IN MEMORY OF “THE NATURAL” BUTCH REED

Un saluto a tutti i lettori di Zona Wrestling, da Cagliari (ma col cuore all’Amway Center), è Giammarco Ibba a battere la tastiera e vi dà il benvenuto presso l’isola delle opportunità, Friday Night Smackdown, nella puntata che vedrà Dominik Mysterio sfidare nuovamente King Corbin ed il campione Intercontinentale Big E difendere il proprio alloro dall’assalto di Apollo Crews e Sami Zayn.

Video recap: S’inizia con un video riassuntivo tutto ciò che è successo la scorsa domenica alla Royal Rumble, dove Edge e Bianca Belair hanno trionfato, staccando un biglietto per Wrestlemania.

Promo: Comincio a sentirmi un disco rotto anche nel dire di sentirmi un disco rotto, ma anche oggi, come spesso accade, cominciamo la serata con l’ingresso nel WWE Thunderdome dello Universal Champion, Roman Reigns, confermatosi campione questa domenica in seguito a varie scorrettezze che, in un match senza squalifiche come il Last Man Standing, gli hanno permesso di battere per la terza volta Kevin Owens; il Tribal Chief, preso in mano il microfono, comincia col dire di non essere un uomo che si guarda spesso alle spalle, di non essere un uomo che ama ricordare le cose, quindi, è arrivato il momento di parlare del futuro, Edge che, avendo vinto il Royal Rumble Match, si è conquistato un biglietto in prima classe per il Main Event di Wrestlemania 37, ma chi è il main event? Roman Reigns. Ed allora perché Edge ha perso tempo a RAW ed NXT, facendo aspettare Roman da solo nell’isola della rilevanza e, di conseguenza, mancandolo di rispetto, indi per cui, Edge si deve fare avanti ed ergersi davanti all’Head Of The Table, ma ciò sembra non essere possibile data l’assenza della Rated-R Superstar. Roman sembra un uomo a cui non piace giocare, ma in realtà lo è, quindi perché Edge non gioca con Roman? L’ultimo ad averlo fatto si chiamava Kevin Owens ed ha fatto la fine che ha fatto. Quindi Edge ha bisogno di capire che questa è la sua unica chance e dovrà far sapere a Roman la sua decisione entro la fine della serata.

Dominik Mysterio Vs King Corbin 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)

Ennesimo capitolo di questa faida che vede King Corbin attaccare il rivale durante l’entrata, ancor prima che il match inizi, per poi dirigersi verso il quadrato col sorriso stampato sul volto.

La regia manda in onda un match già iniziato che, proprio come i precedenti trai due, vede Dominik tentare qualche manovra dall’alto tasso di spettacolarità, mentre il monarca opta per manovre statiche ed efficaci, provando più volte a capitalizzare senza, però, ottenere risultati, venendo fatto vittima di un Tope Suicida ad opera del figlio d’arte. Pausa pubblicitaria e fallimentare tentativo di Diving Crossbody per mano di Dominik, poi a segno con uno Standing Moonsault, vedendo la 619 venir interrotta dalla Deep Six dell’ex-Lonewolf, fatto cadere rovinosamente al tappeto  da Dominik, a segno con un secondo Tope Suicida, riuscendo poi a connettere, grazie all’aiuto del padre da sotto il ring, la letale combo di 619 e Frog Splash.

Vincitore: Dominik Mysterio.

Intervista: Intervistato nel backstage da Kayla Braxton, Big E dice di non essersi dovuto preparare particolarmente per il triple threat match di stanotte, infatti, fin da quando ha vinto l’Intercontinental Championship, sa di doversi battere in ogni match come se fosse il più importante ed è ciò che farà oggi.

Daniel Bryan Vs Cesaro 3 out of 5 stars (3 / 5)

Il match inizia immediatamente con un tecnico scambio di scortesie, dominato e concluso da Bryan con un Diving Plancha a bordo ring, seguito da un Diving Missile Dropkick all’interno del quadrato, dove il mirino di Bryan mira chiaramente gli arti superiori dello svizzero che, andando per il Very European Uppercut, gabba in un Backslide Pin, dovendo riparare l’errore con una rapida serie di Uppercuts, da Bryan controbattuti con una breve Yes Lock, seguita da uno stordente Basement Roundhouse Kick diretto alla nuca dell’avversario, precedentemente a vuoto con lo Springbord Corkscrew Uppercut, al quale, Bryan tenta di rispondere col Busaiku, salvo venir fatto vittima di una Backbreaker e la letale combo di Superman Swing e Sharpshooter.

Vincitore: Cesaro.

A fine match, i due atleti si scambiano un segno di rispetto.

Video recap: Ci viene mostrata la scalata alla vittoria del Royal Rumble Match di Bianca Belair.

Intervista: Viene intervistata la vincitrice del quarto Royal Rumble Match femminile della storia, Bianca Belair, alla quale, viene mostrata la reazione dei genitori all’eliminazione finale a spese di Rhea Ripley e la corrispondente vittoria della figlia che, rispondendo alla domanda circa una sua idea circa Wrestlemania, dice che prenderà la più grande decisione della propria vita con calma.

Bayley Vs Ruby Riott 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)

L’aspetto migliore di questo match, con alte probabilità, è il commento di Billie Kay, mentre le due ragazze sul ring, nonostante l’innegabile talento, non riescono ad ingranare ed offrono uno spettacolo alquanto passabile, con le fasi della contesa che potrebbero esser definite invertite, dato il fatto che la ragazza tatuata, partita subito col Riott Kick, viene poi chiusa in basiche sottomissioni, per poi venir violentemente mandata contro le corde, prima di riuscire a connettere un Superkick, con la Riott che, chiusa in una Wrist Clutch, viene aiutata irregolarmente da Billie Kay che viene, però, fermata dalla Morgan, con Bayley che chiude la contesa con la No Hugs Just Pain.

Vincitrice: Bayley.

Promo: Presentatasi sul ring, Bianca Belair dice che, da domenica notte, la sua vita è cambiata radicalmente, dicendo come la scelta dell’avversaria per Wrestlemania sia la più ardua della sua vita: da una parte l’imperatrice di ogni giorno, Asuka, dall’altra la sua grande amica, Sasha Banks, mentre ecco arrivare sul ring Reginald; il sommelier fa una proposta all’EST, dicendo come sia sicuro del fatto che Bianca possa battere Asuka, ma di come non possa neanche pensare di torcere un capello a Sasha Banks o Carmella che, sentitasi nominare, irrompe nel WWE Thunderdome scusandosi per l’interruzione di Reginald, per poi dire come abbia battuto la Boss più di una volta e, quindi, di poterlo fare anche con lei, ma ecco arrivare anche la Blue Print che, con tutto il rispetto, dice di dover andare oltre l’Untouchable ed arrivare a Bianca, aggiungendo come sappia che Bianca sia la più forte e la più veloce, ma non la migliore. Quindi, se vuole sfidare la Boss, che si faccia pure avanti e, rispondendo, Regi la interrompe subito, dicendo come perderà di sicuro e, di tutta risposta, la Belair sfrutta la propria treccia per frustare il povero Regi.

Backstage: Nel backstage, Roman Reigns viene informato dell’arrivo nel palazzetto di Edge.

Intervista: Intervistato da Kayla Braxton, Sami Zayn interrompe subito l’intervistatrice, dicendo come stasera riotterrà ciò che non ha mai perso.

Alpha Academy Vs Dolph Ziggler & Robert Roode 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)

Seppur abbia un non so che di jobber, la nuova theme song di Ziggler & Roode non è male, almeno, avremo un motivo vero per tifare Roode oltre alla theme song.

Il match inizia con il tecnico scontro tra Gable e Ziggler, col primo che dà sfoggio di tutte le proprie abilità nella lotta libera, incassando, però, un poderoso Dropkick per mano dello Show Off, poi fattosi da parte in favore del Glorious One che, dopo qualche manovra messa a segno, viene fatto vittima della sequenza di mosse Comeback di Otis, la cui esplosività viene accentuata dal commento degli Street Profits, con Gable che, connettendo il Dead Lift German su Ziggler, viene preso alla sprovvista da Roode, vincitore grazie alla Glorious DDT.

Vincitori: Dolph Ziggler & Robert Roode.

Hulk Hogan Vs Andre The Giant 33° Anniversary: Riviviamo parte del match più visto della storia, Hulk Hogan Vs Andre The Giant. The Immortal, sempre più bordeaux, dice che il suo BROTHER Andre gli ricorda un pochino il suo BROTHER Edge, che è sicuro vincerà il WWE Championship a Wrestlemania.

Intercontinental Championship: Big E Vs Apollo Crews Vs Sami Zayn 3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)

Il match inizia con la ritirata di Sami Zayn, che lascia i due avversari scannarsi a vicenda, in attesa del momento giusto per poter attaccare alle spalle uno dei due, cosa che fa in modo fallimentare venendo prontamente respinto da Big Ettore, poi vittima della serie di tre German Suplexes ad opera di Apollo, a segno con una Shot Arm Clothesline su Zayn e due Stinger Splashes, controbattuti con una Corner Clothesline dal campione che, seppur attaccato alle spalle dall’ex-El Generico, riesce a dominare quest’ultimo senza problemi, salvo incassare la combo di Tope Con Hilo ed Apron Moonsault per mano di Crews, poi vittima di un Lariat del canadese. Pausa pubblicitaria e Buckleplex di Zayn su Big E, resistito alla Blue Thunderbomb, con Apollo che, intromessosi, viene messo a ferro e fuoco da Big E che, non cedendo alla Rear Naked Choke di Sami Zayn, connette il Running Splash su ambo gli avversari, con Apollo che riesce a rispondere con un Enzeguiri Kick, prima di venir mandato a bordo ring dal campione, il quale evita l’Helluva Kick con un’Uranage, seguita dall’Apron Splash, prima di venir colpito con un Dropkick da Apollo, vicinissimo alla cintura con una magistrale Frog Splash su Zayn, vittima di un Exploder Suplex di Crews, a sua volta vittima di un German Suplex di Big E, non ancora riuscito a connettere l’Apron Spear, incassando il quasi vincente Helluva Kick, non decisivo grazie all’intervento di Apollo, al quale, Zayn chiede umilmente pietà (ma Apollo è un insensibile e lo mena come non ha mai fatto). Apollo torna sul ring, dove lo aspetta la finale Big Ending che conferisce a Big E la difesa del titolo.

Vincitore: Big E.

UFFICIALE: Settimana prossima, qui a Friday Night Smackdown, tornerà Seth Rollins.

Promo: Sullo stage, si presenta Edge, il quale dice che non si può conquistare alcun riconoscimento senza desiderarlo davvero, ed è stato questo il vero segreto della vittoria del Royal Rumble Match di Edge: il voler riprendere qualcosa che non si è mai perso, il voler riprendere qualcosa che sente suo e, perciò, si è allenato, è salito sul ring per quasi un’ora ed ha battuto 29 tra le Superstars migliori al mondo, ma è qui che arriva il problema… Chi sfidare? Gli amici dicono una cosa, la famiglia ne dice un’altra, ma secondo qualcuno, l’unica opinione che conta è quella di Roman Reigns che, ertosi sullo stage in compagnia di Main Event Uso e Paul Heyman, si dirige lentamente verso il quadrato. Roman comincia col promettere ad Edge che non accadrà niente, ma l’Opportunista Definitivo capisce già il piano di Roman e Jey, così il primo manda fuori dal quadrato il cugino, avvicinandosi alla Rated-R Superstar imponendogli di riconoscerlo come main eventer di Wrestlemania, mentre ecco spuntare alle spalle del Tribal Chief Kevin Owens, a segno con una Stunner, per poi andarsene tranquillamente via.

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dei match
6
Qualità dei promo
7
Evoluzione delle storyline
7
Giammarco Ibba
Giammarco Ibba, nato in Sardegna, seguo il wrestling da quasi 6 anni. Fin da bambino, ho sempre preferito stare 3 ore a guardare RAW piuttosto che stare 90 minuti a guardare una partita di calcio e, non avendo molte passioni oltre al Wrestling, quest'ultimo mi occupa gran parte del tempo libero. Amante del wrestling britannico, il mio wrestler preferito è Pete Dunne, seguito da lottatori come Nigel McGuinness. Scrivo per Zona Wrestling dal settembre 2020, occupandomi di news, della sezione report ed, in particolare, di Friday Night Smackdown ed NJPW Strong.