcosa da te la cosa migliore è non dargli la soddisfazione di accettare e che la sua risposta è negativa. Randy Orton quindi lo provoca dicendo che senza Stephanie lì quella sera Triple H non era riuscito a trovare le sue palle. A quelle parole Randy Orton si becca un pugno in faccia da Triple H e quindi sembrerebbe che la sfida sia stata accettata, ma secondo i telecronisti non è ancora certo.

BACKSTAGE: Vediamo Charlotte dopo i problemi con il padre. Accusa Lacey Evans di aver dimostrato zero classe attaccando Ric Flair e che oggi lui sarà a casa a guardarla mentre da una lezione alla Evans.
Vediamo anche Lacey intervistata sempre da Sarah Schreiber e dice che Ric Flair è un uomo ricco e potente e che ogni donna desidera qualcosa del genere. Annuncia che dedicherà questo match a Ric Flair, per poi raggiungere il ring dove Charlotte la attende.

Prima di vedere il match andiamo in pubblicità e assistiamo ad un video messaggio di Drew McIntyre. Il campione del mondo dice di essere fortunato perché ha solo sintomi blandi ma spiega che vanno presi seriamente. Quello che è successo a lui può succedere a chiunque. Drew incoraggia poi tutti quanti ad usare la mascherina ed attenersi al distanziamento sociale per evitare di contagiarsi e contagiare gli altri.

Match 1: Charlotte vs Lacey Evans 4 out of 5 stars (4 / 5)

Malgrado quanto annunciato da Charlotte, Ric Flair si presenta a bordo ring  dopo qualche minuto dall’inizio del match. La regina del ring si dimostra stupita almeno quanto noi e lancia un’occhiataccia al padre. Il match viene comunque largamente dominato da Charlotte, che sembra voler mantenere la sua promessa di impartire una lezione a Lacey. Interessante come la Evans imiti qualcuna delle movenze di Flair per fare arrabbiare Charlotte. Quando sono passati poco più di 10 minuti dall’inizio, arriva il momento decisivo. Charlotte sta eseguendo un suplex vicino alle corde e Ric Flair le afferra la caviglia facendola cadere durante la manovra, quindi si assicura di tenere a terra il suo piede di nascosto dall’arbitro per agevolare lo schienamento a Lacey. E’ un tradimento alla Flair in piena regola! Ric e Lacey se ne vanno insieme dal ring, felicemente abbracciati, è nata una nuova coppia! Gli do 4 stelle, indice che è assolutamente da vedere, perché comunque il tradimento di Flair alla sua stessa figlia è il classico momento wrestling che non potete perdere. Ci accontentiamo di poco ormai.

Vincitrice: Lacey Evans

BACKSTAGE: Vediamo Kayla Braxton che cerca di intervistare Keith Lee ma viene interrotta da Sheamus che fa i complimenti a Lee per il match pazzesco della settimana scorsa. Arrivano quindi Miz e Morrison che dicono di voler sistemare tutto quello che di brutto c’è stato nel 2020 e tra queste cose c’erano proprio Sheamus e Keith Lee. Viene quindi sancita una sfida tra questi due tag team si torna sul ring.

Vediamo Jeff Hardy sul ring, dovrebbe esserci un match contro Elias ma arrivano lui e Ryker. Elias spiega che a causa di un infortunio sarà il suo amico egualmente barbuto a sfidare Jeff.

Match 2: Jaxson Ryker vs Jeff Hardy 3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)

Match inaspettatamente breve. Jeff Hardy parte alla grande. Dopo nemmeno 30 secondi mette a segno la Twist of Fate e si prepara per chiudere il match con la sua mossa dal paletto. Elias intravede un’opportunità e si intromette, distraendo Jeff mentre si dirige verso l’angolo. A questo punto da dietro arriva Ryker che effettua un rollup e schiena Jeff Hardy con opportunismo. Un match che non brilla per qualità ma che sicuramente è da vedere per l’esito abbastanza imprevedibile.

Vincitore: Jaxson Ryker

Dopo il match Jeff Hardy è furente. Prende il microfono e dice ad Elias di sfidarlo. Elias indica il polso spiegando di essere impossibilitato per un problema, allora Jeff rincara la dose: “Puoi giustificarti come vuoi ma quello che vede la gente è che Jaxson Ryker è migliore di te”. A questo punto Elias si trova con le spalle al muro e si decide ad accettare la sfida, raccomandando all’amico di non intervenire perché ci penserà lui a distruggere Jeff Hardy.

Match 3: Elias vs Jeff Hardy 2 out of 5 stars (2 / 5)

I propositi di Elias non sono granchè rispettati. In meno di 4 minuti Hardy chiude la pratica. Swanton bomb e tutti a casa. Match quasi inclassificabile.

Vincitore: Jeff Hardy

Match 4: Keith Lee & Sheamus vs The Miz & John Morrison 4 out of 5 stars (4 / 5)

Un match da vedere più che altro per l’inizio, con Keith Lee che sfascia il ring all’inizio del match, con una corda che si stacca dal paletto dopo l’impatto tremendo, costringendo l’arbitro ad intervenire per interrompere la contesa. I due face si liberano con facilità dei due heel. Con Keith Lee dominante. Che ci siano Morrison o The Miz sul ring, Lee si gioca bene la carta della sua superiorità. Solo con Sheamus sul ring i due heel hanno qualche momento di controllo del match. Per loro sfortuna dura poco, torna Lee sul ring e fa piazza pulita. Lee sta per chiudere il match su Morrison ma Sheamus si prende il tag e chiude con il Brogue Kick su Morrison. Niente astio tra i due comunque, che si abbracciano sorridenti.

Vincitori: Keith Lee & Sheamus

BACKSTAGE: Triple H spiega di non essere venuto lì per combattere ma che visto che è stato sfidato, accetterà la sfida di Randy Orton

Torniamo sul ring dove succede qualcosa di strano. Avevamo lasciato Sheamus e Keith Lee tutti sorridenti a farsi i complimenti per il match ma li ritroviamo che si spintonano e si guardano in cagnesco. Qualcosa deve essere successo durante la pausa. Adesso suona la campana e c’è un match tra i due

Match 5: Keith Lee vs Sheamus 3 out of 5 stars (3 / 5)

Il match comincia con una fase favorevole a Sheamus che comincia con la sua sua tipica serie di chop sul petto di Lee. L’ex campione di NXT però riesce a fermarlo e a ribaltare la situazione, colpendo più volte con le sue manone il petto candido dell’irlandese. Il match viene deciso dopo un tentativo di cross arm braker di Sheamus. Lee lo blocca sollevando Sheamus e schiantandolo al suolo, quindi lo sottopone alla sua Spirit Bomb, ottenendo un facile schienamento dopo appena 7 minuti di match.

Vincitore: Keith Lee

Dopo il match Keith Lee offre una stretta di mano all’avversario che lo abbraccia sorridendo.

Torniamo a Drew McIntyre, che ci aveva promesso una risposta alla sfida di Goldberg. Drew dice di essere grato alle leggende che hanno tracciato il sentiero su cui oggi lui stesso cammina. Dice di aver sempre ammirato Goldberg, che lui e suo fratello amavano Goldberg quando erano giovani.  E’ proprio vero, mai incontrare i tuoi idoli di persona perché ti deludono sempre. Drew dice che non è nemmeno uno di quei casi  in cui ti mettono in bocca parole che non hai mai detto, perché Goldberg ha parlato di pensieri. Come fa Goldberg a sapere cosa pensa lui? Drew pensa che per dare rispetto bisogna riceverlo. Questo fa un vero campione WWE, ma d’altronde cosa ne sa lui? Non l’ha mai vinto. Drew aggiunge che non voleva accettare la sfida di Goldberg perché ha vent’anni in meno di lui ed è come se Goldberg di oggi sfidasse se stesso quando era all’apice della sua carriera. Lo sfiderebbe mai? Ma poi Goldberg gli ha messo le mani addosso e allora ha cambiato idea. Accetta la sfida di Goldberg. Alla Royal Rumble, Goldberg è il prossimo!

BACKSTAGE: Vediamo Riddle impegnato in una profonda metafora tra la pizza ed un match di wrestling insieme a Lince Dorado e Gran Metalik. I due lottatori mascherati gli dicono che gli guarderanno le spalle durante il match di oggi.

Match 6: Xavier Woods vs T-Bar (con Mustafa Ali, Reckoning, Mace e Slapjack) 3 out of 5 stars (3 / 5)

Match difficile per Xavier Woods, che non è nemmeno accompagnato da Kofi Kingston dato che ci viene detto che l’ex campione WWE è stato costretto a casa per via di un infortuno alla mascella intercorso durante il match contro gli Hurt Business. T-Bar combatte un gran match contro il membro dei New Day, imponenedo la sua superiorità fisica a Woods per gran parte del match. La storia narrata durante il match è di un Woods visibilmente in difficoltà che cerca di ribaltare la situazione di tanto in tanto ma senza riuscirci mai del tutto. Alla fine vince T-Bar grazie anche al fatto che l’avversario viene distratto dai suoi compari della Retribution. Match da vedere soprattutto per l’esito inaspettato.

Vincitore: T-Bar

BACKSTAGE: Sarah Schreiber è con Randy Orton che dice che Triple H lo conosce meglio di chiunque e che adesso ha una nuova rabbia dentro di lui che dirigerà contro Triple H.

Match 7: Bobby Lashley (c) (w/MVP) vs. Riddle per lo U.S. Championship 3 out of 5 stars (3 / 5)

Match che dura inspiegabilmente pochissimo. Dopo un inizio promettente di Riddle, Lashley prende il sopravvento. Respinge una mossa aerea di Riddle e lo chiude nella Hurt Lock costringendolo a cedere. Match bruttino ma gli diamo 3 stelle perché è molto significativa la sconfitta così netta subita da Riddle.

Vincitore: Bobby Lashley

Dopo il match prende il microfono Matt Riddle e dice che se non ha potuto battere Riddle stasera, di sicuro può battere MVP. Il leader degli Hurb Business non se lo fa dire due volte e seppure sia in tenuta elegante accetta la sfida.

Match 8: Riddle vs MVP s.v.

Match brevissimo anche questo ed impossibile da giudicare. Riddle fa incazzare Lashley colpendolo con un calcio mentre questo è fuori dal ring e quindi invade il quadrato con il match ancora in corso.

Vincitore: Riddle per squalifica

Vediamo quello che è successo a SmackDown con Adam Pearce che è stato “incastrato” come sfidante di Roman Reigns alla Rumble. AJ Styles è proprio con Pearce nel backstage e gli dice che potrebbero incontrarsi a WrestleMania se lui vince la Royal Rumble e Pearce per sbaglio inciampa su una banana e vince il titolo contro Reigns. Arriva quindi Drew Gulak che dice che sarà lui a vincere. Pearce risponde che non può auto-inserirsi nel Royal Rumble match. Gulak allora fa notare che Styles lo ha appena fatto. Styles controbatte dicendo che lui è un pluricampione del mondo e che per questo può permetterselo. Allora Pearce trova la soluzione sancendo un match di qualificazione tra i due.

Match 9: AJ Styles vs Drew Gulak 2 out of 5 stars (2 / 5)

Ci vogliono pochi minuti ad AJ per sconfiggere Gulak, di cui non viene nemmeno mostrata l’entrata. Prima lo schianta sul tavolo dei commentatori, quindi lo rispedisce sul ring e lo colpisce con la phoenomenal forearm per ottenere il conto da 3. Brutto dire che potete anche saltare questo match ma è la triste verità.

Vincitore: AJ Styles

Match 10: Nia Jax & Shayna Baszler vs Mandy Rose & Dana Brooke 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)

Le ex campionesse dominano il match come nel loro DNA. Nia Jax trascina dal ring Mandy Rose. Anche questo match supera di poco i tre minuti, con Nia Jax che fa il lavoro più pesante, per poi lasciare a Shayna il finale con la Kirifuda Clutch su Mandy Rose. Match tranquillo ma senza sorprese. Di certo non un grande spettacolo.

Vincitrici: Nia Jax e Shayna Baszler

Dopo il match Nia non sembra felicissima di come la Baszler gli ha rubato il tag prima di chiudere il match ma poi sembrano passarci sopra e la tensione svanisce. Strano vedere la stessa cosa succedere due volte nello stesso show, il finale è simile a quello tra Sheamus e Keith Lee di qualche ora prima.

Triple H vs. Randy Orton in una rissa

Non era poco che vedevamo Triple H in azione sul ring, oltre 18 mesi. Il suo ultimo match televisivo è stato nel giugno 2019, proprio contro Randy Orton. Vorremmo dirvi che è stato un gran match ma la verità è che non è stato un match, dato che non c’era nemmeno l’arbitro. E’ stato divertente finchè è durato. Triple H non si toglie nemmeno la maglietta e i due se le suonano senza troppi complimenti per alcuni minuti. Pochi. Perché improvvisamente diventa tutto buio e Triple H sparisce.

Appare al suo posto Alexa Bliss con una versione distorta della canzone della Firefly Fun House. La piccola assistente di The Fiend porta la mano all’altezza del collo e sul guanto si legge la parola PAIN. Improvvisamente fa un movimento che gli permette di lanciare una fiammata verso Orton che cade a terra dolorante, forse accecato. Raw si conclude così, con Orton con le mani agli occhi che urla dolorante.

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dei match
5
Qualità dei promo
6,5
Evoluzione delle storyline
8
Giuseppe Calò
Webmaster di Zona Wrestling, quando non è sul ring lavora in un'agenzia di comunicazione di Palermo. Ama il calcio, le serie televisive e la sua adorata Ambra. Se il sito non funziona al 99% è colpa sua.