Popolo di Zona Wrestling!
Qui per voi è Paolo Palermo, come sempre pronto a raccontarvi i fatti avvenuti nell’ultima puntata di Monday Night War direttamente dal proprio quartier generale di Genova, accompagnato dalla pioggia primaverile e ancora scosso dalla lunga ed alcolica maratona di Chianti e carne grigliata di ieri.

Ma qui non c’è tempo per indugiare nei cibi passati: il menù è ricco come al solito, e sopratutto è la prima puntata dello show rosso con il nuovo roster al completo. Vedremo che cosa ci aspetta… prima, però, Triple H fa il suo ingresso nell’arena seguito a ruota dal nostro Universal Champion, Seth Rollins.
Il campione è l’idolo di casa, visto che siamo in Iowa (suo stato natale e hometown anche degli Slipknot, che è sempre bene ricordarlo): i due si stringono la mano e HHH dice che Seth ce l’ha fatta, ha dismesso i panni del King Slayer per vestire quelli del Conquistatore di Bestie. Ora, però, Seth deve sapere che ha un mirino puntato sulla schiena: ci sono nuovi volti a Raw; per questo sono stati indetti due Triple Threat match per stasera. I rispettivi vincitori, quindi, dovranno affrontarsi ancora una volta durante questa puntata per determinare il primo sfidante di Seth Rollins in vista di Money in the Bank, che si terrà a maggio.
Gli uomini che si giocheranno quest’opportunità cominciano ad arrivare l’uno dopo l’altro: si comincia con l’ultimissimo acquisto di Raw, Samoa Joe (attuale US Champion, che afferma di voler seguire il trend di Becky Lynch per quanto riguarda l’avere due cinture), poi Rey MysterioDrew McIntyreThe MizBaron Corbin e… il Fenomenale, il Capo Cantiere (once capo cantiere, always capo cantiere), l’unico ed inimitabile AJ Styles. Tutti hanno una ragione più che valida per puntare al titolo di Seth, che resta al centro del quadrato affermando che lui è Seth Freakin’ Rollins e che li raderà al suolo, parola di campione.

Scopriamo già gli schieramenti dei due TT: il primo comincia proprio ora e vede protagonisti Styles, Rey e Joe, tutti e tre accomunati dall’essere arrivati a Raw tramite l’ultimo Shake-up.

1) Triple Threat n°1 contender qualifying match: Samoa Joe (c) vs Rey Mysterio vs AJ Styles 4 out of 5 stars (4 / 5)
Match frizzantissimo con parecchi tentativi di schienamento già nella prima parte; Samoa Joe sugli scudi riesce a contenere Mysterio ma patisce un po’ di più con il vecchio rivale Styles, che come al solito non sfigura nella sua “prima” a Raw. Il campione degli Stati Uniti vuole a tutti i costi quest’opportunità e riesce addirittura a schiantare a terra entrambi gli avversari con un doppio Superplex, ma non ci sono vittime definitive. Crucifix Bomb di Mysterio poi su Joe, ma Styles salva: il messicano si riprende e sta per connettere la 619 su Joe, ma viene catturato nella Coquina Clutch. Ce n’è anche per Styles, che però reversa la presa di Joe colpendolo in seguito con il Pelè Kick: sale in cattedra il Phenomenal One adesso, che attende Rey colpisca Joe con la 619 per rifilare una Powerbomb al messicano, poi un’altra utilizzando il buon Samoa come pista d’atterraggio. Il trucchetto funziona: AJ effettua la Styles Clash su Mysterio facendolo atterrare un’altra volta su Joe, schienando poi quest’ultimo per qualificarsi alla “fase finale”.
Winner: AJ Styles via pinfall.

Tempo di IIconics, le quali prendono in giro Naomi per essere rimasta da sola ora che anche Bayley ha abbandonato Raw. Scopriamo che Billie Kay affronterà l’ex campionessa di SmackDown Live proprio ora!

2) Single match: Billie Kay (c) w/ Peyton Royce (c) vs Naomi [s.v.]
Naomi vince con un Sunset Flip, con le australiane che restano a protestare sul ring… e anche io.
Winner: Naomi via pinfall.

Solito video poco poco inquietante di pupazzi; in attesa di capirci qualcosa di più, eccoci pronti per il secondo Triple Threat della serata. Chi affronterà AJ Styles nel (presumibilmente) main event di stasera?

3) Triple Threat n°1 contender qualifying match: Drew McIntyre vs Baron Corbin vs The Miz 3 out of 5 stars (3 / 5)
Altro incontro molto solido, con Drew e Baron che si accaniscono su uno stoico Miz – sempre più a suo agio nei panni del face. Il Magnifico oppone resistenza, ma i due avversari sono fortissimi: ben presto è Drew McIntyre a tirare le fila, vista l’imponente stazza, ma lo scozzese scopre in Mizanin un validissimo avversario. L’Alabama Slam nella sua versione “invertita” vale solo un conto di due; lo stesso risultato ottiene anche la Deep Six di Corbin, che poi finisce fuori dal ring. Si amplifica il “match-dentro-al-match” fra Drew e Miz, ma alla fine arriva la Claymore… MA CORBIN ERA ATTENTO!
Il fu “Lone Wolf” scaraventa Drew McIntyre fuori dal quadrato e schiena uno sfinito Miz, con Styles che ha seguito il tutto dagli spogliatoi: che sia arrivato il momento di Baron?
Winner: Baron Corbin via pinfall.

Che poi, in tutto questo, fossi in Baron sarei LEGGERMENTE preoccupato dalla reazione di McIntyre. Ma va beh.
Ennesimo promo a cinque stelle di Sami Zayn, che oggi si prende la briga di mostrarci tutte le sue avventure in giro per il mondo mentre era a recuperare dal suo infortunio… tramite diapositive. Allego immagine per farvi capire il livello di epicità:

Sami continua poi la sua campagna personale contro il WWE Universe, dicendo che il solo pensiero di dover tornare ha trasformato quel bel faccione felice in un concentrato di ansia… e la colpa è nostra, dei fan. Sami conclude augurandoci di fare un buon viaggio… all’inferno.

4) Single match: Cedric Alexander vs Cesaro 3 out of 5 stars (3 / 5)
Due meravigliosi atleti.
Cesaro è un nome nuovo a Raw, visto che è stato draftato misteriosamente stasera e separato dal suo long time partner Sheamus.
Alexander, invece, è giunto qui dalla gabbia dorata di 205 Live ed è pronto a giocarsi le proprie carte: incontro spumeggiante per l’afroamericano, che parte molto forte e fa valere un dinamismo invidiabile. Cesaro tiene botta, ma Cedric sembra scatenato: l’ex campione dei pesi leggeri sembra poter connettere una manovra in Springboard, ma viene intercettato ben presto da un Uppercut volante che vale a Cesaro la vittoria dopo quasi sette minuti di adrenalina. Cosa potrebbero fare con il doppio del tempo? Mai come oggi: ai posteri l’ardua sentenza. Bravissimi!
Winner: Cesaro via pinfall.

Cesaro che peraltro esulta con la musica di Sheamus sotto. Poesia.
Gli Uso’s, intanto, hanno un piccolo alterco backstage con i Revival, i quali avvisano i due samoani che Raw è territorio dei Top Guys.
Sul ring, intanto…

5) Tag team match: The Viking Raiders vs Lucha House Party…
…non comincia nemmeno.
Viking Raiders, che ricordano pericolosamente i Viking Experience di settimana scorsa, i quali ricordavano abbastanza i War Raiders di NXT, che dal canto loro assomigliavano tantissimo ai War Machine delle indies… beh, insomma, i due vichinghi uccidono letteralmente quei tre cartonati messicani e la loro pignatta, schiantandoli con un repertorio di mosse di potenza fra (mi sembra) l’indifferenza del pubblico. Settimana prossima facciamo Viking Express?
In tutto questo, Zack Ryder (insieme a Curt Hawkins) è nel backstage e dice che, nonostante siano grossi, i due vichinghi sono dei debuttanti: lui e Curt hanno il vantaggio dell’esperienza. Sicuro, Zack.

Promo per Becky Lynch sul ring: le attenzioni sono tutte rivolte a Lacey Evans. L’irlandese sostiene di aver costruito la propria carriera proprio distruggendo le biondine da copertina come Lacey, la quale non si fa attendere e raggiunge Becky per apostrofarla: “Non capisco come mai tu abbia sempre così tanta voglia di lottare. Una gentildonna sa controllarsi”, sentenzia la bionda, che poi promette di insegnare a “The Man” un po’ di women’s right.
Becky, intanto, ha da superare l’ostacolo chiamato Alicia Fox.

6) Non title match: Becky Lynch (CC) vs Alicia Fox 0.5 out of 5 stars (0,5 / 5)
Per l’amor di Dio, abolite Alicia Fox.
Winner: Becky Lynch via submission.

Lacey Evans sbuca fuori dal nulla e stende Becky con la Women’s Right – sellata in un modo che ricorda vagamente Shane McMahon e il Punt Kick di Orton di ormai “qualche” anno fa.

7) Single match: ROBERT ROODE vs Ricochet 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)
ROBERT ROODE.
Non più Bobby, ma Robert… e un baffo talmente fuori luogo che ricorda, ahimè non troppo vagamente, gli attori porno degli anni settanta/ottanta: questo è il “reboot” di Bobby Roode, contrapposto a un Ricochet ormai orfano del partner Aleister Black (inizialmente spostato a Raw insieme a lui, ma traslato a SmackDown perché in WWE “prepariamo tutto con un anno di anticipo”. Falsi).
Ricochet sfoggia la sua velocità per mettere in difficoltà l’avversario, ma Pornobaffo di Orange is the new Black decide di farsi valere e prova addirittura la Spinebuster per il conto di due. Voli pindarici, poi, da parte del Principe del Cielo, che però canna completamente la 630° (o quanti gradi sono, che non mi ricordo) e finisce vittima della Glorious DDT… e Roode vince? Che prima sconfitta anticlimatica per Ricochet!
Winner: Robert Roode via pinfall.

Signori, questo non è uno scherzo.
Una musichetta allegra ci introduce la Firefly Fun House, e riconosco nella grafica i creepy pupazzi delle ultime settimane: da una porta, completamente a caso, esce fuori… Bray Wyatt… completamente dimagrito, pulito, vestito con un gilet e dei pantaloni normali e i capelli raccolti. Bray ci presenta i suoi nuovi amici, ossia Mercy the BuzzardAbby (sei tu, Abigail?) the Witch, e passa a raccontarci di come sia stato un uomo cattivo in passato… il tutto condito da puerili risate di sottofondo tipo sit-com americana e da una musica allegra e colorata. Bray prende poi un cartonato che raffigura il suo vecchio character e dice che non indugerà mai più nell’oscurità, per poi… beh…

…TAGLIARLO CON UNA MOTOSEGA.
Bray magistrale nella recitazione, mentre tutto il contorno del promo (che vi invito a guardare) è perfetto. Questa potrebbe essere una delle cose più interessanti di sempre, in particolare se quei due pupazzi dovessero significare qualcosa…

Si giunge così, con questa paranoia, al nostro main event…

8) N°1 Contender match: AJ Styles vs Baron Corbin 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)
Match equilibrato fra i due, con Corbin che prova ad assestare colpi ma niente risulta essere davvero decisivo. Styles fa valere la maggiore esperienza e resiste alla Deep Six, con il Lone Wolf che non riesce a trovare un pretesto per provare la End of Days: Corbin finisce vittima della Calf Crusher ma non cede, soltanto che Styles ha provocato ormai un danno e va a chiudere il match con la Phenomenal Forearm. Benvenuto a Raw, AJ!
Winner: AJ Styles via pinfall.

Quindi, a Money in the Bank sarà Seth Rollins vs AJ Styles con il titolo Universale in palio. Sì, lo so che lo volevate come main event di Wrestlemania. Lo so, sembra un match sprecato. Eppure, io sono felicissimo così: sulla stretta di mano fra Styles e Rollins, arrivato sul ring per “fare conoscenza” del futuro avversario, io vi saluto.
Ci vediamo alla prossima puntata!

Amorevolmente vostro,
PP

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dei match
6.5
Qualità dei promo
6.5
Evoluzione delle storyline
7
Avatar
Classe 1996, laureato in Lettere Moderne. I report di Raw sono il romanzo dei miei martedì mattina. A volte è il peggior Manzoni, a volte è Irvine Welsh, altre semplicemente Fabio Volo. Legato da un rapporto amore/odio con la WWE, coltivo il sogno di vedere Adam Cole e tutta l'Undisputed Era sul tetto del mondo. Mi piace proprio tanto immaginare.