Popolo di Zona Wrestling!
Qui per voi è Paolo Palermo, pronto a raccontarvi di più sull’odierna puntata di Monday Night Raw che si svolge in quel di Londra alla O2 Arena!

Il pubblico inglese è già caldo: è il giusto premio per The Miz, visto che il Magnifico è sul ring per una nuovissima puntata di Miz TV.
L’A-Lister ci ricorda che domenica prossima ci sarà l’ultima puntata di Game of Thr… ehm, volevo dire, Money in the Bank: lui ha già avuto il privilegio di prendere parte e vincere la valigetta, ma non farà parte dell’incontro quest’anno poiché dovrà già affrontare Shane McMahon in uno Steel Cage match. Detto questo, il buon Mike presenta il suo ospite di questa sera: Roman Reigns, direttamente da SmackDown Live.
Roman spende due parole su Elias, che affronterà questa domenica a Money in the Bank, dicendo che se è un cantante da karaoke quello che vogliamo allora sì che dovremo camminare con Elias… e il pubblico canta per il Drifter.
Miz comincia a parlare di cinema, ma Reigns storce il naso: lui e il pubblico vorrebbero vedere il Mizanin che lotta contro l’autorità… proprio per questo il Grande Cane fa partire un montaggio video che ci ricorda gli eventi di settimana scorsa che hanno visto protagonisti proprio il Magnifico e Shane. Il pluricampione Intercontinentale dice che è stato proprio il doversi contrapporre al figlio di Vince che l’ha cambiato a tal punto da fargli capire quanto sia importante il rispetto.
Dopo essersi sentito chiamare in causa, Shane McMahon appare per informare, in qualità di boss, che Miz TV finisce qui: Bobby Lashley ed Elias attaccano quindi Roman e Miz alle spalle, preparando il campo per un tag team match.

1) Tag team match: The Miz & Roman Reigns vs Bobby Lashley & Elias w/ Shane McMahon 2 out of 5 stars (2 / 5)
I face partono bene, mettendo sotto sopratutto Elias, ma è proprio quest’ultimo a colpire vigliaccamente Miz permettendo a Lashley di far valere la propria potenza fisica. Elias ci mostra una nuova variante della sua Old School che finisce con una Meteora e lascia spazio ancora a Lashley, che con un prolungato Vertical Suplex va vicino al 3 ai danni di Miz. I due cattivoni vanno avanti di cambi rapidi, ma il Magnifico scansa una Spear di Lashley e tenta il tag per Reigns… che viene però attaccato alle spalle da Shane, il quale fa scattare la squalifica.
Winners: The Miz & Roman Reigns via DQ.

Lashley, Elias e Shane sembrano poter avere la meglio, ma Reigns sovverte gli equilibri con un volo oltre la terza corda e Miz mette tutto a posto con l’aiuto di una sedia, scacciando i tre marpioni e giurando vendetta a Shane.
Nel backstage, intanto, Braun Strowman si bea dell’aver gettato Sami Zayn nella spazzatura e promette che nessuno lo fermerà dal diventare ancora una volta Mr. Money in the Bank questa domenica. Il Mostro, però, viene informato da un inserviente che Shane McMahon lo desidera nel proprio ufficio.
A colloquio con Shane O’Mac c’è proprio Sami Zayn, che avanza la sua personalissima candidatura a sostituire Strowman nell’imminente Money in the Bank. Il figlio di Vince dice che l’ex NXT Champion giocherà le proprie carte in un Falls Count Anywhere Match questa sera: se riuscirà a sconfiggere Braun Strowman, sarà della partita. Mentre il Mostro promette distruzione, Zayn tradisce un cicinin (come diciamo a Genova) di paura.

Attenzione…
2) Single match: Mojo Rawley vs Apollo Crews [s.v.]
Mojo c’è! L’eroe di cui non sentivamo il bisogno compie il suo ritorno con un outfit di dubbio gusto e del facepaint che richiama le crepe dei suoi mille specchi. Il povero Apollo Crews si infortuna (work?) appena il match è cominciato e per Mojo è facilissimo sovrastarlo con qualche colpo assortito e una Alabama Slam. Ha la gimmick del portasfiga?
Winner: Mojo Rawley via pinfall.

Strano dialogo nel backstage fra Alexa Bliss e… Nikki Cross: quest’ultima sembra interessarsi molto della Dea, che afferma di aver perso la valigia contenente tutti i propri vestiti. La Twisted Sister, invece, pare davvero dolce e affabile nei confronti di Alexa: quest’ultima le dice che avrebbe un match per stasera, e Nikki si offre praticamente di sostituirla: la Bliss, manco a dirlo, accetta di buon grado. Che cosa bolle in pentola??

Michael Cole, che ormai è evidentemente il cerimoniere della WWE, è al centro del quadrato per presiedere la firma dei contratti relativi ai due match di Becky Two Belts a Money in the Bank: la nostra Champ Champ dovrà difatti difendere entrambe le cinture contro Lacey Evans (Raw) e, ovviamente, l’immancabile Charlotte Flair (SmackDown). Tutte e tre sono sul ring: l’irlandese ha male parole per entrambe, arrivando a definire ironicamente Lacey e Charlotte “sorelle gemelle”. Lei le batterà entrambe, possono starne certe. La Flair resta umile, limitandosi a dire che Becky non impara mai e che domenica perderà, mentre la Sassy Southern Belle annuisce in modo molto sofisticato.
(Dio mio, quanto è bella Lacey Evans?)
Becky non vuole starle a sentire: “Io ho fatto la storia che pensi ti appartenga di diritto”, dice rivolta a Charlotte, e passa poi a firmare i contratti proseguendo il trash talking diretto alle avversarie. L’eterna rivale Flair ha un’ultima chiosa: “Sarà bello vedere come tutto quello che non sei in grado di reggere ti crollerà addosso. Il tuo orgoglio ti costerà caro”. Lacey, d’altro canto, continua ad annuire e aggiunge che Becky non può battere due donne di classe come lei e Charlotte.
Parte, ovviamente, il rissone megagalattico: Becky finisce con l’essere sovrastata dalle due avversarie, che fanno comunella e schiantano il Champ Champ sul canonico tavolo da contract signing con una doppia Powerbomb, posando poi coi rispettivi titoli da conquistare.

3) Single match: Baron Corbin vs Ricochet 3 out of 5 stars (3 / 5)
Dieci bei minuti. Il Principe del Cielo parte come sempre a spron battuto, trovando un vantaggio con mosse veloci che però vengono annullate da una Clothesline di Corbin. Il divario fisico è evidente, ma Rico tiene botta e connette un Crossbody. Baron risponde con la Deep Six, che però vale solo il conto di due: il One and Only evita la End of Days trasformandola in una DDT, poi altri colpi ed infine una Frankensteiner seguita da una Shooting Star Press in corsa… ma è solo due!
Ricochet sembra in controllo totale adesso, ma Corbin tira fuori un coniglio dal cilindro clamoroso e connette la sua End of Days in una versione tilt-a-whirl. Chapeau.
Winner: Baron Corbin via pinfall.

Baron si pavoneggia un po’ troppo a fine match: nel tentativo di posare in cima ad una scala prevedendo la sua vittoria nel Money in the Bank, l’ex General Manager di Raw finisce con l’essere buttato a terra proprio da Ricochet.
Nel backstage, intanto, Rey Mysterio ha un alterco con Cesaro, il quale sostiene che il figlio del lottatore mascherato, Dominic, è più simile a Samoa Joe che a Rey stesso. Il messicano non la prende molto bene. A me scende la lacrimuccia pensando tre sole parole: I’M YOUR PAPIIIIIIII.
Ancora una pillola dal dietro le quinte per noi, con AJ Styles che promette di battere Seth Rollins questa domenica. Giù le mani dal signor Lynch, mister Phenomenal One!

4) Fatal Four Way: Natalya vs Dana Brooke vs Naomi vs Nikki Cross 3 out of 5 stars (3 / 5)
Quindi, Nikki Cross sostituisce davvero Alexa Bliss, che si accomoda al tavolo di commento: interessante.
Tutte e tre le partecipanti hanno spazio per mettersi in mostra: Nikki intrappola Nattie nel telone dell’apron ring e la randella, Naomi vola, Natalya a sua volta sciorina sottomissioni, Naomi vola ancora e Dana… beh, Dana Brooke prende una scala, sale fino in cima e si getta con un Crossbody su tutte le sue avversarie. Cosa dire?
Dana vorrebbe fare ancora la voce grossa, ma Natalya non ci sta e randella sia lei che Naomi: restano la canadese e Nikki Cross, che riesce a connettere la sua Purge (Twisting Neckbreaker) e a vincere il match!
Winner: Nikki Cross via pinfall.

A fine match, Nikki aiuta Alexa a prendere una scala e a posare nei pressi della valigetta che già vinse l’anno scorso. Dite quello che volete, ma quest’accoppiata mi piace davvero tanto.
Sami Zayn, intanto, ci informa che sui social network non gli viene data alcuna possibilità contro Strowman: il canadese di origini mediorientali sostiene che la gente vorrebbe proiettare su di lui i propri fallimenti, ma a questo giro sa di combattere per un motivo importante e promette a Braun che vincerà, in un modo o nell’altro… ma vincerà.

5) Single match: Cesaro vs Rey Mysterio 3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)
Tolto il fatto che Cesaro continua ad usare la theme song di Sheamus… poteva davvero venire fuori brutto quest’incontro?
Le fasi iniziali sono un assolo dello svizzero, che chiude una dimostrazione del suo sterminato repertorio con un Suplex dall’esterno all’interno del ring aiutandosi con una sola mano: solo conto di due. Rey trova qualche buona mossa successivamente, ma finisce vittima dello Swing di Cesaro, che poi vorrebbe compiere il massimo dell’usurpazione e mette nel mirino Mysterio per colpirlo con la Swiss-One-Nine. Rey evita, ottiene un conto di due subito dopo una Senton ma quando prova la Frog Splash è vittima di un Uppercut… che però si ferma al due! Cesaro è incredulo, prova la Neutralizer… ma Rey è lesto a trovare lo spazio per ribaltare il tutto e condensare la sua vittoria in tre parole: Huracanrana, 619 e splash.
Winner: Rey Mysterio via pinfall.

Revival, poveri diavoli, ce l’hanno a morte con gli Uso’s per le loro continue umiliazioni… ma i giochi sono finiti: i Top Guys sfidano i gemelli samoani ad un match. Chi vivrà, vedrà.
Intanto, è il momento della magica Firefly Fun House gestita da Bray Wyatt in persona… e abbiamo già una piacevole sorpresa: assieme ad Abby the WitchMercy the Buzzard è tornato Rambling Rabbit, direttamente dallo stomaco di Mercy direi. Bray dice di avere un segreto per noi; i suoi pupazzi del demonio gli dicono di sbrigarsi a rivelarlo. L’ex leader della Family ci rivela di aver imparato come controllare la propria rabbia: la musichetta della Funhouse sembra soffrire qualche interferenza, tutto diventa improvvisamente demoniaco e tetro mentre si continua a sentire, in sottofondo, una voce: “Let me in”… all’improvviso, accolto da un pop micidiale del pubblico, appare questo:

Il tutto si conclude come nelle più belle puntate a cui la Funhouse ci ha abituati: “Yowie… Wowie…”. Masked Bray Wyatt, signore e signori. Sento puzza di capolavoro.

Seth Rollins prova a riportarci sulla terra dopo cotanta meraviglia, rispondendo alla precedente intervista di AJ Styles e promettendo che domenica dimostrerà come mai questo è il suo business, la sua casa.

6) Falls Count Anywhere – if Sami Zayn wins, he takes Strowman’s spot in the MITB Ladder Match: Braun Strowman vs Sami Zayn 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)
Sì, adoro scrivere le stipulazioni in inglese anche se il sito è italiano.
Detto questo, Sami sembra andare incontro ad una lunghissima agonia che però viene interrotta poco dopo le prime fasi iniziali, quando lui e Braun sono in mezzo al pubblico: Baron Corbin interviene nel tentativo di danneggiare Strowman e ci riesce, ma Sami ottiene solo dei conti di due dopo che Corbin ha aggredito il Mostro con… un bidone della spazzatura! Che altro?
Strowman si riprende e “castiga” Baron Corbin per poi mettersi ad inseguire ancora Zayn, che si ritrova faccia a faccia con l’ex membro della Wyatt Family: a salvare capra e cavoli arriva però Drew McIntyre. Lo Scottish Psychopath uccide Strowman con una craniata e una DDT con atterramento su di una sedia, ma Braun non si vuole dare per vinto: la superiorità numerica degli avversari, però, a lungo andare lo sfianca. L’azione si è intanto portata sullo stage, dove ci sono scale a non finire: Strowman riesce a seppellire Zayn sotto una pila di esse, ma non può fare nulla contro il ritorno di Corbin e Drew che lo schiantano su una scala con un doppio suplex. Segue una Claymore, tanto per gradire: a questo punto, il cadavere di Sami viene trascinato sopra quello di Braun e aiutato nello schienamento sia da Baron che da Drew, che tornano quindi a collaborare (?) e fanno fuori Strowman dal MITB.
Winner: Sami Zayn via pinfall di gruppo.

Sul finale, il colpo di scena: Baron Corbin getta Sami Zayn nelle fauci di Strowman, che gli perpetra altra violenza gratuita e lo schianta con una Chokeslam sul tavolo dei commentatori. ALLEGRIA!

Noi ci vediamo settimana prossima amici: Money in the Bank è dietro l’angolo!
PP

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dei match
6,5
Qualità dei promo
6
Evoluzione delle storyline
6,5
Avatar
Classe 1996, laureato in Lettere Moderne. I report di Raw sono il romanzo dei miei martedì mattina. A volte è il peggior Manzoni, a volte è Irvine Welsh, altre semplicemente Fabio Volo. Legato da un rapporto amore/odio con la WWE, coltivo il sogno di vedere Adam Cole e tutta l'Undisputed Era sul tetto del mondo. Mi piace proprio tanto immaginare.