Un cordiale saluto da ChristiaNexus che vi dà il benvenuto ad una nuova puntata di Monday Night RRRRRRRRAW! Dopo un filmato che riassume quanto accaduto settimana scorsa in occasione della firma del contratto tra Dean Ambrose, Roman Reigns e Brock Lesnar, nonché la sfida lanciata a questi da Ambrose, da Anaheim in California, inizia la puntata con l’Unstable della WWE che entra e, una volta giunto sul ring, ci ricorda che domenica affronterà la battaglia più importante della propria vita. Alcuni l’hanno ribattezzata fratello contro fratello contro la bestia, ovvero Roman Reigns contro Dean Ambrose contro Brock Lesnar. Ma questo scontro avverrà domenica, per ora è lunedì e c’è Raw. Da bambino ha capito che quando il gioco si fa duro bisogna ricorrere a tutti i mezzi possibili per farce, a prescindere dalla loro correttezza. E’ quello che ha fatto settimana scorsa e, a causa di ciò, Lesnar sarà furioso e vorrà vendetta. Ora, è vero che si trovano nella soleggiata California ma ha visto le previsioni del tempo e un tornado F5 sta per arrivare in città. Ambrose, però, sarà in cima al tornado e, perciò, invita Lesnar a salire sul ring. Risuona una musica nell’arena, ma non è la theme song della Bestia, bensì quella di Stephanie McMahon che si presenta sullo stage (decisamente più gradevole alla vista, lasciatemelo dire).

L’azionista della WWE ribadisce di non essere ciò che Dean si aspettava e gli rinfaccia di non aver portato a termine quanto iniziato settimana scorsa contro Lesna e che ha avuto bisogno di Reigns per sferrargli un semplice colpo basso. Stephanie si chiede cosa sarebbe successo se non questi non fosse giunto sul ring ad aiutarlo e aggiunge che lo si scoprirà domenica quando avrà l’occasione della vita, quella di vincere per affrontare Triple H nel main event di WrestleMania per il titolo WWE. Dean dice che sta iniziando a raffreddarsi ma Stephanie gli garantisce che combatterà avrà il desiderato F5…ma non come lo intende lui. Infatti, la moglie di Triple H sancisce un raro Fatal 5 Way in cui Ambrose difenderà il titolo Intercontinentale e aggiunge che se Reigns giungerà ad aiutarlo, lo stesso Ambrose sarà rimosso dal main event di Fast Lane, sottolineando come la cosa potrebbe convenire all’ex Muscle dello Shield. Il match inizia subito e vedrà partecipare Kevin Owens, Stardust, Tyler Breeze (senza codino) e Dolph Ziggler. I nomi coinvolti sono di ottimo livello, potrebbe uscirne una contesa coi fiocchi. Si va in pubblicità e si comincia.

Fatal 5 way per il Titolo Intercontinentale: Dean Ambrose (c) VS Kevin Owens VS Stardust VS Tyler Breeze VS Dolph Ziggler (4,5 / 5)

Si inizia con un rissone di gruppo all’insegna della confusione, Sul ring restano Stardust e Tyler Breeze che chiudono Dean Ambrose all’angolo e poi continuano a infierire su di lui costringendolo alle corde mentre, fuori dal ring, Owens e Ziggler rinnovano la propria rivalità. Ambrose getta Breeze fuori dal ring e si concentra su Stardust che si becca una serie di pungni all’angolo. Il campione esegue un’irish whip verso l’altro angolo, sferra una gomitata, una bodyslam e sale sul paletto per buttarsi con un missile dropkick. Owens sale sul ring e colpisce Ambrose con una clothesline, un pestone e una serie di pugni, per poi tentare, vanamente, lo schienamento pin. Il canadese chiude l’avversario all’angolo e lo colpisce con una chop e un pugno, esegue un’irish whip verso l’angolo opposto ma Dean reagisce con una serie di pugni e costringe all’angolo l’avversario. Owens però riprende il controllo e lo colpisce con diversi pestoni per poi portarlo all’angolo opposto; Ambrose sferra un calcio e dopo essersi sbarazzato di Owens si becca un dropkick di Ziggler che porta avanti l’offensiva con lo splash all’angolo e una neckbreaker, per poi provare a schienare il campione. Ambrose riprende il controllo e si sbarazza dello Show Off ma tornano Stardust e poi Breeze che si becca una clothesline di Owens e una powerbomb che lo lancia direttamente fuori dal ring su Stardust e Dolph Ziggler. Owens tenta poi la pop-up powerbomb su Ambrose che la evita ed esegue il suicide dive sugli altri lottatori. Tornato sul ring, connette con una neckbereaker su Owens, seguita dal diving elbow drop. Tenta il pin ma viene interrotto da Stardust che si becca un calcio di Breeze. Dopo la pubblicità, Ambrose è alle prese con Stardust al quale sferra pugni e chop, due forearm smash e un terzo colpo con l’avambraccio all’angolo, seguito da un bulldog. Sale sull’angolo ma viene raggiunto da Stardust che tenta, senza successo, un superplex. Viene emulato da Breeze ma Ambrose evita i danni, momentaneamente perché si becca poi la facebuster di Ziggler dal paletto. Questi subisce il Beautiful Disaster kick di Stardust che prova a rifarlo su Owens ma questi lo evita e lo colpisce con un superkick, per poi provare a chienare Dean Ambrose. Gli avversari sono tutti rannicchiati all’angolo; è un invito a nozze per Kevin Owens che eseguela cannonball su tre di loro per poi beccarsi il Super Model Kick e la Beauty Shot di Tyler Breeze. Sono pronto ad esultare per una sorprendente vittoria del “Gorgeous One” ma il pin viene interrotto dagli altri quattro lottatori. Breeze tenta l’Unprettier su Dean Ambrose ma questi lo lancia fuori dal ring e ribalta l’offensiva di Stardust e sul quale esegue la Dirty Deeds e, contemporaneamente, Dolph Ziggler esegue su Ambrose la Zig-Zag. Breeze prova ad approfittarne ma si becca la pop-up powerbomb di Kevin Owens che, così, vince il match e riconquista il Titolo Intercontinentale.

Vincitore e nuovo Campione Intercontinentale: Kevin Owens

Owens festeggia e abbraccia il titolo e ci viene mostrato il replay delle fasi finali dell’incontro, mentre Ambrose è seduto sconsolato sul ring. Vengono annunciati sia un altro match tra AJ Styles e The Miz, dopo il precedente avvenuto due settimane fa a Smackdown, che un’intervista esclusiva a Brie Bella.

Al ritorno dalla pausa pubblicitaria, dopo un altro replay, la radiosa Renee Young ferma Dean Ambrose nel backstage, chiedendogli se sia scioccato per quanto accaduto. Ambrose non è scioccato ma arrabbiato e frustrato per avere perso il titolo. Tuttavia, aggiunge che un saggio disse che. quando si perde qualcosa, si è pronti ad avere qualcosa di più grande, non ricordando se si trattasse di Gandhi o di qualcun altro. L’Autorithy lo motiva ancora di più a vincere a Fast Lane e a laurearsi campione a WrestleMania dove non avrà nulla da perdere, a differenza di Triple H.

I commentatori americani sembrano sconvolti dall’incontro da poco conclusasi ma si torna dalla canadese al cui microfono c’è il connazionale Kevin Owens che le chiede di ribadire che egli avesse ragione nell’aver detto più volte che avrebbe rivinto il “proprio” titolo Intercontinentale ma arriva Dolph Ziggler a “congratularsi”. Owens gli chiede di togliersi dalle scatole ma Ziggler si propone come sfidante per il titolo a Fast Lane, anche allla luce dei precedenti incontri. Owens risponde con un laconico no e si allontana.

E’ un giorno nuovo in California; in altre parole, è tempo per il New Day.

Ci si viene mostrato lo “scontro” musicale tra New Day, da un alto e Chrisitan ed Edge dall’altro, andato in scena lo scorso settembre, e viene annunciata una nuova edizione del Cutting Edge Peep Show, andato in onda per la prima volta durante l’ultima puntata di Raw del 2014 (da me raccontata, altrimenti col cavolo che me lo sarei ricordato) in cui gli ospiti saranno proprio i Campioni di Coppia (no, mica è per pubblicizzare il loro show che andrà in onda dopo il ppv sul WWE Network, assolutamente no).

Kofi invita tutti alla calma, Big E dice che l’ultima volta che hanno visto Edge e Christian si sono limtati a pulirgli il deretano e che non possono sfidare un trombone con un kazoo, che non è neanche un vero strumento. Al massimo, possono portare un registratore (compiendo gesti ambigui). Big E afferma che sia stata la cosa peggiore nella storia della musica dai tempi dell’esibizione dei Coldplay durante l’intervallo del Superbowl. Xavier Woods afferma che, domenica, i WWE Tag Team Champions (con tanto di movimento di bacino) saranno i più grandi ospiti nella storia del Cutting Edge Peep Show. Ma Big E torna a Mark Henry, egli ha ancora il dente avvelenato per essere stati abbandonati dal World’s Strongest Man. Kofi gli dice che poteva essere il più forte unicorno del mondo, ma è stato soltanto il più grosso idiota (e sto edulcorando parecchio l’originale booty hole). Mark Henry ne ha abbastanza e arriva sul ring per affrontare Big E.

Single match: Mark Henry vs Big E (2,5 / 5)

I due vanno in clinch, Big E colpisce Henry con una ginocchiata e un pugno, si lancia sulle corde ma si becca una bodyslam di Henry. I due si affrontano all’angolo e Sexual Chocolate colpisce Big E con tre testate, una delle quali in stile Junkyard Dog. Big E recupera fuori dal ring e viene inseguito da Henry, distratto da Kofi, e l’ex Intercontinental Champion torna in controllo del match. Si torna sul ring dove Big E chiude all’angolo l’avversario e lo colpisce con una serie di pestoni, accompagnati dagli sfottò del New Day. Xavier Woods inizia a suonare il trombone mentre Big E esegue due spalsh e tenta altrettanti schienamenti. Egli prova poi un’abdominal stretch ma Henry si libera con un hip toss e poi connette con due clothesline e una powerslam, Tenta il pin ma viene distratto da Woods che suona il trombone. Dopo essersene sbarazzato, colpisce Big E con un calcio. Questi si rialza e tenta la Big Ending e ma Henry sembra essersi fatto male alle costole. Big E prova a schienare l’avversario e vince il match

Vincitore Big E

Dopo la pubblicità, è il momento dell’intervista a Brie Bella che verrà condotta da Byron Saxton. Brie entra sul quadrato accompagnata dalla solita orrenda theme song ridicola, mentre vengono riproposte le parole a lei dedicate da Daniel Bryan durante il suo discorso di addio. L’arena intona i cori “Yes!” e Byron le chiede come stia Bryan, mentre partono altri cori per lui. Brie dice che settimana scorsa è stata dura per lui ma l’amore ricevuto gli ha permesso di vivere il tutto in maniera più positiva ma prima che possa continuare arrivano Charlotte e Ric Flair. Il pubbilco fischia e Charlotte dice di non volere rovinare il momento e, anzi, afferma di essere stata molto toccata dal ritiro di Daniel Bryan, il quale era di un altro livello. Brie la corregge dicendo che è ancora di un altro livello. Charlotte dice di comprendere Brie, qualora questa abbia l’intenzione di non presentarsi a Fast Lane per stare vicino al marito che ha perso tutto e che, nel caso in cui Brie non rinunciasse al match, si tratterebbe di un atto di egoismo. Ma Brie ribatte affermando di avere il supporto di Bryan, mentre Charlotte le rinfaccia di continuare a lottare perché hanno bisogno di soldi invitandola, piuttosto, a curarsi di Nikki e Daniel ed essere, così, una buona sorella e moglie. Charlotte non ha bisogno di lei come il pubblico (che, per tutta risposta, fischia la campionessa) a differenza della sorella e del marito. Brie dice che le sta permettendo di parlare solo perché comprende che ha paura di lei e che ricorre a questi giochi psicologici perché sa di essere difficile da sconfiggere, aggiungendo di essere disgustata dalla campionessa che è diventata Charlotte. Ric Flair si arrabbia ma Charlotte lo fa uscire e ribadisce a Brie di averle dato modo di non presentarsi a Fast Lane in maniera dignitosa, affermando che lei non deve curarsi di cosa è diventata ma di cosa diventerà quella faccia di capra vegana di suo marito. Brie va su tutte le furie e attacca, giustamente, Charlotte, che riesce ad uscire dal ring.

Viene annunciato che Big Show andrà contro Brawn Strowman e vengono mostrati i vari attacchi perpetrati dalla Wyatt Family nelle utlime settimane.

Sul titantron parte il conto alla rovescia che fa da preludio all’ingresso di Chris Jericho con la solita sobria giacca illuminata, pronto a sedersi al tavolo di commento per il match tra The Miz e ad AJ Styles, durante le entrate dei quali viene inquadrato Gerard Butler (il Leonida di 300, tra gli altri) seduto dietro il tavolo di commento. Miz attacca Styles prima ancora che suoni la campana, sfogando la frustrazione per il precedente scontro fra i due. L’arbitro li separa, verifica le condizioni del Phenomenal One e dà l’inizio ufficiale al match.

Single Match: The Miz vs AJ Styles (4 / 5)

AJ colpisce Miz con una gomitata ma Miz tenta di scappare. AJ esegue poi un elbow smash e una chop ma subisce una ginocchiata e un calcio in faccia di Miz. Questi, poi, sferra una serie di pugni e costringe alle corde l’avversario con il ginocchio, per poi lanciarsi contro di lui. Miz colpsice concon una ginocchiata e una chin lock ma AJ si libera con delle gomitate solo per beccarsi due neckbreaker di Miz. Altra ginocchiata altra sottomissione ma AJ ne viene fuori e prova uno school boy pin. Miz tenta di nuovo le neckbreaker in combinazione ma AJ prova un altro schienamento a sorpresa. AJ sferra un paio di colpi pesanti ma The Miz lo getta fuori dal ring e lo colpisce con una dropkick tra le corde. Miz va fuori dal ring e riserva qualche parola a Jericho che si alza dal tavolo di commento ma The Phenomenal One lo colpisce con un flying forearm dai gradoni d’acciaio. Si va in pubblicità e al ritorno Miz è sul paletto dal quale colpisce AJ Styles con un double axe handle, per poi chiuderlo in un’altra chin lock dalla quale l’avversario si libera con una chinbreaker e poi evita il back suplex. Styles ora sferra un’offensiva dilagante con un calcio unaclothsieline, una gomitata, uno snapmare e running forearm, una clothesline all’angolo per poi chiudere la serie con una pumphandle gut buster dritta sul ginocchio, seguita da un tentativo vano di pin. Miz si libera e sferra un calcio sotto il ginocchio e un ddt, ottenendo poi solo un conto di due. Miz chiama la skull crychi finale ma styles si libera e tenta un altro pin seguito da una combo di calci. Altro tentativo di pin di Miz ma AJ si libera e connette col Pelè kick per poi salire sulle corde dove viene raggiunto da Miz che tenta un superplex ma AJ scende e, dopo uno scambio veloce, finisce sull’apron per eseguire il classico e meraviglioso springboard forearm. Miz si rialza ed esegue la Skull Crushing Finale ma non è sufficiente per ottenere il tre. Miz sfoga la frustrazione su un aj chiuso all’angolo ma che ha la lucidità necessaria per chiudere l’avversario nella calf killer/crusher e aggiudicarsi l’incontro.

Vincitore: AJ Styles

AJ festeggia e, dopo il replay, Chris Jerihco prende un microfono e sale sull’apron, dicendo che è stata una grande performance ma Styles lo zittisce. Egli sa cosa vuole Jericho, che ha vinto a Smackdown ma che continua a mangiarsi il fegato per essere stato battuto da AJ Styles in occasione del suo debutto. Per cui, gli fa un favore e lo sfida a Fast Lane per il terzo match della serie fra i due. Jericho ritiene che sia un’idea fenomenale ma non è sicuro di volerlo affrontare, dovrà pensarci e risponderà a Smackdown (cosa non si fa per tenere in sospeso fare salire gli ascolti).

Dopo la pubblicità, entrano i Dudley Boyz, freschi di turn heel ai danni degli Usos, che fanno finta di voler prendere un tavolo ma lo ripongono immediatamente sotto il ring. Bubba Ray schernisce il pubblico, che pensava che prendessero realmente il tavolo, e chiama gli Usos a venire fuori dal backstage, invitando il pubblico a incitarli. Ma, ops, probabilmente non ce la fanno a uscire a causa del pestaggio subito settimana scorsa, che viene fato rivedere sugli schermi. Devon afferma che gli Usos, come gli spettatori, del resto, pensavano che i Dudley Boyz fossero tornati in WWE dopo dieci anni per essere buoni e nostalgici prima del definitivo tramonto, ma si sbagliavano. Loro non sono qui per un tour d’addio e per vivere della gloria passata, sono ancora il tag team più cattivo del pianeta. Bubba dice a chi non hanno visto Smackdown che i tavoli sono andati via per sempre, ma possono sempre rivedere il meglio dei Dudleyz (with the z, cit.) sul Network. Son 9 volte campioni di coppia, è questo che dà valore alla loro carriera, non i tavoli e, per quanto riguarda i cori “wW want tables”, beh, se ne fregano, come di qualunque coro possa intonare il pubblico.Testify, dice Devon, e i due lasciano il quadrato.

Prima della pubblicità, vediamo Paige nel backstage (wow, ho fatto la rima) e, al ritorno dalla pausa, troviamo Summer Rae sul ring per combattere, cosa che non accadeva da mesi, ed entra la sua vecchia rivale in quel di NXT.

Single Match: Paige vs Summer Rae (3 / 5)

Summer invita Paige ad attaccare e la provoca spintonandola, Paige casca nella provocazione e viene chiusa in uno schienamento dal quale si libera, esegue due arm drag e mette al tappeto l’avversaria. Sferra poi un calcio ed esegue un takedown, seguiti da una ginocchiata, per poi iniziare a lavorare al braccio sinistro di Summer Rae, per poi colpirla con una serie di ginocchiate sull’apron. Summer, però, connette con un high heel kick seguito da due legdrop e costringe Paige alle corde e poi all’angolo, sfruttando le lunghe leve. Tenta un pin ma è solo due. Chiude Paige in una sottomissione ma la nativa di Norwich si libera e colpisce con una serie di calci seguita di un running high knee all’angolo e un’altra ginocchiata sull’avvesaria seduta tappeto, tenta il pin ma è solo due. Paige allora, sembra pronta a volere chiudere l’avversaria nella PTO ma Summer la sorprende e la schiena, per lo stupore del pubblico. It’s Summer in Anaheim!

Vincitrice: Summer Rae

Per un attimo sono tornato al 2012/2013, quando le due lottatrici si affrontavano continuamente ad NXT (anche se la theme di Summer ai tempi era molto più bella) ma, tornati al presente, i commentatori espongono i vantaggi economici forniti dal WWE Network riguardo la visione di Fast Lane con una tecnica degna del miglior Giorgio Mastrota e di Roberto Da Crema. Viene poi inquadrato Paul Heyman mentre la grafica ci ricorda che Brock Lesnar sarà a Smackdown.

Paul Heyman è sul ring e, come al solite,si presenta come il rappresentante legale del prossimo Undisputed WWE Heavyweight Champion of the World, Brock Lesnar. Egli lo dice con molta sicurezza e aggiunge che domenica il Network offrirà la visione del più importante triple threat di sempre , un match dal quale la bestia verrà fuori vittoriosa e andrà nel main event di WrestleMania per sfidare Triple H per il titolo. Egli, però, non vuole passare i prossimi minuti a farsi osservare da Reigns attraverso un monitor, ma lo invita a raggiungerlo per parlagli a quattr’occhi. Reigns non tarda a farci godere (o forse no) della propria presenza e raggiunge l’ex Voice of the Voice of the Voiceless sul quadrato.

Roman Reigns guarda con fare bramoso il logo di WrestleMania campeggiante in alto. Heyman lo ringrazia e gli stringe la mano affermando che, una volta che gli avrà detto in faccia ciò che pensa, nessuno potrà dargli dell’irrispettoso Lui rispetta Reigns e, detto questo, afferma che, domenica sera, Lesnar non potrà essere battuto né da lui, né da Ambrose e neanche da loro due insieme. Ciò lo porta al punto della questione; l’obiettivo do Reigns è vincere domenica e andare a WrestleMania per battere Triple H e rivincere il Titolo per dire alla moglie e alla figlia che ce l’ha fatta. Brock Lesnar è l’ostacolo per realizzare tale obiettivo ma anche Dean lo è e, quindi, deve scegliere tra la figlia e il migliore amico, poiché non può mantenere la promessa fatta alla figlia e, al tempo stesso, l’amicizia con Ambrose. D’altronde chi preferisce l’amicizia alla famiglia finisce in tribunale a discutere il divorzio mentre e chi preferisce la famigli sieda da solo nel backstage ma, potenzialmente, sta da solo anche sul ring a WrestleMania con i fuochi d’artificio e il titolo di Campione in mano. Reigns si congratula con Heyman e lo ringrazia per avergli rinfrescato la mente e per avergli detto ciò che pensa, una dote rara, di questi tempi. Ma egli ha fatto la propria scelta tempo fa e ne paga il peso ogni sera, Ambrose lo sa e perciò non ci sono problemi tra loro che si sono già affrontati in passato in incontri che hanno visto Reigns prevalere. Tuttavia, questi non ha battuto Lesnar, anche se lo ha malmenato. A Fast Lane, è tutto in palio e, in qualche modo, vincerà e andrà a WrestleMania per vincere il titolo. I due si stringono nuovamente la mano ed Heyman lascia il ring ma, dal nulla, i Dudleyz attaccano Reigns da dietro (stavolta è questi a pagare la parentela con gli Usos, e non il contrario). Reigns prova a reagire ma l’inferiorità numerica si fa sentire, arriva però Dean Ambrose a togliere le castagne dal fuoco all’amico di sempre e, insieme, riescono a fare piazza pulita dei Dudleyz. I due si abbracciano ma, inaspettatamente, Ambrose prova a fare la Dirty Deeds a Reigns, e gli fa intendere che non si farà problemi a fare ciò che è necessario per arrivare a Wrestlemania, i due si sorridono a vicenda e continuano a guardarsi l’un l’altro con molto sospetto.

Viene annunciato un premio intitolato a Vince McMahon Sr. che verrà consegnato la prossima settimana e vengono mostrati gli attacchi dei Wyatt.

Tornati dalla pubblicità abbiamo Zack Ryder sul ring che affronterà the One man baaaaaaaaaaaand (babyyyyyyyyyy) Heath Slater, accompagnato dai Social Outcasts. Viene mandato in onda un promo in cui i quattro si paragonano ai dream team della NBA.

Single Match: Heath Slater Vs Zack Ryder (1 / 5)

Clinch fra i due, Heath spinge l’avversario all’angolo e lo provoca per poi lasciare il ring per un prematuro giro della vittoria. Tornato sul quadrato, però si becca un dropkick e una spallata, Heath tenta un arm drag ma si prende un clothesline. Heath prova a tornare in controllo ma si becca una doppia ginocchiata, un missile dorpkick, un forearm smash e il Broski boot, tenta il pin ma è solo due. Slater esce dal ring e Zack esegue una springboard over the top rope senton su tutti e quattro i reietti ma, tornato sul ring, una distrazione egli fa subire unhigh heel kick e un ddt di Slater che permettono a questi di vincere il match.

Vincitore: Heath Slater

Gli Outcast festeggiano e, subito dopo, viene mostrato un appuntamento galante di R.Truth che viene rovinato da Goldust il quale rovescia una bottiglia sulla compagna del rapper.

Al ritorno dalla pubblicità viene ufficializzata la sfida a Fast Lane tra Kevin Owens e Dolph Ziggler per il Titolo Intercontinentale. Dopo di che, entrano i Lucha Dragons, Neville e i loro avversari, la League of Nations con tanto di ritorno di Sheamus, mentre viene annucniato che il Titolo degli Stati Uniti sarà difeso da Kalisto contro Alberto Del Rio nel kickoff dell’imminente PPV WWE.

6 Man Tag Team Match: League Of Nations (Sheamus, Alberto Del Rio, Rusev con Wade Barrett) vs Lucha Dragons (Kalisto e Sin Cara) e Neville (3 / 5)

Inizano il match Rusev e Kalisto, mentre Del Rio risalda la folla a suon di “Sì!”. Rusev tenta di chiudere in clinch Kalisto il quale evita ma poi finisce all’angolo; Kalisto sferra due low kick ma Ruse con una ginocchia lo mette al tappeto ma questi, una volta rialzatosi, getta Rusev fuori dal ring con una headscissor. Interviene Del Rio che fa volare Kalisto fuori dal ring per poi beccarsi un dropkick di Sin Cara, lanciato poi sull’apron da Shemaus che, a propria volta, finisce fuori dal ring e i tre high flyer volano fuori dal ring sugli avversari. Tornati dalla pubblicità, Rusev è in controllo su Kalisto che viene scaraventato fuori dal ring e poi Del Rio lo lancia sulle barriere che separano il ring dal pubblico. Entra Sheamus che colpisce più volte Kalisto al tappeto e poi lo lancia sulle corde dove Del Rio lo fa finier di nuovo fuori dal ring, dove Sheamus sferra una serie di pugni e poi tenta un suplex ma kalisto si libera con un ddt. Entrano Sin cara e Del Rio e l’ex Hunico sfodera un enziguri, un flying headbutt, un headscissor su del rio, un low kick una chop, un low/basement dropkick e, infine, uno springboard moonsault, per poi ottenere un conto di due. Neville, Sheamus, Rusev e Kalisto si fanno fuori a vicenda mentre Sin Cara esgue un suicide dive su Del rio. Barrett distrae il messicano che si becca l’enziguri di Del Rio e il double foot stomp, dopo essere rimasto incastrato tra le corde.

Vincitori: League Of Nations

Viene celebrato il black history month e viene mostrato un video di Becky infastidita e poi attaccata da Naomi e Tamina all’arrivo presso l’arena.

Nel backstage vengono inquadrati i membri della Leage Of Nation e giunge Renee Young a chiedere ad Alberto Del Rio se si sente più sicuro per Fast Lane. Questi risponde che Kalisto ha avuto fortuna ed è diventato campione solo perché glielo ha permesso. Ma per essere un vero campione, non basta essere fortunati, ed è per questo che sfida Kalisto ad un 2 out of 3 falls match, un incontro al meglio delle tre cadute.

Entra Becky Lynch e poi Naomi, accompagnata da Tamina.

Single Match: Becky Lynch vs Naomi (con Tamina) (1 / 5)

Becky connette con una serie di forearm e calci e poi esegue un pumphandle suplex.Naomi esce dal ring e sembra riprendersi dall’assalto furioso e colpisce Becky sull’apron con un calcio e poi sferra una serie di calci al centro del ring, chiudendola con un enziguri. Poi esegue un legdrop e tenta lo schienamento ma è solo due. Chiude poi l’avversaria in una sottomissione ma Becky si libera ed evita sia il bulldog che gli effetti negativi della distrazione di Tamina e chiude Naomi nella Disarmer, vincendo.

Vincitrice: Becky Lynch

L’irlandese viene attaccata da Tamina e poi dalla rediviva Naomi, finché non intervine Sasha Banks ad allontanare, sia pur con molta calma, le ex compagne nel Team BAD.

E’ poi giunto il momento del main event; entra la Wyatt Family e Harpee esordisce dicendo che tutti hanno una scelta, svegliarsi dal torpore della società moderna o chiedere pietà. Rowan dice che, senza di loro, non c’è speranza per nessuno. A questo punto, subentra il leader della Family il quale afferma che i propri discepoli stanno dicendo la verità, egli può donare la libertà da questo mondo destinato a morire, questo mondo che altro non è se non schiavitù. La libertà è racchiusa in un dipinto fatto di bei colori e Bray Wyatt aggiunge poi come tutti controllino se i propri follower condividano il proprio dolore. Ebbene, i seguaci di Bray Wyatt lo seguiranno tra le fiamme dell’Apocalisse e, insieme, distruggeranno il sistema su cui si basa la società moderna. Egli offre il paradiso e, in cambio,chiede solo di inchinarsi a lui, ripetendolo più volte, e chiede alle persone di prendere consapevolezza della pupazzata in cui vivono e di dire ai propri cari di fare una scelta perché, altrimenti, sarà lui ad essere costretto a farla, come ha fatto per Kane e Ryback e come Strowman farà per Big Show tra poco. La pecora nera della Wyatt Family intima di svegliarsi o di scappare. Risuona Crank It Up ed entra Big Show

Single Match: Big Show vs Braun Strowman (1 / 5)

I due si guardano in cagnesco prima di avviare l’offensiva, tanto che l’arbitro li invita a scontrarsi. I due vanno in clinch ma nessuno riesce a prevalere. Altro clinch e, stavolta, Strowman esegue una ginocchiata e dei pugni, chiudendo Big Show all’angolo. Questi reagisce e costringe a sua volta l’avversiario all’angolo ma Strowman si libera e e manda al tappeto il gigante con una clothesline. Big Show subisce diversi colpi e, dopo un elbow drop, Strowman tenta vanamente il pin, rialza il gigante e tenta un suplex ma ad eseguirlo è Big Show. Rowan entra sul ring ma si becca una spear mentre Harper riesce a colpisce il gigante e fa scattare la squalifica.

Vincitore: Big Show per squalifica

La Family si getta sul gigante ma entra Ryback che metta al tappeto Rowan e Harper ma poi subisce il ritorno della Family, che lo stana ancora una volta. I quattro paletti si infiamamano e spunta Kane da sotto il ring (trovata originale) e lo scontro si accende, i tre giganti buoni fanno piazza pulita della Family e Harper subisce persino una double chokeslam da parte degli ex compagni e Campioni di Coppia. La Wyatt Family batte in rititrata e Kane fa spuntare le fiamma all’inzio dela rampa , facendo capire che per loro non vi sia alcuna via di scampo. Viene annunciato che Big Show sarà ospite del podcast di Stone Cold Steve Austin e si chiude la puntata.

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dei promo
7.5
Qualità dei match
8
Evoluzione delle storyline
7.5
ChristiaNexus
Cercatore di notizie nonché, occasionalmente, editorialista, reporter e co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno". Appassionato di wrestling di lunga data che odia l'ipocrisia e l'apriorismo sterile. Il suo compito è portare avanti l'opera di salvezza intellettuale avviata da Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, a costo di passare per grammar nazi. Segue, in un'ottica dialettico-inclusiva, tante federazioni, dalla WWE alla PWG, passando per TNA, ROH, NJPW, NOAH e Lucha Underground. Il Nexus, Christian, CM Punk, Daniel Bryan, Seth Rollins, Bray Wyatt, Undertaker, The Brian Kendrick e, ovviamente, Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, sono tra i suoi lottatori preferiti, senza dimenticare AJ Styles, Chris Hero, "Broken" Matt Hardy, il Bullet Club, i War Machine, Pentagon Jr, Minoru Suzuki, Satoshi Kojima, Tomohiro Ishii e Togi Makabe.